Comune patrocina convegno pro-vita, 'Donne in rete' sulle barricate: "Disdicevole! Flash mob in difesa della Legge 194"

L'associazione foggiana chiede "che il Comune di Foggia revochi immediatamente il patrocinio e che i/le rappresentanti istituzionali non presenzino all'evento". Annunciato flash mob in piazza Nigri, in difesa della legge 194

Immagine di repertorio

Il Comune di Foggia patrocina il convegno 'È già vita', sulle barricate l'associazione 'Donne in rete' che chiede all'Amministrazione foggiana di rivere la propria scelta e annuncia un flash mob.

"L'evento organizzato presso la Sala Mazza del Museo Civico dall'Associazione Centro Culturale Visioni con il patrocinio del Comune, si pone in contrapposizione con la Legge del 22 maggio 1978, numero 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza, una Legge di Stato che dà alla donna la possibilità di ricorrere all’aborto. La Legge 194/78 nasce dalla necessità di porre fine al pericoloso fenomeno degli aborti clandestini, che in Italia costituivano una vera e propria piaga sociale", motiva in una nota stampa l'associazione.

"Ancora oggi, però, la Legge 194 (e la pillola RU486), che dovrebbe garantire il diritto di abortire, trova, nel suo cammino grandissimi ostacoli: la presenza di un gran numero di obiettori ed obiettrici sia nel personale medico che paramedico, il numero di posti letto spesso inadeguato alle necessità; la difficoltà di reperire la pillola abortiva sia in ambito farmaceutico che ospedaliero. Ostacoli che causano il prolungarsi dei tempi di attuazione del protocollo IVG con grave disagio di chi, avendo espresso la volontà di abortire, non sempre è accompagnata dal massimo rispetto del personale sanitario né tutelata nella sua privacy".

"Diventa così un pugno nell’occhio il logo che evidenzia il patrocinio del Comune di Foggia e disdicevole la presenza dei e delle rappresentanti istituzionali. Chi dovrebbe far rispettare le leggi rema contro la salute delle donne. Sarà forse il vento del nordest che scendendo da Verona, sede del Congresso sulla famiglia, ci vuol riportare nel patriarcato più becero imbevuto di misoginia?", ipotizzano le 'Donne in rete', che chiedono "che il Comune di Foggia revochi immediatamente il patrocinio e che i/le rappresentanti istituzionali non presenzino all'evento. Il 19 dicembre alle 17, in piazza Vincenzo Nigri, accanto al Museo Civico, ci sarà il flash mob senza patrocinio in difesa della legge 194".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento