Pronti...via, gol. Lucioni segna in avvio, il Foggia perde anche a Benevento

Una rete del capitano giallorosso dopo un solo minuto risolve la contesa al "Vigorito". Rossoneri brutti e poco incisivi. Pesa terribilmente l'assenza di Quinto. E in attacco la squadra è poco incisiva anche dopo l'innesto di Viola

L’anno scorso furono due gol nei primi diciotto minuti a indirizzare il match a favore delle Streghe. Quest’anno basta molto meno: l’inzuccata di Lucioni che uccella un Narciso piuttosto indeciso, regala al Benevento la prima vittoria in campionato, al Foggia il secondo k.o. consecutivo lontano dallo Zaccheria. E se il risultato è piuttosto deprimente, a preoccupare di più tuttavia è la prestazione offerta dai rossoneri, soprattutto nel primo tempo. Squadra sfilacciata, senza quel gioco avvolgente che aveva conquistato gli addetti ai lavori nella scorsa stagione. Lo status di favorita non fa bene alla formazione di De Zerbi, che deve inoltre risolvere il rebus riguardante il sostituto di Quinto, e recuperare quanto prima Floriano in attacco.

PRIMO TEMPO – Un incipit peggiore De Zerbi e la sua squadra non potevano aspettarselo. Lucioni fa gol dopo un solo minuto su un clamoroso volo a vuoto di Narciso, scavalcato dalla parabola del difensore del Benevento. E’ l’inizio di una frazione di gioco iniziata male, che non proseguirà di certo meglio. Il Foggia gioca male, lento, impacciato, di fronte alla incredibile compattezza del Benevento, squadra aggressiva, che con il 3-4-3 tutto pressing e ripartenze, vince alla grande il confronto con gli ospiti.
Ci sono alcuni elementi che certificano le difficoltà dei rossoneri: Narciso che sbaglia tre uscite su tre, gli errori banali di molti giocatori in fase di palleggio, e la ricerca ostinata della giocata da solista. Maza spesso va a infrangersi sul muro eretto dalle “Streghe”, ed è anche poco furbo nel non mettere mai in difficoltà il dirimpettaio Mattera, ammonito un minuto dopo il gol dei padroni di casa; Sarno si perde tra i mille tentativi di dribbling e sterzate, fino a disorientarsi da solo. Si registra infine una certa confusione in mezzo al campo, dove l’assenza di un uomo d’ordine come il da molti vituperato Quinto, pesa terribilmente. Le uniche due buone occasioni il Foggia le costruisce, guarda caso, quando agisce di squadra, con due belle combinazioni tra Sarno e Angelo, sventate dalla difesa giallorossa.

LE PAGELLE DEI ROSSONERI 

SECONDO TEMPO – Quando un allenatore cambia due elementi a inizio ripresa, è evidente che molte cose non vanno. De Zerbi ridisegna la squadra inserendo Loiacono in difesa, Viola in attacco e restituendo Coletti al centrocampo. Restano negli spogliatoi Maza e Riverola. Ma i progressi a livello di gioco non si vedono. Il Foggia procede a fiammate, affidandosi agli strappi di Iemmello o all’invenzione di Sarno, mentre Viola fa collezione di offside. Ancora meglio il Benevento, che al termine della ripresa conterà ben cinque occasioni nitide per chiudere il match. Clamorose quelle capitate a Cruciani al 3’ (conclusione da posizione ravvicinata con palla alta), e a Melara al 27’ (dribbling su Narciso e salvataggio sulla linea di Gigliotti). Il foggia andrà vicino al gol solo con Iemmello un minuto dopo, e si dispererà per un traversone di Angelo finito in curva con la difesa del Benevento sguarnita. L’incapacità dei padroni di casa di chiudere l’incontro, tiene vive le speranze del Foggia fino alla fine, ma non basta per raddrizzare una partita nata male. Vince il Benevento che si conferma bestia nera dei satanelli quando il confronto si tiene al “Vigorito”. Per il Foggia forse è prematuro parlare di crisi, ma un punto dopo tre partite è uno score che quanto meno deve far riflettere.

Tabellino

Benevento (3-4-3) Piscitelli; Mattera, Lucioni, Pezzi; Melara (35'st Bonifazi), Del Pinto, De Falco (42'st Vitiello), Mazzarani; Mazzeo, Cissé, Cruciani (23'st Troiani) A disposizione: Calvaruso, Som, Bianco, Porcaro, Ciciretti, Campagnacci, Vitiello, Marano, Padella. All. Auteri

Foggia (4-3-3) Narciso; Angelo, Coletti, Gigliotti, Agostinone; Gerbo, Agnelli (39'st Bollino), Riverola (1’st Loiacono); Sarno, Iemmello, Maza (1’st Viola). A disposizione: Micale, Bencivenga, De Giosa, D'Allocco, Di Chiara, Floriano, Sicurella, Lodesani. All. De Zerbi

Arbitro: Di Martino di Teramo

Marcatori: 1'pt Lucioni (B)

Ammoniti: Mattera (B), De Falco (B), Agnelli (F), Angelo (F), Cissé (B), Gigliotti (F), Vitiello (B)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Checco Zalone ospite da Fiorello, cita Foggia e divide: "Delinquenza e povertà, ma almeno c'è il bidet"

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Ultim'ora | Operazione 'Nettuno', 4 arresti nella Capitaneria di Porto di Manfredonia

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

  • Da cinque anni alimentava casa e ristorante con l'elettricità rubata all'Enel: furto da 85mila euro

Torna su
FoggiaToday è in caricamento