menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il crocifisso

Il crocifisso

E pace fu, "con forte rammarico" il parroco blocca la 'corona misterica': non si farà. La spuntano quelli del 'Crocifisso'

Presso la chiesa Sant'Antonio di via Smaldone, qualche sera fa, si era sfiorata addirittura la rissa. Fra Roberto Nesta ritira "con forte rammarico" l'idea dell'opera ecatecumenale

E pace fu. L'ha spuntata il comitato 'Giù le mani dal crofifisso'. La 'Corona Misterica' neocatecumenale non verrà realizzata e la rappresentazione della figura di Gesù Cristo messo in croce resterà lì, alle spalle dell'altare. 

Lo comunica Fra Roberto Nesta, che ritira "con forte rammarico" l'idea dell'opera ecatecumenale "consapevole di aver prodotto una poco piacevole contrapposizione nella vicenda in questione" ma "nella convinta considerazione della utilità e della bontà del progetto" e "vista la contrarietà sviluppatasi".

Presso la chiesa Sant'Antonio di via Smaldone, qualche sera fa, si era sfiorata addirittura la rissa. Ed è così, che dopo la tregua, "al fine di ripristinare un corretto rapporto tra le parti e non vanificare il clima di autentica e piena comunione raggiunto in questi anni, dopo attenta disamina e illuminata riflessione" il parroco, in relazione alla comunicazione di conclusione dell'iter burocratico per la realizzazione della cosiddetta 'Coronna Misterica'', "confortato dalla saggia indicazione del ministro provinciale Alessandro Mastromatteo", annuncia la sua volontà di soprassedere ad ogni impedimento proposto.

Fra Roberto Nesta confida "in un recupero dell'armonia che sin qui ha dato molteplici frutti e benefici. Rinnovando i sensi di rispetto nei confronti di ognuno, si è pronti a riprendere immediatamente il cammino con totale entusiasmo e con immensa gioia. Affido al signore e all'intercessione della Vergine Maria quanto esposto" chiosa il sacerdote.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento