rotate-mobile

L'Aiga entra in carcere per 'mappare' le criticità: "Vogliamo dare un aiuto concreto"

La delegazione foggiana è composta dagli avvocati Anna Lops, Francesco Monopoli e Valeria Pellegrini

L'Aiga entra nel carcere di Foggia (qui il progetto dell'Osservatorio coordinatore sull’Ordinamento Penitenziario), per fotografare lo stato dell'arte ed evidenziando le criticità con spirito costruttivo. "E' una realtà complessa, ci sono una serie di problematiche andrebbero analizzate e approfondite e che meritano grande attenzione", spiega l'avvocato Francesco Monopoli, coordinatore del Dipartimento Aiga sull’Ordinamento Penitenziario..

"Tra le prime criticità emerse, la mancanza di una serie di figure professionali (educatori, psicologi, operatori sanitari) a sostegno dei detenuti", spiega. Ruoli e compiti che spesso vengono addossati alla polizia penitenziaria, già in grave affanno nella gestione dell'attività ordinaria per carenza di personale. "Il nostro programma è molto ampio e prevede ulteriori visite: vogliamo approfondire le problematiche emerse oggi, al fine di tornare con proposte concrete e con un programma da portare a termine". A far parte della delegazione foggiana, gli avvocati Anna Lops, segretario nazionale Aiga e delegata dell'Osservatorio sulle carceri, Francesco Monopoli, coordinatore del Dipartimento Aiga sull’Ordinamento Penitenziario e Valeria Pellegrini, quest’ultima responsabile territoriale dell'Osservatorio nazionale di Aiga.

Copyright 2022 Citynews

Sullo stesso argomento

Video popolari

L'Aiga entra in carcere per 'mappare' le criticità: "Vogliamo dare un aiuto concreto"

FoggiaToday è in caricamento