Più pericolosi del virus, concittadini rientrati dal Nord offesi e discriminati. Interviene il sindaco: "Basta, è inaccettabile"

Il sindaco Michele Sementino avverte i concittadini che si macchieranno di episodi discriminatori nei confronti delle persone arrivate dalle regioni in cui sono stati accertati casi di contagio da Coronavirus

Foto Lifeintravel.it

C'è un contagio più pericoloso del virus. Non è quello da Covid-19 ma l'idea che più persone e in più paesi d'Italia, anche della Provincia di Foggia, si stiano macchiando di comportamenti discriminatori nei confronti dei concittadini rientrati in città dalle zone rosse del Nord Italia. Accade a Cagnano Varano, ma evidentemente, a leggere il post del sindaco su FB, la situazione starebbe per sfuggire di mano anche a Vico del Gargano. 

Dopo Claudio Costanzucci è toccato al collega Michele Sementino intervenire per mettere in chiaro le cose e redarguire i soggetti che si renderanno protagonisti in negativo, soprattutto sui social, di atti discriminatori nei confronti delle persone arrivate dalle regioni in cui sono stati accertati casi di contagio da Coronavirus.

"Più pericolosi del virus sono la stupidità e la violenza, anche quella solo verbale o la maldicenza diffusa tramite social. Ricordiamocelo. E' inaccettabile" sbotta il primo cittadino, che avverte chi dovesse avere la stessa intenziona: "Se la faccia passare, perché nessun comportamento lesivo della libertà e della dignità altrui sarà accettato"

Vico del Gargano è immune dal Covid-19. Nessun contagio, nessun caso sospetto e nessun cittadino sottoposto a quarantena. Diversamente da quanto accaduto a Lucera, dove il sindaco Antonio Tutolo ha ordinato l'isolamento per due settimane a tre famiglie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La preoccupazione è comprensibile, tutti sono tenuti a osservare le misure precauzionali e di contrasto alla diffusione del virus, ma l'isteria e gli atteggiamenti discriminatori non sono in alcun modo accettabili e non possono trovare cittadinanza a Vico del Gargano. Questo vale oggi, cioè nel momento in cui nessun caso è stato riscontrato a Vico, e varrà anche domani e sempre, in qualsiasi circostanza, perché ricordiamoci che il virus può essere combattuto e sconfitto, ma l'inciviltà e l'offesa di una discriminazione o di un comportamento violento possono lasciare ferite indelebili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo a luci rosse nella Caritas di Foggia. Sacerdote filmato durante atti sessuali e minacciato, nei guai due persone

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Maxi contagio da festa in famiglia. L'Asl Foggia: "Si tratta di circa la metà dei nuovi contagi in Capitanata"

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

  • Il virus dilaga, Landella corre ai ripari: a Foggia mascherine obbligatorie all'aperto e centri commerciali chiusi domenica

  • Choc a Foggia: palpeggia il sedere di una ragazza e la schiaffeggia, arrestato per violenza sessuale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento