Da Cammariere alla rievocazione storica, d'Arienzo celebra il festival 'Michael': "E' nato un grande evento"

Bilancio più che positivo per la prima edizione del festival che ha visto 10 giorni di programmazione, 5 diverse espressioni artistiche, ma anche convegni, patti di collaborazione e amicizia, due protocolli di intesa e il coinvolgimento di 21 città

Sergio Cammariere

“Siamo molto soddisfatti: è nato un grande evento” – dichiara Pierpaolo d’Arienzo, Sindaco della Città di Monte Sant’Angelo, che prosegue – “Non solo per la qualità artistica degli eventi promossi ma, soprattutto, per i risultati raggiunti grazie agli importanti impegni assunti attraverso la costituzione di reti che a diversi livelli ci ha visti protagonisti per una promozione comune delle nostre destinazioni turistiche. Tante le idee su cui già mettersi a lavoro condivise con gli altri comuni ed enti”. “L’intento, quindi, è stato raggiunto: quello, cioè, di lavorare insieme per creare prodotti turistici sui segmenti culturale, spirituale, naturale ed enogastronomico e rendere questi contenitori strategie operative e concrete di promozione.” – continua il primo cittadino – “Abbiamo presentato al meglio la nostra Città e grazie anche ai nostri operatori commerciali e turistici abbiamo accolto con calore i tanti ospiti. Un grazie particolare agli enti e alle associazioni che hanno condiviso e ci hanno accompagnato in questo percorso e hanno percepito sin dall’inizio l’importanza della nostra strategia”.

Michael è stato un crescendo di emozioni: il concerto intimo e suggestivo di Cammariere; il ricordo commosso di Peppino Principe, un grande cittadino e musicista di Monte Sant’Angelo che ha composto l’opera lirica “Alleluia San Michele”; la suggestiva rievocazione storica nel fossato del Castello e la narrazione del docufilm MiKaEl; l’impressionante, emozionante e profonda forza dell’opera musicale “San Michele. L’Angelo dell’Apocalisse” che ha visto in scena tra i maggiori artisti della scena nazionale. Tutti gli eventi si sono chiusi con una standing ovation da un pubblico felice ed emozionato.

Michael è stato anche un momento culturale importante grazie alla presenza di eminenti professori che hanno animato convegni dall’importante valore scientifico: dalla presentazione delle nuove pubblicazioni dell’Associazione Italia Langobardorum al convegno sulle monete, fino agli interventi dell’Università di Bari dedicati al culto di San Michele in Europa e alla presentazione della nuova edizione critica dell’Apparitio.

“Con questo grande evento abbiamo voluto mettere in vetrina i nostri tesori e le esperienze che si possono vivere a Monte Sant’Angelo. Un evento che diventa una strategia di comunicazione e promozione importante per rendere i nostri quattro prodotti turistici concreti strumenti per i tour operator e gli stakeholder” – commenta l’Assessore alla cultura, turismo e istruzione della Città di Monte Sant’Angelo, Rosa Palomba, che aggiunge – “Le imprese e le associazioni del territorio, da oggi, hanno strumenti per pianificare e programmare, con noi, azioni di marketing territoriale volte a destagionalizzare e internazionalizzare la nostra destinazione turistica”.

“Michael è nato con l’intento di crescere forte e diventare un appuntamento atteso ogni anno. Un evento che celebra l’apparizione di San Michele sul Monte Gargano e i nostri due Siti UNESCO e che vogliamo continui ad ospitare grandi eventi, importanti convegni e che sia un grande momento di festa per la Città” – continua Palomba – “Un evento, inoltre, che ha visto sin da subito e per la prima volta la creazione di un tavolo di coordinamento con l’Ente Parco, i Padri Micheliti del Santuario, il Centro Studi Micaelici e Garganici dell’Università di Bari, l’Associazione Italia Langobardorum. Una strategia, ora, messa a sistema, che si può aprire come evento di programmazione e promozione turistica”.

Nel festival sono state coinvolte più di 20 Città: Olevano sul Tusciano, Sant’Angelo a Fasanella, Putignano, Cagnano Varano, Orsara di Puglia, Cividale del Friuli, Brescia, Castelseprio, Spoleto, Campello sul Clitunno, Benevento, Nova Milanese, Sant’Ambrogio di Torino, Avigliana, Chiusa San Michele, Valgioie, Alberobello, Andria, Matera, Bari e San Giovanni Rotondo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La programmazione di qualità, la creazione di una rete locale forte tra gli attori protagonisti della promozione turistica sono un ottimo inizio. È un evento che sicuramente può migliorare e crescere per diventare un punto di riferimento del nostro patrimonio culturale e attrarre flussi turistici. Michael torna dal 4 all’11 maggio 2019 per la sua seconda edizione” – annuncia l’Assessore Palomba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento