Giochi del Mediterraneo: Iandolo riporta a Foggia la medaglia d'oro

Nel 2013 successo per Luigi Samele. Per lui i prossimi impegni nei trofei nazionali delle due armi e il sogno di una maglia azzurra per Europei e Mondiali.

Nella foto Francesco Iandolo

Francesco Pio Iandolo del Circolo Schermistico Dauno, vincendo l'assalto finale contro lo spagnolo Bermejo col netto punteggio di 15-9, ha conquistato la medaglia d'oro nella spada ai Giochi del Mediterraneo riservati alla Categoria "Cadetti" primo anno. Iandolo, allenato da Giancarlo Mitoli e Francesca Zurlo, si è imposto sulle pedane di Guadalajara dopo aver terminato al quarto posto i gironi eliminatori, aver sconfitto il francesce Collin ai quarti di finale per 15-13 e lo spagnolo Gonell in semifinale per 15-10.

Il portacolori del CS Dauno, unico rappresentante della nazionale italiana nel torneo di spada, ha conquistato la 22esima medaglia per l'Italia riportando a Foggia il titolo assoluto, dopo il successo nel 2013 di Luigi Samele nella sciabola. Dopo questa ennesima prova positiva, l'atleta entra di diritto nel novero degli spadisti più forti della nazionale azzurra "Cadetti" dopo peraltro aver dimostrato di essere un fortissimo fiorettista, con il secondo posto conquistato a Foggia nella seconda prova nazionale. Per lui i prossimi impegni nei trofei nazionali delle due armi e il sogno di una maglia azzurra per Europei e Mondiali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Cerignola: spara e uccide la vicina, ferisce la moglie e poi si toglie la vita

  • Scacco al clan: maxi operazione antimafia di Carabinieri e Cacciatori, 50 arresti (anche a Foggia e Cerignola)

  • Mamma 'scatenata', in auto con i figli minori forza posto di blocco e avvia pericoloso inseguimento

  • Mafia garganica: catturato alle Canarie 'U meticcio', è rientrato in Italia dopo l'arresto del blitz 'Neve di Marzo'

  • Aggredito il consigliere comunale Massimiliano Di Fonso: picchiato da 5 uomini, finisce in ospedale

  • Ladri di olive in azione, dipendenti del frantoio fingono di non accorgersene. Irrompono i carabinieri, un arresto e furto sventato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento