Caso playout, De Luca interroga il Premier Conte: "Non permetteremo che la Salernitana sia penalizzata"

Il parlamentare della Repubblica e figlio di Vincenzo De Luca ha presentato una interrogazione parlamentare al presidente del Consiglio dei Ministri: "Quali iniziative intendi assumere a riguardo?"

Il co-patron della Salernitana Claudio Lotito

Come si legge su SalernoToday, il parlamentare della Repubblica Piero De Luca, figlio del governatore della Regione Campania, ha depositato un’interrogazione parlamentare al presidente del Consiglio dei ministro Giuseppe Conte per avere delucidazioni su quanto sta accadendo in Serie B.

“Prima di prendere posizione sulla vicenda della Salernitana Calcio ho atteso qualche giorno per comprendere meglio l’evolversi degli eventi. Quanto sta accadendo nel campionato di Serie B ha del paradossale, visto che - a stagione conclusa - le sorti della classifica sono affidate alla Giustizia sportiva”.

De Luca Jr ricorda che, lo scorso 13 maggio, il Tribunale Federale Nazionale ha sanzionato il Palermo Calcio per illeciti consumatisi tra il 2014 e il 2017, decretandone così la retrocessione in Lega Pro. In seguito, il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Professionisti Serie B, rendendo esecutiva la sentenza del Tfn, ha deliberato di procedere con la disputa dei play off e di non far svolgere i play out.

Nella giornata di ieri, il presidente del Tar del Lazio ha accolto la sospensiva cautelare richiesta dal Foggia Calcio della delibera del Consiglio Direttivo della Lnpb, rinviando all’11 giugno l’udienza per la trattazione della questione in Camera di Consiglio.

Nelle stesse ore, anche la Corte d’Appello Federale ha rinviato l'esame del ricorso di appello del Palermo Calcio avverso la sentenza di retrocessione del Tfn.

L’interrogazione parlamentare

"A fronte di questa vicenda già di per sé complessa e confusa, apprendiamo dalla stampa che sarebbero state depositate alcune interrogazioni parlamentari rivolte alla Presidenza del Consiglio dei Ministri affinché addirittura intervenisse nel merito di decisioni assunte dalla Giustizia sportiva.  Ora, è bene chiarire subito che queste vicende devono restare di esclusiva competenza degli organi sportivi, i quali dovrebbero potersi pronunciare senza condizionamenti di sorta, siano essi politici, “ambientali” o sociali. E non permetteremo che la città di Salerno, la Salernitana Calcio ed i suoi straordinari tifosi siano eventualmente  penalizzati da decisioni che non siano ispirate al solo rispetto di regole sportive. Per questo motivo, ho appena depositato un’interrogazione parlamentare per avere dal Presidente del Consiglio dei Ministri chiarimenti sulle eventuali iniziative che intende assumere al riguardo. La credibilità del mondo del calcio e, più in generale, dello sport richiede il rigoroso rispetto dell’autonomia dell’ordinamento sportivo e, soprattutto, l’esclusione di qualsiasi forma di ingerenza della politica nelle decisioni della Giustizia sportiva"

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento