menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rinunciano a panettoni e spumanti e devolvono mille euro in beneficenza: il gesto di solidarietà dei dipendenti di Sanitaservice

Il gesto di solidarietà degli operatori iscritti alla Fp Cgil che hanno devoluto il valore corrispettivo alla Caritas e all'associazione 'Cuore di Foggia'

Hanno rinunciato alla consueta strenna natalizia e hanno devoluto il valore corrispettivo a due associazioni di volontariato. E’ questo il gesto di solidarietà messo in atto dai dipendenti Sanitaservice iscritti alla Funzione Pubblica Cgil di Foggia. Alla Caritas Diocesana Cerignola-Ascoli sono stati donati 500 euro e altri 500 sono andati all’associazione “Cuore di Foggia”, sodalizio di volontariato e clownterapia che mette insieme oltre 200 clown-dottori tra il capoluogo e la provincia.

“E’ un’iniziativa che è nata spontaneamente”, hanno spiegato i dirigenti sindacali Fp Cgil nell’ambito di Sanitaservice. “Abbiamo effettuato i bonifici giovedì 17 dicembre, in modo che entrambe le associazioni possano avere a disposizione una piccola somma in più per le proprie azioni che portano sollievo e un po’ di gioia a chi sta soffrendo di più in questo periodo così difficile e drammatico. Durante le festività, è ancora più pesante il carico di solitudine e di dolore di chi vive situazioni particolarmente delicate e drammatiche. Ogni risorsa aggiuntiva affidata ad associazioni come Caritas e Cuore di Foggia è ben utilizzata per azioni che aiutano chi ne ha bisogno. L’emergenza pandemica ci ha ribadito una volta di più, se ce ne fosse stato bisogno, che il valore della solidarietà è fondamentale, perché tiene insieme il senso di una Comunità e di un’umanità che può farcela soltanto se unita. La rete del volontariato, ancora una volta, ha dato dimostrazione di portare avanti un lavoro prezioso, essenziale e decisivo sia all’interno delle strutture sanitarie che nelle opere di assistenza e supporto alle fasce più indigenti della popolazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento