Tifoso della Cremonese in viaggio verso Foggia, muore colpito da un malore: tragedia nei pressi di San Severo

E' accaduto poche ore prima dell'inizio della partita tra Foggia e Cremonese attualmente ancora in corso. Alla diffusione della notizia, le curve dello Zaccheria hanno riposto gli striscioni e smesso di cantare in segno di rispetto

Una tragedia ha accompagnato la sfida tra Foggia e Cremonese. Un tifoso della squadra ospite è morto poche ore prima dell'inizio della partita colpito da un malore, mentre stava recandosi nel capoluogo dauno per seguire la propria squadra insieme ad altri tifosi.

Secondo le prime ricostruzioni, l'uomo avrebbe accusato un malore mentre il pullman stava raggiungendo San Severo. Vani i tentativi di soccorrerlo. Per tale motivo i tifosi della Cremonese non si sono recati allo Zaccheria. Alla diffusione della notizia sullo stadio è calato il silenzio. Le curve hanno riposto striscioni e bandiere e smesso di cantare.

"L’U.S. Cremonese è vicina alla famiglia e ai ragazzi della Curva ed esprime il proprio cordoglio per la scomparsa del giovane tifoso che stava raggiungendo Foggia per assistere alla partita", si legge sulla pagina Facebook della società lombarda.

Al termine della gara è giunto anche il messaggio di cordoglio della società rossonera: "Il Foggia Calcio è vicino ai ragazzi della Curva della società U.S. Cremonese e alla famiglia del tifoso scomparso, questa sera, mentre stava raggiungendo Foggia per assistere alla partita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Checco Zalone ospite da Fiorello, cita Foggia e divide: "Delinquenza e povertà, ma almeno c'è il bidet"

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • Commando paramilitare assalta furgone portavalori sulla Statale 16 bis: dna incastra uno dei rapinatori

  • Ultim'ora | Operazione 'Nettuno', 4 arresti nella Capitaneria di Porto di Manfredonia

  • "La mia ex mi ha tolto dignità e figli": la storia di Luigi, padre separato finito sul lastrico. "Mi sono rivolto alla Caritas"

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento