rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Attualità

"Temiamo lo scoppio di bombe sociali". Paciello lancia l'allarme 'Arca Capitanata': "Ci sono casi gravi e urgenti"

“Si nomini immediatamente l’amministratore unico di Arca Capitanata. La situazione è orami al collasso”. L’allarme lanciato dal Sicet di Foggia

L’Arca Capitanata è al collasso, si nomini presto il nuovo amministratore unico. La situazione è grave e non è più possibile continuare con questo blocco delle attività. Temiamo lo scoppio di bombe sociali per le gravi situazioni sulle quali non si interviene”.  A lanciare l'allarme è Alessandra Paciello, responsabile del Sicet di Foggia, il Sindacato Inquilini Casa e Territorio. 

Il presidente della Regione Puglia e la giunta regionale hanno prorogato l’incarico all’’attuale reggente Donato Pascarella sino alla fine di ottobre, ma la proroga non conferisce poteri se non quelli ordinari. Quindi Pascarella, di fatto, non può operare ed è incolpevolmente costretto all’immobilismo" spiega preoccupata Alessandra Paciello. "Si pensi che una nostra utente ha sollecitato la realizzazione di interventi urgenti per garantire l’incolumità sua e dei familiari, in uno stabile dichiarato pericolate dai vigili del fuoco, e l’Arca può limitarsi solo ad effettuare un sopralluogo, poi ha le mani legate, perché l’amministratore unico non può firmare l’avvio della gara d’appalto per la realizzazione dei lavori. E così è per la quasi totalità delle situazioni"

Il Sicet evidenzia come le richieste siano tantissime, che molte risalgono a più mesi addietro e che non si può progettare nulla. "Siamo mortificati nel non poter dare risposte, soprattutto di fronte ai casi di riconosciuta gravità ed urgenza"

Aggiunge la responsabile del Sicet di Foggia: "Crisi profondissima nell’emergenza casa, che è uno dei fattori più preoccupanti e l’Arca va rilanciata, resa operativa, va riorganizzata e potenziata con l’ausilio delle forze sociali con le quali la stessa Arca ha già avviato protocolli d’intesa, sia sotto il profilo politico che in quello organizzativo per l’intera provincia di Foggia, azione finalizzata alla vera esigibilità dei suoi servizi. Non si può più attendere oltre, è indispensabile che la Regione Puglia intervenga in tempi strettissimi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Temiamo lo scoppio di bombe sociali". Paciello lancia l'allarme 'Arca Capitanata': "Ci sono casi gravi e urgenti"

FoggiaToday è in caricamento