Poker di Iemmello. Il Foggia si complica la vita, poi stende l'Ischia

Il "Re" determinante con quattro reti in una sfida incredibile. Rossoneri avanti di due gol, ma subiscono la rimonta firmata Pepe e Kanoute. Nel finale le altre due firme del bomber rossonero, che regalano i tre punti alla squadra di De Zerbi

Iemmello sotto la 'Sud' dopo il gol del 3-2

Pietro Iemmello. Un semplice nome che racchiude la storia di Foggia-Ischia. Quattro gol per il “Re”, i primi due che sembravano spianare la strada a un pomeriggio glorioso e tutto sommato tranquillo, il terzo e quarto necessari per stanare le palpitazioni, e rincorrere l’obiettivo playoff, che con un pareggio sarebbe stato molto più difficile da perseguire. Vince il Foggia, dopo i due k.o. in trasferta, ed è una notizia positiva, alla luce del successo del Cosenza. Vince il Foggia che ha definitivamente ritrovato il suo bomber, anche se il suo risveglio era già in atto da alcune settimane. Certo, restano le problematiche già note ai più. La squadra ancora una volta si è complicata la vita, rischiando di sciupare quanto costruito con qualità nella prima parte di gara. Ma la reazione c’è stata, segno che la squadra è ancora viva.

PRIMO TEMPO – C’è una partita nella partita, quella che si svolge sulle due curve. La nord che sta in silenzio per un quarto d’ora, e lascia che a parlare sia uno striscione dal messaggio abbastanza eloquente oltre che colorito. Dall’altra parte gli ultras della Sud si sistemano nel settore inferiore della Curva fino al 20’. Tra inviti a palesare gli attributi, e parole d’amore per la maglia e i colori rossoneri, nel frattempo in campo si gioca. De Zerbi, non lesina sorprese, riproponendo Floriano e Riverola. Ma la sorpresa più rumorosa è l’esclusione di Sarno, a vantaggio di Chiricò. Una scelta quasi a furor di popolo, dopo le ultime opache prestazioni del napoletano. Nel rumorosissimo silenzio dello Zaccheria, il Foggia ritrova il bel gioco e i gol. Iemmello, ormai pienamente ritrovato, ne fa due in mezz’ora, ed entrambe le volte è pendolino Angelo ad assisterlo. A centrocampo Agnelli e Gerbo si travestono da registi puri, concedendosi aperture sulle corsie di grande qualità, nonché delle pregevoli “piccininiane” sciabolate centrali. Anche Floriano appare in ripresa, se la dea bendata non gli voltasse le spalle, almeno un gol lo farebbe. Splendida la serpentina conclusa con una puntata stile futsal al 20’ ricacciata indietro dal palo. Grande Foggia e piccolo Ischia. La squadra di Porta per oltre mezz’ora fa da sparring partner, come una Lupa Castelli qualsiasi, e si accende solo al 36’ con il gol di Pepe, ispirato dal funambolo Kanoute. Il gol del centrocampista arriva tre minuti dopo il suo ingresso, al posto di Pistola, che con Angelo ci ha capito poco.
Il Foggia si spegne, riproponendo un canovaccio ormai noto ai più. Un gol e la squadra riscopre le antiche debolezze, afflosciandosi in fase offensiva, e concedendo pericolosi spazi agli avversari. E Kanoute, per poco non fa ancora un macello sulla destra.

Le pagelle

SECONDO TEMPO – I rossoneri non scendono in campo con l’atteggiamento molliccio dei minuti finali del primo tempo. Il Foggia attacca con costanza, spingendo, tanto per cambiare, molto sulla destra. Si torna però ai vecchi problemi, ovvero la mancanza di concretezza che dia un senso al predominio territoriale. I rossoneri fanno incetta di corner (alla fine saranno 12), ma tirano poco in porta, e alla fine capitolano alla prima ripartenza sfruttata dallo spauracchio Kanoute, che si procura e realizza il calcio di rigore. L’ennesima rimonta subita, e tutto da rifare. De Zerbi getta nella mischia Vacca e Arcidiacono per il forcing finale. Serve il cuore, quello che porta Gerbo a recuperare palla e a offrire una palla sublime a Iemmello. Tripletta, che diventa poker un minuto dopo, con una progressione palla al piede impressionante chiusa con un gol spacca porta. Quattro a due, e Zaccheria di nuovo infuocato. Nonostante i tentativi di rovinarsi la festa, il Foggia torna alla vittoria. Ed è l’unica cosa che conta.

FOGGIA (4-3-3) Micale; Angelo, Loiacono, Gigliotti, Di Chiara; Riverola (29’st Vacca), Agnelli, Gerbo; Chiricò (29’st Arcidiacono), Iemmello, Floriano (20’st Sarno). A disposizione: De Gennaro, Agostinone, Coletti, Quinto, Vacca, Lodesani, Arcidiacono, Sainz Maza, Lauriola. All. De Zerbi

ISCHIA (4-3-3) Iuliano; Florio, Savi, Filosa, Pistola (33’st Pepe); Di Vicino, Spezzani, Palma (1’st Acampora); Kanoute, Gomes (15’st D’Angelo), Armeno. A disposizione: Modesti, Guarino, De Palma, Porcino, Passariello, Manna, De Clemente, Pepe. All. Porta

Arbitro: Capone di Palermo

Marcatori: 11’pt, 30’pt Iemmello (F), 36’pt Pepe (I), 30’st rig. Kanoute (I), 46’st, 48’st Iemmello (F)

Ammoniti: Gomes (I), Iuliano (I), Sarno (F), Savi (I)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di carlo
    carlo

    Mi provoca una... strana tachicardia questo nostro Foggia calcio! Anch'io sono dubbioso per lo strano attaccamento del tiki taka e...via agli avversari che sfruttano le pericolose distazioni e ci colpiscono inesorabilmente facendoci soffrire inutilmente fino al miracolo di Iemmello! Perché non obbligare a spedire il pallone nell'area avversaria, complicandosi la vita e mettendo a dura prova le nostre coronarie? Così fan tutte le squadre che ci precedono; perché correre inutilmente per tuuo il campo, partendo da Gigliotti, quando si può lanciare il pallone in avanti subito? Ah, sì, qualcuno dirà: perché bisogna fare le cose facili, quando si possono (come fa questa squadra!) fare le cose difficili! I bravi attaccanti c'è lì abbiamo, se poi vogliamo perdere un'altra stagione...continuiamo con il tiki -taka (si scrive così?)!!!

  • Secondo me c'e' qualcosa che non va' in fase di copertura,magari sulla mediana.
    Non è comprensibile come mai se le squadre attaccano un po' di piu' ci infilano.
    Entriamo nel panico. Ieri si giocava contro 11 cadaveri
    Poi voglio ripetere quanto detto già l'anno scorso.
    I calciatori devono essere disciplinati, Narciso se non avesse parlato a fine partita avrebbe avuto una sola giornata.
    Quando abbiamo una punizione a favore, ci scappa sempre una ammonizione ad uno dei nostri che si lamenta,,,,e' assurdoooooo
    La società deve multare chi si fa ammonire e squalificare.

    • bisogna tenere tutti sulla corda!!! devono giocare un po' tutti non sentirsi messi da parte!!!!. il 3 portiere mi sembra migliore di micale!!!!

  • non capisco perche' non fa giocare agostinone ,dato che il girone di andata e' stato protagonista!!!! iammello non si tocca e' il motore della squadra!!!!CI VUOLE LA CATTIVERIA NON IL TIKI-TAKA

    • Ma sei serio quando dici perché non fa giocare agostinone? È l'anti calcio, al massimo può giocare in eccellenza

      • lui ci mette il cuore e la faccia!! vedi coletti ,loiacono non giocano meglio di agostinone

  • Iemmello avrà pure sbagliato,ma x un attaccante contano i gol e lui li fa e oggi l ha dimostrato.crediamoci fino alla fine,i play off sono alla nostra portata!

Notizie di oggi

  • Economia

    Roseto fa brillare la Capitanata, Manfredonia regina della lotta agli sporcaccioni (ma 17 comuni sono indifferenti)

  • Cronaca

    Automobilisti rapinati e sangue sulla Statale 16: è caccia ai delinquenti che seminano il terrore nel Cerignolano

  • Cronaca

    Omicidio sulla Statale 16: ucciso uomo che trasportava finocchi, forse un tentativo di rapina finito male

  • Attualità

    Un acquisto per i bambini meno fortunati: “il regalo sospeso” di Confcommercio e Civ

I più letti della settimana

  • Il maltempo fa paura: fulmini, trombe marine e grandinate nel Foggiano. Primi fiocchi di neve

  • Tragedia sui binari: operaio foggiano investito e ucciso da un treno

  • Omicidio sulla Statale 16: ucciso uomo che trasportava finocchi, forse un tentativo di rapina finito male

  • Terribile sequenza di rapine a mano armata: quattro colpi ai distributori di carburanti, tre in meno di mezz'ora

  • Colpi di arma da fuoco sulla Statale 16: banditi puntano autocisterna di gasolio e sparano, la rapina fallisce

  • Terribile incidente, automobilista non respira: sottufficiale foggiano della aeronautica militare gli salva la vita

Torna su
FoggiaToday è in caricamento