"I musei raccontano la Puglia": il progetto che fa innamorare i bambini da 0 a 13 anni del territorio

Loredana Capone: "Una nuova modalità di comunicazione con i cittadini e, soprattutto, con i giovani affinché si sentano responsabili della bellezza e dell’enorme patrimonio spesso non considerato o, peggio, sconosciuto"

La presentazione de "I musei raccontano la Puglia"

I musei raccontano il territorio, narrano la Puglia. Nasce la prima sperimentazione di rete tra le istituzioni culturali delle città pugliesi per un uso sempre più qualificato e condiviso del patrimonio. L’obiettivo è offrire un prodotto culturale in grado di coinvolgere attivamente le comunità a partire dai bambini.

Il progetto si chiama “I musei raccontano la Puglia” e punta a coinvolgere bambini e ragazzi, da 0 ai 13 anni, per stimolarlo all’uso consapevole, alla fruizione e alla conoscenza dei beni culturali, degli istituti e dei luoghi della cultura pugliesi con particolare riferimento ai Musei. Questa mattina, presso la Mediateca regionale, l’incontro tra l’Assessore all’Industria Turistica e culturale, Loredana Capone, i direttori del Polo Biblio Museale di Brindisi, di Foggia e di Lecce e i sindaci dei Comuni di Foggia, Ceglie, Laterza, Ruvo e Ugento, capofila per le province di Foggia, Bari, Brindisi, Taranto e Lecce, i cui musei si sono rivelati particolarmente virtuosi rispetto all’applicazione degli standard museali. E proprio sugli standard l’assessore ha anticipato che la Regione ha riavviato il percorso di approvazione dei propri livelli di qualità per renderli coerenti con la nuova normativa nazionale.

“Abbiamo tutti bisogno conoscere le nostre origini, la nostra identità - ha detto Loredana Capone - e il Museo è il luogo dove i cittadini con le proprie famiglie, i bambini, le bambine, si uniscono alle proprie radici mentre i turisti si sentono parte della storia della comunità che li accoglie. Con questo nuovo progetto, allora, noi vogliamo sperimentare una nuova modalità di comunicazione e dialogo con i cittadini e, soprattutto, con i giovani affinché si appassionino e si sentano responsabili della bellezza dell’enorme patrimonio che è lì, ad un passo da loro e che, nonostante tutto, è spesso non considerato o, peggio, sconosciuto. Ma è anche un modo per creare una sinergia attiva sul territorio tra le diverse istituzioni, una sinergia indispensabile per realizzare il grande sogno dei pugliesi: quello di rendere i nostri Museo vivi, luoghi in cui parlare e creare, insieme”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Regione Puglia, in attuazione di una norma emanata dal Consiglio regionale su proposta del consigliere Enzo Colonna, continua così a sostenere la valorizzazione delle risorse identitarie e delle bellezze dei territori della Murgia e della Gravina che abbracciano Matera 2019, segnando una nuova e importante tappa nel percorso intrapreso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Piero Pelù, rocker innamorato in quarantena a Foggia: "Sono corso da Gianna appena in tempo, in due ci diamo forza"

  • Incendio sulla 'pista', vigili del fuoco accerchiati e derubati delle attrezzature: notte di follia a Borgo Mezzanone

  • Tragedia ad Alberona, c'è una vittima: estratto dalle macerie il corpo di una donna: nel crollo 6 persone tratte in salvo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento