Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

VIDEO | Procura shock: chiesta la retrocessione del Foggia Calcio

Arrivano brutte notizie dal tribunale federale di Roma, dove questa mattina c'è stata l'udienza riguardante il Foggia Calcio e le 37 persone deferite, tra dirigenti, calciatori, allenatori e membri dello staff tecnico

 

Dopo circa un'ora di colloqui con i soggetti coinvolti, è giunta la richiesta ufficiale della Procura: retrocessione in serie C. Respinta, dunque, la proposta di patteggiamento, concordata invece con diversi giocatori (tra cui Iemmello e Mazzeo, che dovrebbero cavarsela con poche giornate di squalifica). Altri ex tesserati come il tecnico Roberto De Zerbi e l’ex diesse Beppe Di Bari hanno invece deciso di andare a processo. Ora la palla passa al tribunale Federale che dovrà pronunciarsi in base alla richiesta della Procura e alle memorie difensive dei 37 deferiti e della società rossonera.

Non sono mancati i momenti di tensione, come ha confermato l’avvocato Michele Cozzone, difensore di Beppe Di Bari: "La Procura ha fatto una richiesta abbastanza severa, chiedendo la retrocessione all’ultimo posto del campionato appena concluso. Questo ha creato un po’ di tensione, ma siamo ancora alle richieste sanzionatorie. C’è ancora la decisione del Tribunale di primo grado e gli eventuali gradi di giustizia”. Fra qualche giorno verranno pubblicate le motivazioni della decisione di primo grado, e ci saranno gli altri gradi di giudizio, che potrebbero essere in termini abbreviati per ragioni oggettive e organizzative, in base alle disposizioni giuridiche vigenti. La situazione non è critica, ma è molto seria, e va affrontata con la giusta determinazione”.

"Adesso ci sarà la decisione in primo grado ed, eventualmente gli appelli. Si può ipotizzare anche una sanzione diversa, con una penalizzazione da applicare alla prossima stagione. La retrocessione è solo una richiesta della Procura. Ma decide il tribunale. Noi, da difensori dei deferiti ci auguriamo che vengano tutti prosciolti".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento