Foggia Calcio: il nuovo presidente è Lucio Fares. Altri tre anni con De Zerbi

Lucio Fares è il nuovo presidente del Foggia Calcio. Mister De Zerbi ha firmato un contratto triennale. Verile cede le quote "affinché il Foggia arrivi primo"

Il Foggia Calcio (Foto di Roberto D'Agostino)

Lucio Fares è il nuovo presidente del Foggia Calcio. Grande entusiasmo nell’aula consiliare del Comune di Foggia dove il comandante della nuova società è stato accolto dall’abbraccio dei tifosi, da una sciarpa e una bandiera, simboli della fede per i colori rossoneri. Auspicio per il pronto ritorno nella serie cadetta, obiettivo non dichiarato espressamente ma alla portata del nuovo team societario e tecnico.

C’erano tutti ad accompagnare il nuovo corso dei rossoneri: Curci, Di Corcia, Leccese e i fratelli Sannella, sponsor principale. Tutti componenti della nuova proprietà. Insieme a loro c’era mister De Zerbi, che ha firmato un contratto triennale, tre anni come il progetto targato Fares. Al loro fianco ds Beppe Di Bari, capitan Agnelli e il vice Quinto.

La loro conferma segna la continuità con il passato più recente, quello che ha visto i rossoneri riemergere dalle putride acque della serie d, fino a sfiorare i playoff nella stagione scorsa. Da loro riparte il nuovo Foggia, che dovrà coltivare grosse ambizioni, che deve pensare di vincere il campionato, come ha affermato Fabio Verile durante il proprio discorso di commiato "Ho regalato le quote affinché il Foggia migliori la sua posizione. Non perché arrivi sesta, ma perché arrivi prima".

Continuità col passato più recente ma anche con quello più datato, rappresentato dai Sannella, che riporteranno il marchio Tamma sulle maglie rossonere.
"Sappiamo di dover affrontare un lavoro serio. Grazie a chi ci ha preceduto, è stata costruita una grande squadra. Grazie al supporto di alcuni imprenditori e dello staff dirigenziale, speriamo di fare qualcosa di meglio rispetto a quanto fatto lo scorso anno", la promessa del neo presidente Fares che poi saluta con gaudio il ritorno del marchio Tamma sulla maglia rossonera. 

Entusiasti Di Bari e De Zerbi, che non vedono l'ora di rimettersi al lavoro: "Da domani ci metteremo all'opera per costruire un'ottima squadra in sinergia con il nostro tecnico. Questa è una piazza che ha davvero fame", ha dichiarato il diesse rossonero. Gli fa eco il tecnico rossonero, felice per l'epilogo che desiderava più di ogni altra cosa, a tal punto da indurlo a respingere le avances di diverse squadre di serie b: "Sono felice. Io e i miei giocatori abbiamo voluto che si continuasse insieme. Non è facile costruire un gruppo così forte e unito. Ora abbiamo un obiettivo in testa, ci sarà da lottare", le sue parole. 

Chiusura con il capitano Agnelli, che ha rinnovato il contratto insieme al suo vice Marcello Quinto: "Non sarà un lavoro semplice, abbiamo tante responsabilità. Ma non ci nascondiamo, e speriamo fra alcuni mesi di festeggiare un grande risultato insieme". Auspicio che, crediamo, condivideranno tutti i tifosi rossoneri.

Da Palazzo di Città, tutti di corsa allo Zaccheria, dove un nutrito gruppo di tifosi assiepatisi in curva nord e in tribuna, hanno atteso l'arrivo della nuova società. "In C1 non ci vogliamo sta'", l'inequivocabile messaggio lanciato dalla tifoseria, che ha accolto con un grande applauso il presidente Lucio Fares, i Sannella, Di Corcia, Tiso. Leccese e Curci. Ovazione scontata ma non per questo meno rumorosa per il tecnico Roberto De Zerbi che ha rimarcato il concetto. Questo Foggia deve puntare in alto, a una serie B che ormai manca da 17 anni.  


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Siete porta s%censored%..... Ecco perché non riusciamo ad andare in b.FG today blocca i gufi in gabbia

  • La mente è Fares !!!!! Madoooooooo staimno apposto!!!!!!
    E poi non sono clienti suoi gli imprenditori citati ma di un altro studio........grazie..scrivete le cose serie non le fesserie...bravi vinceremo la champion league con stà gente

  • Chi ha fatto vedere la serie A a Foggia sono stati validi e bravi imprenditori oltre nel proprio campo lavorativo anche in quello calcistico. Speriamo bene per questo nuovo gruppo societario da parte mia ho la sensazione che sia la strada giusta.

  • La nuova società farebbe bene a tutelare i propri interessi in primis salvaguardando la materia prima cioè il parco calciatori,magari evitandogli di partecipare a tornei amatoriali di calcetto come quello che stanno disputando alcuni di loro alla spelonca.

  • Forza Foggia....

  • Fate cosi copiatevi questi commenti e tra 2 anni ne riparliamo e vedrete che fine farà Fares.
    Auguri a Fares la sua mente così lucida ha bisogno anche del calcio per altra adrenalina
    E il sindaco con il consiglio comunale al completo ci mette il sigillo.
    E' proprio una grande città!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Lucio!!!!,dalla grande Fiat di via Perrone (lui sa di cosa parlo) al grande Foggia!!!, vai Lucio ora possiamo vincere. Mino

  • Lucio!!!!dalla grande Fiat di via Persone ( lui sa di cosa parlo) al Foggia! Vai Lucio,ora possiamo vincere.Mino

  • La vera mente di questa nuova speranza calcistica è solo Lucio Fares, e bisogna dargli atto di essere riuscito a convincere suoi clienti, come Fedele e Franco Sannella, a buttarsi nella mischia. Bisogna apprezzare la cosa, perché non era facile fare questo, che è come un salto nel buio. Sapevo e lo avevo annunciato che dopo averli convinti alla operazione Tamma, Fares avrebbe convinto i Sannella anche a questa, che è poi una operazione sinergica alla prima. Badate bene che qui si sta parlando di imprenditori che, in questo momento, sono bancariamente considerati su Foggia come quelli più patrimonialmente costituiti, gente da 50 milioni di euro e passa. Gente che, in 20 anni si è fatta da sé, non sbagliando una sola operazione : partiti dal fallimento della Fefran srl, sono arrivati ai lavori pubblici con la Satel srl, alla edilizia residenziale ed artigianale ( affiancando e supportando giovani leve della edilizia, che così hanno potuto fare il salto di qualità ), al fotovoltaico, alla agricoltura con immense estensioni affidate alla cura attenta altrui. Mi auguro solo che la operazione Tamma sia alla insegna del salvataggio della azienda ed alla salvaguardIa dei posti di lavoro, e non finalizzata alla sola edificazione della immensa area retrostante, come direbbero i detrattori, vedendo la foto di gruppo odierna : sarebbe come offendere la memoria del suo fondatore, il galantuomo Francesco Tamma, scomparso recentemente ( altrimenti con lui, il passaggio di mani non sarebbe avvenuto, poiché avrebbe fatto anche lui la rinegoziazione attuale della massa debitoria bancaria al 30 % ! ). Cari Sannella, dimentichiamo passato e presente, ma fate per favore sognare questa città almeno calcisticamente , fateci rivivere a breve i fasti di Zemanlandia ! Voi sapete che le squadre calcistiche non sono né lavatrici né slot machine !

    • se fossero tanto liquidi che motivo avrebbero di fare i main sponsor? e creare una srl ad hoc con dei prestanome? io se voglio fare una operazione la faccio intestata a me non ad altri..questo mi porta a dubitare...che siano liquidi sui 50milioni può anche essere ma resta il fatto che nn ci vedo chiaro...come da sempre luciofares non è una persona chiara....

      • Marco e basta a essere sempre negativo!
        Spurga il veleno e l invidia

  • In questa città si critica tutto!piuttosto andate allo stadio e sopratutto pagate il biglietto!ovviamente il mio discorso è generale.

  • Il primo gufo ce l'abbiamo. ...Marco ma vai a %censored%....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Violenza di genere, la legge da sola non basta. Bruzzone: “Serve un cambiamento culturale”

  • Cronaca

    Impianto di rifiuti a Monteleone di Puglia, è bagarre. Una delibera smentirebbe il sindaco: "Ecco la transazione"

  • Cronaca

    Perquisizioni a tappeto dei carabinieri, 31enne finisce in manette: aveva violato la sorveglianza speciale

  • Cronaca

    Furto a Torremaggiore di mezzi per la raccolta rifiuti: tre "scarrabili" recuperati vicino all'interporto di Cerignola

I più letti della settimana

  • Incidente stradale a Cerignola, identificate le giovani vittime: hanno 16 e 18 anni

  • Giovanissimi morti nell'incidente di via dei Mandorli: ai domiciliari 22enne, risponderà di omicidio stradale

  • Terribile incidente stradale, a Cerignola: scontro in via dei Mandorli, due le vittime

  • Scomparso nel nulla da 72 ore, Foggia in ansia per Francesco. La madre: "Non so più cosa fare"

  • Giovanissime vite spezzate, lutto cittadino a Cerignola: "Colpita duramente la comunità"

  • Oggi l'ultimo saluto ad Agostino e Aurora. L'avv. Assumma: "Il conducente rischia fino a 18 anni"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento