rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Attualità

Dai femminicidi alle violenze in Iran: nel Foggiano si celebra la 'Giornata internazionale dei diritti della donna'

Alcune iniziative in programma a Foggia, sui Monti Dauni e sul Gargano. Dal volume del Consorzio Opus sulle donne maltrattate agli incontri organizzati a Orsara per i diritti delle donne iraniane

L’8 marzo si celebra la “Giornata internazionale dei diritti della donna”, istituita nel 1977 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per ricordare sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto in ogni parte del mondo. Diverse saranno le iniziative promosse a Foggia e nei comuni della provincia. Mercoledì 8 marzo alle ore 18 si terrà presso la bottega ‘centonove/novantasei’, la presentazione del volume ‘Rinascita. Storie di donne maltrattate’, realizzato dal Consorzio Opus, che con la sua consorziata F. Aporti ha gestito dal 2017 al 2022 il Centro Antiviolenza ‘Carmela Morlino’ dell’Ambito Territoriale di Foggia. Nei cinque anni di gestione, le operatrici del Centro hanno sostenuto e aiutato tutte le utenti che si sono recate in struttura e dalle loro esperienze è nata l’idea di realizzare il libro. La pubblicazione racconta quattro storie di donne, in assoluto anonimato, che hanno voluto condividere il loro dramma, il percorso di dolore e di risalita delle loro vite e, soprattutto, di riscatto verso un futuro migliore con la consapevolezza di avercela fatta. Partendo dalle singole storie vere, sia pure romanzate, segue un approfondimento suddiviso in tre sezioni: sociale, psicologica e legale, curate rispettivamente dalle singole professioniste di riferimento.

Alla presentazione del volume saranno presenti: Filomena Zea, Assistente sociale – “Introduzione al fenomeno della violenza di genere: la metodologia del CAV”; Silvia Raschini, Psicologa e Psicoterapeuta – “Vorrei ma non posso? Perché le donne non denunciano”; Daniela Gentile, Avvocata – “Misure di prevenzione e Contrasto alla violenza di Genere”. La violenza contro le donne può assumere diverse forme: fisica, psicologica, economica, stalking, molestie, abusi sessuali, mobbing. Di conseguenza, questa pubblicazione diventa uno strumento utile ed importante, per sensibilizzare la comunità su queste tematiche e per fare conoscere ad ogni donna vittima di violenza che si aggrappa al desiderio di riscatto, libertà e indipendenza, che un’altra strada è possibile.

'La regina del grano' al Museo Civico

Sempre a Foggia, alle ore 18, il Museo Civico ospiterà la presentazione del volume 'La Regina del grano', una ricerca condotta da Antonella Fiore sull'elezione, nel lontano 1910, della omonima reginetta di bellezza di Foggia. Un concorso di bellezza che mobilitò nei primi ani del Novecento tutta la città di Foggia e la sua provincia. Un evento singolare per l’epoca in cui fu realizzato che rivive in questo volume edito dall’Associazione Amici Museo Civico attraverso la ricostruzione effettuata dalla Fiore sullo studio dei documenti originali del concorso conservati ancora oggi presso l’Archivio Storico del Museo Civico di Foggia. Documenti che saranno anche messi in mostra nel corso della presentazione del volume.

La ricerca della Fiore sarà presentata da di Rossella Palmieri, docente di letteratura italiana presso l’Università di Foggia e Carmine de Leo presidente dell’associazione Amici del Museo Civico. All’evento parteciperà, con un intervento sull’importanza della documentazione d’archivio, anche Massimo Mastroiorio, direttore dell’Archivio di Stato di Foggia.

Da Orsara cartoline all’ambasciata: “Libertà per le donne iraniane”

All’Ambasciata della Repubblica Islamica dell’Iran, in via Nomentana 361 a Roma, da Orsara di Puglia arriveranno decine di cartoline: il messaggio che esse recheranno è in favore della lotta di iraniane e iraniani a sostegno dei diritti e della libertà delle donne. L’iniziativa fa parte delle manifestazioni che si terranno a Orsara di Puglia, mercoledì 8 marzo 2023, in occasione della Giornata Internazionale della Donna. Su proposta di Anna Del Priore, responsabile Cgil per Orsara, il Comune di Orsara di Puglia e la Cgil hanno organizzato tre momenti molto significativi durante la giornata dell’8 marzo: il primo, alle ore 12, si terrà nella Scuola Media del paese, dove la condizione femminile in Iran sarà approfondita da Leonarda Poppa del Gruppo Storico orsarese. Alle ore 17, nuovo appuntamento in aula consiliare, sul tema ‘La lunga e coraggiosa lotta delle donne iraniane’. A seguire, poi, si potrà assistere alla proiezione del film ‘Persepolis’. Il titolo della giornata speciale che Orsara dedicherà ai diritti è ‘La lotta delle donne iraniane è la nostra lotta’. “Vogliamo coinvolgere la cittadinanza, e in particolare i più giovani”, ha spiegato il sindaco Mario Simonelli. “La lotta delle donne iraniane è anche nostra, perché ci insegna che nulla è scontato, che occorre ancora progredire sui diritti delle donne in ogni parte del mondo, anche in Italia”.

‘Amare da morire’ a Vico del Gargano

Nell’aula consiliare, dalle ore 18.30, si terrà la presentazione del libro ‘Amare da morire’ di Luana Greco. A colloquiare con l’autrice, per discutere di come affrontare il tragico fenomeno delle violenze contro le donne, ci sarà la psicologa Desirèe Gervasio, che modererà l’incontro. Interverranno inoltre l’avvocata Angela Masi e, in rappresentanza di Una Rosa per un Sorriso, la psicologa Veronica Gatto. Grazie al Laboratorio K2, inoltre, saranno declamate tre poesie incentrate sulla forza, la bellezza e i diritti dell’universo femminile. Ad aprire l’incontro, saranno il sindaco Michele Sementino e l’assessore alla Cultura Rita Selvaggio. “Più che una festa – ha dichiarato Rita Selvaggio – quella dell’8 marzo è una giornata di riflessione e di rivendicazione dei diritti delle donne, un’occasione per fare un passo in avanti verso la conquista di un futuro che sia realmente e concretamente paritario, senza più discriminazioni di genere. Ringrazio Una Rosa per un Sorriso, un’associazione attiva e presente 365 giorni l’anno nel dare un sostegno e nel rappresentare un importantissimo punto di riferimento per le donne in difficoltà, per le donne vittime di violenza, per quante vogliono affrancarsi da una condizione spesso drammatica. Un ringraziamento al Laboratorio K2 che, in questa come in altre occasioni, è sempre disponibile a dare il proprio contributo per iniziative importanti. Un ringraziamento che va anche all’autrice, alla moderatrice e alle relatrici dell’incontro che terremo mercoledì 8 marzo”.

“Grazie all’impegno congiunto dell’Amministrazione e di diverse associazioni”, ha aggiunto il sindaco Michele Sementino, “il Comune di Vico del Gargano ha dato vita con grande continuità a iniziative incentrate su come affrontare il drammatico fenomeno della violenza contro le donne. È un impegno che va ulteriormente rafforzato, continuando nel coinvolgimento e nella sinergia tra istituzioni, associazioni, scuole, mondo della cultura e delle professioni”. Il libro ‘Amare da morire’, di Luana Greco, nasce dall’esperienza personale dell’autrice che, da vittima di violenza, ha deciso di raccontare la propria storia e il proprio percorso di liberazione per aiutare tutte le donne a denunciare e a combattere, per respingere i frutti malati di rapporti insani e violenti, basati sul condizionamento psicologico e la prevaricazione.

'8 marzo pratiche di pace' 

Un altro appuntamento a Foggia è quello in programma presso l'auditorium della Camera del lavoro, dal titolo 'Pratiche di pace' e che vede il coinvolgimento di 'Belle ciao Cgil, Coordinamento Donne Spi Cgil, Auser Foggia, Merlettaia, Donne in Rete, Correre Donna, Coordinamento Capitanata per la Pace, Anpi e Link. Pratiche di pace è il tema della serata che si svolgerà l’8 marzo 2023 alle ore 17.30 nell’Auditorium della Camera del Lavoro in via della Repubblica. Testimonianze, momenti di riflessione, proiezioni di video, performance di lettura espressiva e musicale, spazi per la poesia e per l’arte caratterizzeranno l’evento, che sarà coordinato da Magda Jarczak, segretaria provinciale della Cgil di Foggia. A portare i loro contributi, che approfondiranno anche particolari momenti della storia del territorio che hanno visto protagoniste le donne di Capitanata, saranno Antonietta Lelario, Anna Paola Improta, Gemma Pacella, Concetta Talamo, Annalisa Savino, Giovanni Rinaldi, Maria Teresa Santelli, Lina Appiano, Tina Pizzolo, Anna Potito, Rosa Serra, Anna Fiore, i laboratori di lettura e canto espressivo dell’Auser di Foggia. In chiusura sarà proiettato un video sulle pratiche di pace delle donne del Camerun.

'Il contributo delle donne nel mondo della sanità'

L'evento, organizzato dall'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Foggia, intende valorizzare la figura femminile non contrapposta ma complementare a quella maschile nel management sanitario, nelle questioni della "medicina genere specifica", nel volontariato e nella lotta per la difesa dei diritti e dell'integrazione. Le donne, favorite da un'attitudine all'osservazione e da un approccio di profondo rispetto dei bisogni e dell'individuo, hanno in più occasioni, ed in diverse epoche, dimostrato di essere inclini alla cura per natura e sensibilità. I lavori del convegno si apriranno con la relazione del dottor Filippo Anelli presidente FNOMCeO; a seguire discuteranno di Management sanitario al femminile i Direttori Generali: Giuseppe Pasqualone, Gino Gumirato ed Antonio Nigri unitamente alle dottoresse Teresa Romei, Gabriella de Vincentis e Girolama De Gennaro; la dottoressa Fabrizia Telesforo porterà la sua esperienza come Direttore Generale nella sanità privata. I lavori continueranno con argomenti di "medicina genere specifica", violenza di genere e storie di volontariato sul nostro territorio. Oltre a numerose relatrici locali, daranno contributo la dottoressa Roberta Chersevani, già Presidente della FNOMCeO ed attualmente presidente dell'Ordine dei Medici di Gorizia e la dottoressa Maria Grazia Mazzola giornalista inviata speciale del TG1. I lavori avranno inizio alle ore 8:30 con la registrazione dei partecipanti a seguire i saluti delle autorità. All'evento sono stati attribuiti numero 10 crediti formativi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai femminicidi alle violenze in Iran: nel Foggiano si celebra la 'Giornata internazionale dei diritti della donna'

FoggiaToday è in caricamento