Angelo show. Il Foggia prima soffre, poi dilaga. Poker alla Lupa Castelli

Angelo la sblocca con un gol capolavoro dopo sei minuti. I rossoneri non la chiudono e nel finale di tempo subiscono il pari su rigore che costa l'espulsione di Narciso. Nella ripresa Chiricò riporta avanti i satanelli. Il bis di Angelo e il rigore di Sarno chiudono il match

I giocatori festeggiano Angelo, dopo il suo secondo gol (ph. Roberto D'Agostino)

Si soffre e si festeggia. Angelo mattatore con una doppietta che stempera le polemiche, rilancia il Foggia, che torna a -2 dalla classifica. Chiariamo subito: non è un 4-1 alla Lupa Castelli che può certificare la guarigione del Foggia. Saranno le due trasferte di Andria e Messina a dire se questa squadra può ancora insidiare i lanciatissimi Lecce e Benevento. Della gara di oggi, oltre al risultato, si può salvare il carattere della squadra, capace comunque di segnare tre reti in inferiorità numerica. Ma certe leggerezze viste soprattutto nel primo tempo si dovrebbero evitare. Una vittoria che consolida la posizione di De Zerbi, la cui panchina avrà cigolato per oltre un tempo, soprattutto dopo l'incredibile finale del primo tempo, chiusosi in parità e con i rossoneri sotto di un uomo. 

LE PAGELLE

PRIMO TEMPO - Ancora una volta il minuto 41. Si può partire da qui, dal quintultimo minuto del primo tempo, letale con il Matera, e determinante anche con la Lupa Castelli. Narciso atterra in area Gurma e si fa espellere, Morbidelli segna e pareggia i conti, ristabilendo la situazione in una gara giocata che sembrava in totale controllo da parte dei rossoneri. Il primo sigillo di Angelo, con una bordata dalla distanza finita sotto il sette di Gobbo Secco, aveva sbloccato la partita dopo pochi minuti, in un primo tempo caratterizzato dalle interruzioni di gioco (tante), dai gol annullati a Iemmello (due), e dalle numerose situazioni potenzialmente letali e puntualmente non sfruttare dai rossoneri. Un Foggia non trascendentale, ma comunque padrone del campo con una Lupa Castelli che ancora una volta conferma il perché dei soli 8 punti finora conquistati. Gioco che si sviluppa bene sulle corsie, dove Angelo e Di Chiara hanno spesso spazio per appoggiare i tre d’attacco. Soprattutto a sinistra i rossoneri riescono a penetrare con una certa facilità. Eppure il punteggio alla fine della prima frazione recita 1-1. Sorprendente ma fino a un certo punto, perché lo Zaccheria non è più fortino invalicabile, ma più terra di conquiste, dove all’avversario basta sfruttare un’occasione per trovare il gol, dopo un primo tempo a senso unico.

SECONDO TEMPO – Il nervosismo è tangibile, e non aiutano a rasserenare gli animi alcune scelte del direttore di gara. Il Foggia resta padrone del campo, nonostante l’inferiorità numerica. De Zerbi decide di provare a giocarsela sulle fasce: si spiega in tal senso la scelta di togliere Vacca – peraltro debilitato da un violento colpo al naso rimediato nel primo tempo – per inserire Chiricò. L’esterno ex Prato si piazza a sinistra, da ala pura, per dar sostegno alla spinta di Di Chiara. Scelta che paga, perché Chiricò entra subito bene in partita: le prime due serpentine portano a due interessanti cross non raccolti da Iemmello. La terza azione, è un invito allo scambio con il “Re”, che va via a due avversari si porta la palla sul fondo e scarica per Chiricò che non può sbagliare. Foggia avanti e Zaccheria che tira un sospiro di sollievo. Anche perché poi il Foggia non commette l’errore di rilassarsi, ma va alla ricerca del terzo gol, e lo trova ancora con Angelo. Un’altra bordata dalla distanza che si pianta sotto il sette, con buona pace di Gobbo Secco, che poi verrà espulso per doppi ammonizione, dopo aver affossato Angelo lanciato verso la porta e verso una clamorosa tripletta. Sarno stavolta non sbaglia il rigore, e firma il poker. 4-1 e tre punti vitali, che riaccorciano la classifica dopo il pareggio del Benevento. La vetta ritorna a due lunghezze, ma ora servirà il miglior Foggia per affrontare le due trasferte di Andria e Messina.

FOGGIA (4-3-3) Narciso; Angelo, Loiacono, Gigliotti, Di Chiara; Agnelli, Vacca (10’st Chiricò), Gerbo; Sarno, Iemmello (40’st Lanzaro), Arcidiacono (42’pt Micale). A disposizione: Agostinone, Coletti, Quinto, Lodesani, Floriano, Riverola, Lauriola, De Gennaro. All. De Zerbi

LUPA CASTELLI ROMANI (3-5-2) Gobbo Secco; Di Bella, Aquaro, Anderson; Ricamato, Maiorano, Prutsch, Scicchitano (30’st Kosovan), Cara; Gurma, Morbidelli (25’st Roberti). A disposizione: Tassi, Falasca, Proietti, Rossetti, Sporkslede. All. Palazzi

Arbitro: Capone di Palermo

Marcatori: 6’pt Angelo (F), 43’pt rig. Morbidelli (L), 16’st Chiricò (F), 22’st Angelo (F), 49’st rig. Sarno (F)

Ammoniti: Di Bella (L), Gerbo (F), Vacca (F), Gobbo Secco (L), Carta (L)

Note: 41’pt espulso Narciso (F) per interruzione di chiara occasione da gol, 47’st Gobbo Secco (L) per doppia ammonizione

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (17)

  • Stai muto tu pippo e guarda a casa tua rosicone e barese pure

  • Avanti cosi.fino alla fine.

  • Noi ci crediamo...bravi ragazzi. ..ogni vittoria fa testo e fa punti e soprattutto morale..non era facile anche perche non si era messa bene...non è stata una grande prestazione ma l'importante era vincere...de zerbi uno di noi....

  • Il portiere che non ne fa una Buona!!!

  • Dobbiamo tirare di più da fuori area

  • Ciao pippo come va la cervicale?avevi detto che ti facevi sentire questa domenica..come mai la tua parola come vedi vale meno di zero

    • Ischia e lupa castelli sn squadre di eccellenza non fanno testo tranquillo in b non vai

    • Leccese stai muto che stai un punto avanti solo

  • Avatar anonimo di CARAMA Sessantatré
    CARAMA Sessantatré

    Trovo Sarno estremamente egoista per le sue statistiche aver tolto il rigore ad Angelo,e' stato lui il mattatore ed il vero vincitore di questa partita..un grande

  • e poi Sarno ma che soggetto...se tutto il pubblico acclama Angelo per il rigore (sembrava il film Il Gladiatore quando acclamavano Massimo) che lo tiri a fare tu? tra l'altro rigore inutile se non per le statistiche; questo episodio mette in evidenza il livello (mediocre) di quel giocatore

    • Le dichiarazioni di Angelo nel post partita descrivono perchè non ha calciato lui il rigore.Se esistono delle regole,bisogna rispettarle. Che centra Sarno in tutto questo???mah...cone far polemica inutile...

  • Il giornalista non è onesto quando non spende neanche una parola sulla serie di errori arbitrali che stanno martoriando il Foggia. Un cronista sportivo che non si occupa del crescendo CRETINISMO ARBITRALE vuol dire che non ama il calcio. Perchè chi ne fa le spese è solo il calcio. Ma dove li vanno a prendere?

  • Partita che non dice assolutamente nulla se non lo scandalo della difesa foggiana, vedi rigore dei castelli romani ed altri due tiri loro con fortissimo ed evidente imbarazzo dei difensori foggiani di fronte ad una squadra dilettantistica...

  • Non esalti amici avevamo di fronte una squadra di promozione vediamo ad andria sabato se dimostrano di essere quello squadrone di cui abbiamo bisogno per salire in B

    • Abbiamo troppe primedonne , bisogna giocare x la squadra

  • Dai ragazzi dobbiamo crederci.

    • E vero vincere tutte si può fare!!!!!!

Notizie di oggi

  • Economia

    Roseto fa brillare la Capitanata, Manfredonia regina della lotta agli sporcaccioni (ma 17 comuni sono indifferenti)

  • Cronaca

    Automobilisti rapinati e sangue sulla Statale 16: è caccia ai delinquenti che seminano il terrore nel Cerignolano

  • Cronaca

    Omicidio sulla Statale 16: ucciso uomo che trasportava finocchi, forse un tentativo di rapina finito male

  • Attualità

    Un acquisto per i bambini meno fortunati: “il regalo sospeso” di Confcommercio e Civ

I più letti della settimana

  • Il maltempo fa paura: fulmini, trombe marine e grandinate nel Foggiano. Primi fiocchi di neve

  • Tragedia sui binari: operaio foggiano investito e ucciso da un treno

  • Omicidio sulla Statale 16: ucciso uomo che trasportava finocchi, forse un tentativo di rapina finito male

  • Terribile sequenza di rapine a mano armata: quattro colpi ai distributori di carburanti, tre in meno di mezz'ora

  • Colpi di arma da fuoco sulla Statale 16: banditi puntano autocisterna di gasolio e sparano, la rapina fallisce

  • Terribile incidente, automobilista non respira: sottufficiale foggiano della aeronautica militare gli salva la vita

Torna su
FoggiaToday è in caricamento