menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuole, in provincia di Foggia 202 contagi rispetto alla soglia 250/100mila. "Situazione allarmante a Bari e Taranto"

Nel Dpcm del 2 marzo cambi in modo sostanziale la cornice normativa all’interno della quale devono operare le istituzioni scolastiche e come nel contempo si vada modificando anche il contesto epidemiologico.

Attraverso una nota stama Menga della Flc Cgil, Calienno della Cisl Scuola, Verga della Uil Scuola, De Benardo della Snasl Confsal, Capacchione della Fgu, Spinelli dell'Anief e Romito dell'Anp, sottolineano come nel Dpcm del 2 marzo cambi in modo sostanziale la cornice normativa all’interno della quale devono operare le istituzioni scolastiche e come nel contempo si vada modificando anche il contesto epidemiologico.

L’art. 21 rende la possibilità d’intervento dei presidenti delle regioni da un lato più chiara e precisa, dall’altro più circoscritta e stringente. A tal riguardo le scriventi hanno fatto alcune considerazioni: "l’art. 21 al comma 2 presuppone che la possibilità d’intervento tramite ordinanza regionale dei presidenti di Regione siano limitate esclusivamente all’adozione delle misure previste dall’art. 43 (istituzioni scolastiche in zona rossa) e consistenti, pertanto, nella sospensione delle attività dei servizi educativi dell’infanzia e della didattica in presenza per tutte le altre scuole di ogni ordine e grado sull’intero territorio regionale o sui singoli territori provinciali e comunali"

Specificando che tale possibilità "è esercitabile solo per i seguenti motivi: incidenza cumulativa settimanale dei contagi superiore a 250 casi ogni 100mila abitanti, motivata ed eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico".

Quindi, aggiungo le organizzazioni sindacali,  "è del tutto evidente che se da un lato viene ammessa la possibilità in capo ai presidenti d Regione di emettere eventuali ordinanze, dall’altro viene limitato il tipo di intervento normativo di un’eventuale ordinanza regionale unicamente all’estensione della modalità prevista per le scuole in zona rossa. Non sono più ammesse, quindi, modalità alternative di intervento da parte della Regione".

Per le sigle sindacali la situazione epidemiologica in Puglia appare particolarmente preoccupante ancor più alla luce dei nuovi criteri introdotti dall’ultimo Dpcm. "Nelle province di Bari e Taranto, secondo quanto pubblicato dal dipartimento regionale della Salute, relativamente alla settimana che va dal 23 febbraio al 2 marzo, risulta allarmante il numero dei contagi rispetto alla soglia 250/100.000 stabilita dal Governo che, sicuramente, accende un campanello di allarme rispetto al numero dei contagi che si stanno propagando con estrema velocità nelle scuole, senza risparmiare quelle dell'infanzia.

I dati medi settimanali su 100mila abitanti delle altre province sono 156 per Brindisi, 167 per Bat, 202 per Foggia, 87 per Lecce, mentre la media regionale è di 190"

Alla luce di questi dati e delle considerazioni sopra esposte, le oo.ss. sollecitano la Regione a un’accelerazione dei vaccini al personale scolastico e a trovare soluzioni per quelle categorie di lavoratori (fragili, ultrasessantacinquenni, quarantene, ecc), che restano ancora senza risposte rispetto ai tempi di vaccinazione oltre che per chi lavora fuori regione e per i Tfa sostegno, personale scuole private, enti di formazione, Afam, università ed enti di ricerca"

Concluono chiedendo che si dia attuazione concreta ai presìdi sanitari deliberati dalla giunta regionale lo scorso 1° febbraio, "di cui a tutt'oggi non si vede neanche l'ombra".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Proprietà e benefici delle fave

Attualità

O la si salva o la si uccide

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento