Attualità

Variante Delta e nuove ondate, Bassetti propone lockdown selettivi per i non vaccinati. Lopalco: "Green Pass va in quella direzione"

L'assessore alla Sanità appoggia la proposta del primario di Malattie Infettive all'Ospedale San Martino di Genova, che ha ipotizzato, in caso di una nuova ondata a ottobre causata dalla variante Delta, dei lockdown solo per i non vaccinati

Mentre in Italia si continua a registrare una bassa circolazione virale, tiene banco la variante Delta, che preoccupa soprattutto per quel che potrà accadere dopo l'estate. Come noto, in Gran Bretagna i casi di variante Delta sono prevalenti e gli studioso sono pressoché certi che presto diventerà dominante anche in Italia. La prevalenza della variante in Italia si attesta intorno al 23%. A causa della maggiore contagiosità gli esperti non escludono una nuova recrudescenza dei casi a partire da ottobre. 

A questo punto entrano in gioco i vaccini. Gli studi hanno confermato che con la doppia dose il rischio contagio è minimo, ancor di più lo è quello di ammalarsi gravemente. "Possiamo fare quello che vogliamo, ma da agosto la variante Delta sarà predominante", ha dichiarato all'Adnkronos il primario di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova Matteo Bassetti. 

Bassetti sostiene che una difesa efficace dalla nuova variante sarà possibile solo se in Italia si giungerà all85% di persone vaccinate con due dosi: "Se arriviamo al 15 di ottobre con l'85% dei vaccinati, la variante Delta ci farà un baffo. Se invece ci arriveremo con il 65% saranno dolori. Se noi avremo, mi auguro di no, il 30% degli italiani non vaccinati, vuol dire che avremo 16-17 milioni di persone potenzialmente suscettibile ed è troppo. Anche perché i non vaccinati sono distribuiti in tutte le categorie di età. E mi risulta che ci sia ancora una fettina di scettici anche tra gli ottantenni e novantenni". 

In caso di nuova ondata, il primario di Malattie Infettive del 'San Martino' propone un nuovo lockdown, ma solo per i non vaccinati: "Io credo che non ci possiamo permettere delle chiusure, sarebbe troppo grave. Vuol dire che non abbiamo fatto capire agli italiani quanto è importante la vaccinazione. A quel punto bisognerà inasprire ulteriormente le misure nei confronti di chi non si vaccina: non sei vaccinato? Non esci. Hai deciso di non vaccinarti, di mettere a rischio la tua salute, ma anche quella degli altri? Bene, i vaccinati faranno una vita normale, i non vaccinati si chiuderanno in casa". 

Sulla proposta di Bassetti si è pronunciato anche l'Assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco: "Nella pratica, la diffusione del green pass a in quella direzione: ai vaccinati saranno concesse molte più opportunità. Credo basti quello come incentivo. Nei giorni scorsi, Lopalco aveva rimarcato l'importanza di spingere sempre di più a coprire con due dosi di vaccino la popolazione a rischio nei mesi caldi di bassa circolazione virale: "Solo così, a fronte di un aumento della circolazione, non assisteremmo più a ondate pandemiche. E se la variante delta prenderà il sopravvento sulle altre varianti, questo rientrerà nella dinamica ecologica naturale di un virus che diventa endemico. In questo caso il virus provocherà ondate epidemiche stagionali che si tradurranno per la stragrande maggioranza di casi in forme simil-influenzali. A patto che la popolazione a rischio di malattia grave sia correttamente vaccinata". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante Delta e nuove ondate, Bassetti propone lockdown selettivi per i non vaccinati. Lopalco: "Green Pass va in quella direzione"

FoggiaToday è in caricamento