La Puglia chiede aiuto alla Russia: patriarca fa arrivare 8 tonnellate di dispositivi di sicurezza nel segno di San Nicola

Emiliano ringrazia il patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill al quale lo scorso 28 marzo aveva inviato una lettera per chiedere aiuto nel reperire dpi e altro materiale sanitario utile a fronteggiare l’epidemia Covid19

“L'amicizia, si dice, si vede nel momento del bisogno e il patriarca Kirill non ha fatto mancare il suo sostegno alla Regione Puglia e alla città di Bari che ospita la tomba di san Nicola. Gli avevamo chiesto aiuto e gli avevamo detto che la situazione era difficile, che avevamo bisogno di dispositivi di protezione individuale e di mascherine. E il patriarca ci ha risposto subito con una lettera bellissima e oggi con questo importante dono”.

Sono le parole di gratitudine del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano nei confronti del patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill al quale lo scorso 28 marzo aveva inviato una lettera per chiedere aiuto nel reperire dpi e altro materiale sanitario utile a fronteggiare l’epidemia Covid19. E gli aiuti sono arrivati oggi nella sede della protezione civile regionale, viaggiando su un Tir partito dalla Svizzera.

Si tratta di una importante donazione quella fatta dal Patriarca Kirill, di 8 tonnellate di materiale sanitario del valore commerciale di circa 700mila u. Segno della profonda amicizia che lega il popolo russo al popolo pugliese, espressa nella lettera che lo stesso Patriarca Kirill ha inviato in risposta al presidente Emiliano.

“Ve ne leggo solo un pezzo – prosegue Emiliano - perché questa lettera è una di quelle cose che non si potranno dimenticare. Mi scrive il patriarca: la sua terra sta a cuore a tutti i russi ortodossi. Proprio qui nella città di Bari riposano le sacre reliquie del grande santo di Dio San Nicola di Mira. La Puglia e la Russia sono unite da un particolare legame spirituale. Ricorderà sicuramente quanto eccezionalmente importante per la Russia sia stata la traslazione di una parte delle reliquie di San Nicola nel maggio 2017 organizzata con la sua attiva partecipazione. Voglio anche ricordare il suo contributo in quanto sindaco di Bari alla restituzione della chiesa russa di Bari al patriarcato di Mosca”.

“Su questo legame i pugliesi potranno contare sempre, perché questa è la natura del popolo russo e questa è la nostra amicizia. Desidero ringraziare pubblicamente questo grande popolo, il suo patriarca per l’aiuto che ci ha dato, il metropolita Hilarion Alfeev che è sempre presente qui a Bari e tiene i contatti tra il patriarcato e sua Santità Papa Francesco, che è fonte di ispirazione per ogni nostro gesto. Il popolo pugliese ha grandi amici, ieri l’elemosiniere del Papa ha portato due ventilatori oggi il patriarca di Mosca un camion intero pieno di materiali che sono appena arrivati nei depositi della Protezione civile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il dirigente della sezione protezione civile Mario Lerario comunica che il tir contiene 31 pedane di materiale, con 600 termometri, 300mila mascherine chirurgiche, 200mila mascherine KN95, 300mila camici medici, disinfettanti e occhiali. Il materiale sarà reso disponibile tramite la protezione civile regionale, a tutto il sistema sanitario pugliese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo a luci rosse nella Caritas di Foggia. Sacerdote filmato durante atti sessuali e minacciato, nei guai due persone

  • Maxi contagio da festa in famiglia. L'Asl Foggia: "Si tratta di circa la metà dei nuovi contagi in Capitanata"

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

  • 25 infermieri contagiati, "un vero e proprio bollettino di guerra". L'ultimo caso registrato a Foggia due giorni fa

  • Uomo sparisce nel nulla: di lui non si hanno più notizie da venerdì, era andato da Peschici a Termoli con un amico

  • Aumentano i contagi a Foggia: vietato bere all'aperto e mascherine obbligatorie tutti i giorni (anche in zona Stazione)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento