Pesistica Olimpica sport di punta della Capitanata

Nella nostra Capitanata è presente una società che in pochi anni è riuscita a conquistare visibilità Nazionale in quest’ambito. Stiamo parlando della a.s.d. Gym Star Carapelle (Federazione Italiana Pesistica, FIPE – CONI), dei Tecnici Pasquale e Francesco Perdonò

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Viviamo in una società odierna che punta sempre più all’aspetto esteriore e che vede, in campo sportivo, materializzarsi la ‘’nascita’’ di sport di vario genere. Uno sport però che non è affatto nuovo, anzi risale alle prime Olimpiadi, quelle dell’era antica, ed è comparsa per la prima volta nelle olimpiadi dell’era moderna nel 1896 è la Pesistica Olimpica, sport da cui discendono la maggior parte degli sport di potenza e sport basilare, di preparazione ad ogni attività agonistica e amatoriale, dal calcio alla pallavolo, dal rugby al tennis. L’Italia è diventata una delle prime Nazioni al mondo in questo sport, segnando record su record in campo Europeo e Mondiale. Basti pensare che alle ultime due Olimpiadi, quelle di Londra del 2012 e di Rio de Janeiro del 2016 sono stati schierati 2 atleti.

Nella nostra Capitanata è presente una società che in pochi anni è riuscita a conquistare visibilità Nazionale in quest’ambito. Stiamo parlando della a.s.d. Gym Star Carapelle (Federazione Italiana Pesistica, FIPE – CONI), dei Tecnici Pasquale e Francesco Perdonò. Di atleti ne hanno portati e continuano a portarne tanti in gara, ma c’è una coppia di fratelli che ha saputo distinguersi sia per il rapporto familiare che li lega sia per essersi trovati spesso avversari.

Stiamo parlando di Luca Lo Russo, di 26 anni (classe ’92) e Christian Lo Russo, di 21 anni (classe ’97). Quest’ultimo, più volte giunto sul podio Nazionale, è ormai lontano dalla pedana per questioni lavorative, essendo un affermato cuoco. Sempre presente invece è Luca. Ha iniziato a praticare questo sport nel 2009 ad un’età relativamente avanzata, visti i suoi 17 anni di allora ed evidentemente penalizzato da ciò. In questi 9 anni ha comunque ottenuto 17 titoli Regionali, un 3° ed un 4° posto Nazionale nella pesistica olimpica e nel Powerlifting negli ultimi 3 anni ha ottenuto 5 titoli Nazionali, 2 dei quali lo scorso 01 dicembre 2018 in occasione del Campionato Italiano di singole alzate marchiato WRPF.

Oltre ad essere atleta, Luca si è affermato come Istruttore di sala attrezzi e Personal Trainer. E’ diplomato presso la stessa Federazione (FIPE - CONI) come Istruttore Tecnico Federale e Personal Trainer (a fine articolo il suo curriculum attestati). Ha prestato servizio presso 2 palestre di Foggia, ottenendo il riconoscimento di aver modificato radicalmente in positivo la salute dei suoi allievi. Ultime sue allieve sono sua mamma Gabriella del Duca di 51 anni, che ha iniziato l’allenamento ad ottobre del 2017 e ad 11 mesi dall’inizio, lo scorso 01 dicembre è scesa per la prima volta conquistando 2 titoli nazionali, e la sua fidanzata Janey Cucovaz di 25 anni, che dopo 15 anni di agonismo nella pallavolo, dal 2015 è diventata anch’essa atleta di Pesistica Olimpica e lo scorso aprile ha conseguito la medesima qualifica di Istruttrice Tecnico Federale e Personal Trainer. Curriculum attestati LUCA LO RUSSO * Istruttore Tecnico Federale e Personal Trainer FIPE; * Istruttore di Fitness Cardiometabolico; * Dirigente Sportivo; * Qualifica ‘’dal Personal Training all’allenamento’’; * Qualifica di ‘’Alimentazione, Sport e salute’’; * Qualifica di ‘’Prevenzione Obesità Infantile’’; * Aggiornamento sul ‘’Microbioma Umano’’; * Masterclass su utilizzo delle Kettlebell; * Qualifica di ‘’Mental Coach’’; * Aggiornamento su ‘’Las 4 claves del exito’’ (Le 4 chiavi del successo) – Madrid; * Aggiornamento su ‘’Respirazione a cicli incrociati’’; * Aggiornamento su ‘’il ruolo Centrale dell’Alimentazione’’ Facebook: Luca Lo Russo Instagram: luca.lorusso_personal.trainer Scritto da Manuela della Pietra

Torna su
FoggiaToday è in caricamento