Eternit abbandonato in strada da un mese. Passa il tempo, nessuno lo rimuove...

Il consigliere Marcello Sciagura denuncia la presenza di rifiuti, anche pericolosi, in via De Petra, periferia sud della città. "Sono lì dal 20 luglio"

I rifiuti abbandonati in via De Petra

Lastre di eternit abbandonate, insieme ad altri rifiuti, in via De Petra, alla periferia sud della città. Sono lì dal 20 luglio, ovvero da quasi un mese. Lo denuncia - con tanto di immagini - il consigliere Marcello Sciagura attraverso la sua pagina Facebook. "Passano i giorni e la situazione all'isola ecologica di via De Petra peggiora sempre più", spiega.

"Ormai c'è di tutto: dalle tegole in eternit, agli scheletri di divani, a servizi igienici a resti di ristrutturazione. Alcuni foggiani non hanno alcuna capacità morale e intellettuale per capire che qualsiasi parte della città è casa loro". La denuncia social è del 14 agosto, ma fino a questa mattina nulla era cambiato. Il problema è stato rilanciato nella giornata di ieri anche dalla video-denuncia (ironica ma non tanto) di Ivana Cassano di Italia in Comune a Foggia. Conclude il consigliere Sciagura: "A questa inciviltà tutta cittadina si associa una assoluta mancanza di controllo da parte di questa amministrazione e dei vigili urbani, insieme all'inconsistenza del servizio a terra di Amiu che si preoccupa solo di raccogliere il differenziato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Testimonianza choc, la compagna del 38enne ucciso: "E' stato il bambino". Giornalista costretto a cancellare immagini

Torna su
FoggiaToday è in caricamento