Il ritorno del ‘figliol prodigo’ Pompilio: “Ho fatto tanti errori, questa è la mia vera occasione”

Presentato l’ultimo acquisto in casa rossonera: “Tornare qui un’emozione unica, ce la metterò tutta per ripagare la fiducia che qui mi hanno dato”

Luca Pompilio e Beppe Di Bari (ph. foggiacalcio1920.it)

È il quinto acquisto invernale del Foggia, il meno decantato, forse per il minor appeal, forse perché in realtà è stato acquistato la scorsa estate e poi girato in prestito al Melfi, o forse perché a Foggia già c’è stato e non fu un’esperienza straordinaria.

Cinque anni dopo quei sei mesi in rossonero (9 presenze e 2 gol nel 2012, ndr), Luca Pompilio torna nella sua Foggia, con qualche ruga in più, e un bagaglio di errori ed esperienze dimenticabili dentro e fuori dal campo, che forse potranno servirgli per sfruttare meglio questa nuova chance: “Quasi allo scadere della chiusura del calciomercato, ho ricevuto la chiamata del Direttore Di Bari, del Presidente e di Colucci, è stata un'emozione unica, sapevo di entrare a far parte di un gruppo fantastico, capeggiato da una società seria, da un bravissimo mister, ce la metterò tutta per ripagare la fiducia che qui mi hanno dato".

Da astro nascente a talento inespresso da rilanciare, il passo è stato breve. Un cammino comune a tanti colleghi. Il riscatto di Pompilio passa dalla sua città, dopo l’esperienza di Melfi, terminata per problemi con la società, e il rifiuto di Messina (“Per scelta mia non sono voluto andare”) dove Lucarelli era pronto ad accoglierlo. “Alla mia città dico che nel mio passato non mi sono mai comportato bene, ma mi è stata data una seconda possibilità, e farò vedere a tutti di comportarmi bene, e di farmi trovare pronto quando il mister mi chiamerà”.

Col mister c’è già un certo feeling: “È contento di come sto lavorando, lui mi vede sia come punta centrale che come esterno, e mi sento pronto per giocare in entrambi i ruoli”. E anche col gruppo le cose vanno già alla grande: Mai visto un gruppo così, mi hanno accolto e si sono messi a disposizione, sono tutti meravigliosi”.

In sala stampa c’era anche il diesse Beppe Di Bari ad accogliere il figliol prodigo: “Le aspettative per lui erano notevoli, ma nella vita bisogna sempre dare una seconda chance. Si sta allenando bene, ha doti tecniche innate e ci darà una mano per le 14 gare che ci porteranno alla fine del campionato”. Poi il retroscena: “Quando gli ho comunicato che sarebbe rimasto in rosa, devo ammettere che qualche lacrima gli è partita”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento