Crollo rossonero. Tris vincente del Lecce e sorpasso in classifica

La sblocca subito Lepore e per il Foggia si fa dura. Rossoneri padroni del campo ma quasi mai pericolosi. Nel finale Curiale e Sowe - entrati dalla panchina - chiudono i conti. Inutile il gol di Agnelli. I satanelli scivolano al terzo posto, in attesa della Casertana

Ha vinto il Lecce. Ha vinto la squadra che è riuscita a interpretare la gara secondo le iniziali intenzioni. Il gol di Lepore ha spianato la strada alla formazione di Braglia, dando la possibilità ai giallorossi di chiudersi bene e agire di rimessa, come confermano le due successive marcature di Curiale e Sowe. Ha vinto la squadra più concreta e convinta. Male il Foggia, mai realmente pericoloso, incapace di andare oltre lo sterile possesso palla, improduttivo quando di fronte c’è una squadra ben organizzata come quella proposta da Braglia. Una mazzata che fa male, specie se sommata al beffardo pari interno di lunedì scorso con il Matera, e che preoccupa in ottica classifica. Naturalmente nulla è compromesso, ma nel giro di sei giorni la squadra di De Zerbi non solo non è stata capace di allungare sulle inseguitrici e di difendere il primato conquistato a Melfi, ma ha subito il ritorno delle avversarie, e rischia addirittura di uscire – seppur temporaneamente – dalla zona playoff, se questa sera la Casertana dovesse battere il Cosenza.

PRIMO TEMPO – Sette minuti per cambiare il match. Ed è un episodio che fa bene – e tanto – al Lecce. Perché quando Lepore sblocca il risultato con un gran destro che finisce sotto la traversa, il Foggia accusa il colpo e soprattutto i salentini possono interpretare la gara come si erano prefissi all’inizio. Gli schieramenti delle due formazioni sono speculari solo in apparenza: molto più 4-5-1 quello proposto da Braglia, con il solo Moscardelli a tenere impegnata la retroguardia del Foggia, e Surraco (ammonito e graziato due volte dal direttore di gara) ad agire da mezzala. A turno uno dei tre centrali sale a far pressing sul portatore di palla e a dar manforte al centravanti giallorosso. Il Foggia tiene come sempre il possesso, fa la partita, ma manca la brillantezza necessaria negli ultimi venti metri. Le uniche due conclusioni arrivano nei minuti finali: tenero il destro a giro di Loiacono (schierato a sorpresa a sinistra, con Lanzaro e Gigliotti al centro), più insidioso il sinistro diretto sul primo palo, di Sarno. Il gioco si sviluppa come sempre sulle fasce, anche se gioco forza la qualità della spinta sulla destra è qualitativamente superiore. L’assenza di Di Chiara a sinistra pesa, perché Loiacono, al netto della diligenza tattica e della buona volontà, non possiede né i tempi per appoggiare Arcidiacono, né il piede per proporre cross interessanti. Il Lecce piazza nove uomini dietro la linea della palla, aspettando il momento propizio per pescare il giusto corridoio dove poter lanciare Moscardelli o uno dei centrocampisti. Pragmatismo puro, che però almeno nella prima frazione funziona e alla grande, di fronte alla più raffinata ma meno concreta manovra dei ragazzi di De Zerbi.

LE PAGELLE

SECONDO TEMPO – Se non tiri non segni. Sembrerà banale come assioma, ma non perde mai la sua valenza. Il Foggia attacca come sempre, tiene alta la percentuale del possesso palla, ma per i tiri in porta bisogna guardare altrove. L’inconsistenza offensiva non si sblocca neppure con gli innesti di Maza e Chiricò, e prima ancora – a inizio di ripresa – di Gerbo in luogo di un ancora inconsistente Riverola. Vanno meglio le cose a Braglia, che dalla sua panchina pesca i due gol che chiudono il match. Curiale prima, con una gran girata volante, Sowe dopo con un perfetto contropiede la chiudono. A poco serve il gol nel finale di Agnelli (o di Sarno) in una azione ispirata da Chiricò prima, e completata dal fantasista napoletano. La pietanza è troppo amara per poter essere addolcita da un cioccolatino. Il Foggia crolla, dopo quattro vittorie consecutive esterne, e viene superato dal Lecce. Il primato di due settimane fa è già un miraggio.

LECCE (4-5-1) Perucchini; Alcibiade, Cosenza, Abruzzese, Legittimo; Liviero (41’st Vecsei), Papini, Salvi, Surraco (9’st Sowe), Lepore; Moscardelli (31’st Curiale). A disposizione: Bleve, Beduschi, Camisa, Lo Sicco, De Feudis, Carrozza, Caturan. All. Braglia

FOGGIA (4-3-3) Narciso; Angelo, Lanzaro, Gigliotti, Loiacono; Agnelli, Vacca (30’st Chiricò), Riverola (1’st Gerbo); Sarno, Iemmello, Arcidiacono (29’st Sainz Maza). A disposizione: Micale, Bencivenga, Agostinone, Coletti, Quinto, Lodesani, Floriano, De Gennaro. All. De Zerbi

ARBITRO: Baroni di Firenze

MARCATORI: 7’pt Lepore (L), 32’st Curiale(L), 37’st Sowe (L), 40’st Agnelli (F)

AMMONITI: Surraco (L), Legittimo (L), Lanzaro (F), Curiale (L), Perucchini (L)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (29)

  • Il modulo migliore rimane il mio collaudato 5-5-5

  • Bravo stefano angry..all andata avete fatto bottino pieno per colpa di un incompetente come asta oggi la storia diversa..date tempo a de zerbi e un buon allenatore ma vi manca un buon difensore centrale che tenga tutta la difesa

  • Ciao pippo tutto bene..come mai i tuoi commenti qui sono diversi?hai capito allora che devi sperare forse nei play off..sei incoerente hai detto che domenica eri di nuovo primo..

  • Andrea crisetti non è la prima volta che mi attacchi ...è credo che hai capito che non mi sei simpatico. ...ti sbagli non so solo criticare ma anche romperti il c...!!!

    • Nullità umana, mi impressiona cosi tanto la tua aggressività ..... sulla tastiera. Ho tanta paura. Mi sento tanto indifeso di fronte alla tua audacia da gladiatore! Mi raccomando non rompere la tastiera con la tue unghie .... dipinte. Per quanto riguarda il c .... quello me lo ha già rotto la vita che tu, invece, non conosci. Uno come te è morto già alla nascita.

    • Nullità umana, mi impressiona cosi tanto la tua aggressività ..... sulla tastiera. Ho tanta paura. Mi sento tanto indifeso di fronte alla tua audacia da gladiatore! Mi raccomando non rompere la tastiera con la tue unghie .... dipinte. Per quanto riguarda il c.... quello me lo ha già rotto la vita che tu, invece, non conosci. Uno come te è morto già alla nascita.

  • Avatar anonimo di Gianluca Pozzi
    Gianluca Pozzi

    Spero che De Zerbi cambi modulo e passi al 4-4-2 ( quello che avrebbe dovuto fare dopo il 2-0 con il Matera) anche se purtroppo credo che il punto debole del Foggia sia proprio la difesa e forse per questo che non può far giocare la squadra in ripartenza. Ormai tutti hanno capito il gioco del Foggia ed anche il suo difetto. Il Foggia a gennaio ha preso due attaccanti bravi ma forse occorreva un DIFENSORE CENTRALE un pò più ALTO e con più esperienza. E' difficile ma forse ce la si può ancora fare però per favore sig. De Zerbi CAMBI modulo e pensiamo ad arrivare PRIMI anche magari riducendo la qualità del gioco.

  • Sapete solo criticare, si vince de zerbi è meglio di guardiola si perde e non è più buono, siete ridicoli

  • Mi fate schifo...ma tanto schifo...siete qui a condannare tutti e tutto...finora non vi siete fatti sentire perché il foggia andava alla grande....ora tutti qui a condannare...voi gente di vera %censored%a...mancano 10 partite ...30 punti a disposizione. ...il campionato è lungo...arriveranno tempi duri per tutti....il foggia deve solo ritrovare fiducia e noi dobbiamo sostenere l ambiente e non buttarlo giu'....col Matera allo stadio eravamo 13500 invece che i soliti 6mila e sono convinto che con i Castelli Romani saremo di nuovo i soliti 6 mila ...siete voi che non meritate foggia e questo foggia ....AVANTI FOGGIA SEMPRE. ..

    • Il Benevento è a più 4, anzi più 5, con gli scontri diretti. Lo vai a raggiungere tu? Se qualcuno sa solo criticare tu, invece, cosa sai fare? Solo offendere?

  • Ma de zerbi 2 settimane fa già aveva detto che probabilmente scivoleremo al terzo posto..già tutto calcolato ...ma fatemi il piacere noi foggiani siamo un popolo illuso!!

    • Avatar anonimo di carlo
      carlo

      Ti chiami come me, anche se mi sono postato in questo sito con la c minuscola... ma non sono assolutamente d'accordo che siamo un popolo illuso: vorremmo semplicemente ...rivivere le sensazioni calcistiche di diversi anni addietro, nente di più!!! Ciao, Carlo e buona domenica!

  • Quest e fogg!siete buoni solo a criticare,siete tutti allenatori.ho notato che quando il foggia vince nn commentate mai,quando perde tutti a condannare questa squadra!Tanto andremo in B alla faccia di quel leccese che commenta su questo sito.Ricordati all'andata ti sei preso 4 pappine!!!Buffone

  • Ed ecco tutti a criticare...Ridicoli

  • Obiettivamente Lecce superiore in tutto.

    • Superiore di che? Avete segnato su ripartenze giocate in 11 dietro al centrocampo, non avete un briciolo di gioco, ieri vi è andata bene tutto qua, e ricordate che se arriviamo a pari punti chi sale siamo noi, che ve ne abbiam fatti 4

  • Avatar anonimo di carlo
    carlo

    Effettivamente il gioco del Foggia è troppo prevedibile: si parte sempre da Narciso e si consente agli avversari di piazzarsi facilmente a difesa della propria porta che non viene assolutamente messa in difficoltà; quelle rare volte che il Foggia ci arriva è stanco e non riesce a far gol! Ci si intestardisce nei passaggetti e la vittoria la regaliamo facilmente alle squadre avversarie! Mahh! Forse abbiamo finito di illuderci!!!

  • Il lecce non ha fatto nulla da trascendentale ma era messo decisamente messo in campo meglio tutti perfetti a differenza nostra sterile possesso palla e niente più

  • Addio serie B abbiamo bisogno di un allenatore di esperienza per vincere la lega pro de Zerbi è sicuramente bravo ma altrettanto inesperto speriamo di arrivare ai play off

  • Il Benevento ed il Lecce hanno il calendario in discesa. Purtroppo pesano gli 8 punti persi in casa con errori ed ed arbitri incapaci. Ormai è finita. Pianifichiamo l'anno prossimo che è meglio.

  • Il Benevento ed il Lecce hanno il calendario in discesa. Purtroppo pesano gli 8 punti persi in casa con stupidi errori ed altrettanto stupidi arbitri. Ormai è finita. Pianifichiamo l'anno prossimo che è meglio.

  • Ci eravamo illusi c'è qualcosa che non va De Zerbi resta bloccato in panchina senza arrabbiarsi o strigliare la squadra
    Certamente non bisogna arrendersi che' e' tutto possibile ma bisogna ritornare a vincere se veramente vogliamo la B

  • A fine campionato il Lecce sarà dietro il Benevento anche perchè la Corte Federale di appello è probabile che gli tolga il punto del pareggio con la Casertana comminando il 3-0 a tavolino. Il Foggia scivolerà molto indietro e farebbe bene a programmare la prossima stagione di LegaPro. Troppe sicocchezze dettate dall'inesperienza come quella di avere i piedi in due staffe con l'inutile Coppa Italia.

    • E tu chi sei? Nostradamus de noantri? Ahahah ma fammi il piacere...AVANTI LECCE

      • Il Benevento che ha fatto oggi? Quanti maccheroni dovrai mangiare ancora per capire che il Salento non è la gigantografia dell'Italia. Lo sai che esistono anche degli italiani educati?

      • Ma vai a rubate che all'andata ne avete prese 4

      • "Ma fammi il piacere" è un espressione irriguardosa. Ti prego, pertanto, di non dimostare a tutti quanti come ti ha educato tua madre. Ho conosciuto nel Salento anche brave persone. Devi migliorare. E soprattutto, ricordati che l'Italia non è una gigantografia del Salento. In Italia c'è ancora chi rispetta il prossimo.

    • E' l'allenatore che va cambiato, la squadra va bene i giocatori sono forti ma l'allenatore noooo, de Zerbi disse di avere una ferrari, ma questa ferrari è guidata da un normale guidatore, prima o poi si schianta

  • La luce di De Zerbi si è spenta (se mai si fosse accesa). Oggi il Lecce ha dimostrato una superiorità assoluta ed a mio avviso ha dimostrato che il Foggia si trova lì su per caso (il caso è dato dal fatto che le altre squadre non ingranavano la marcia).
    ma ora che le altre ingranano vedrete come il Foggia andrà giù.
    De Zerbi a casa, ormai tutti hanno capito il tuo tiki taka (lentissimo).

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lucera, 'sorpresa' lungo la Statale: la polizia trova due residuati bellici, inizia la bonifica

  • Attualità

    Monte Sant’Angelo sta dalla parte della legalità. Cittadini in piazza per gridare ‘No’ alla mafia: “Il silenzio non fa per noi”

  • Scuola

    ‘ilSottosopra’ punto di riferimento di tutta la Puglia: i ragazzi del Pascal premiati al concorso “Il giornale e i giornalismi nelle scuole”

  • Attualità

    Foggia ricorda Nicola Ugo Stame e gli altri martiri delle Fosse Ardeatine: il tributo dinanzi al cippo dedicato al tenore foggiano

I più letti della settimana

  • Gino Lisa, ecco il piano di sviluppo dell'aeroporto per una Foggia Città d'Europa

  • Omicidio a Mattinata, Francesco Pio Gentile ucciso in un agguato sotto casa

  • La foggiana nonna Peppa compie 116 anni: buon compleanno alla donna più longeva d'Europa (la seconda nel mondo)

  • Tragico incidente in viale XXIV Maggio: auto investe e uccide cane, padrone in ospedale per un malore

  • Omicidio a Mattinata, Gentile ucciso a colpi di fucile: nella notte eseguiti sei stub e una dozzina di perquisizioni

  • Deliceto shock: liquami riversati di notte nei campi di grano. Blitz di Striscia la Notizia:"Ecco come funziona la discarica"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento