Iemmello illude, Ricci gela lo Zac. Rossoneri bloccati sul pari

Dopo un primo tempo brutto, i satanelli si svegliano nella ripresa e trovano il gol con Iemmello all'8', ma non chiudono la gara, e così vengono beffati dal gol di Ricci. Nel finale decisivo Scuffia con almeno quattro parate

Foto di squadra (Ph. Roberto D'Agostino)

Buonina la prima. Allo Zaccheria finalmente presentatosi nella sua veste più bella, quella con la gradinata non più vuota, il Foggia si fa bloccare sul pareggio dal Catanzaro, in una gara ricca di rimpianti, e non solo per i miracoli di Scuffia in chiusura di match. Rimpianti per un primo tempo giocato sotto tono, e per una ripresa nella quale, dopo aver trovato il gol con Iemmello, la squadra non è stata capace di sferrare il celebre colpo di grazia. Un punto su sei, nelle prime due partite. L'ennesima conferma che questo campionato, pur vedendo i rossoneri tra i favoriti, sarà tutt'altro che semplice da vincere. 

LE PAGELLE DEI ROSSONERI 

APPLAUSI E SBADIGLI - Gli applausi con i quali lo stadio accompagna i giocatori negli spogliatoi alla fine del primo parziale, non devono ingannare. E' solo incitamento, perché la prestazione offerta dai rossoneri nel primo tempo contro il Catanzaro non è di quelli che fanno strabuzzare gli occhi. La pattuglia di De Zerbi sembra ancora scossa dal brutto esordio di Pagani, e certe paure condizionano la qualità del gioco. Il pallino del gioco è sì in mano ai satanelli, ma contro una squadra che difende con dieci giocatori dietro la linea del pallone, facendo densità soprattutto nella zona centrale, pensare di entrare in area per vie centrali è pura utopia. Se poi si tenta di scardinare il muro calabrese con un possesso palla dannatamente lento, le difficoltà si accentuano ulteriormente. Quando le vie centrali non offrono sbocchi, ma solo il pericolo di infilarsi in un imbuto, sarebbe lecito oltre che logico allargare il gioco sulle fasce. Ma a parte qualche tentativo di Agostinone, la palla corre sempre lungo la stessa porzione di campo. Gli stessi Maza e Sarno tendono ad accentrarsi, andando a imbottigliare ulteriormente le già intasate vie centrali. Le due situazioni in cui due giocatori rossoneri si rubano letteralmente la palla, denotano la mancanza di serenità, presto sfociata in preoccupante confusione. A complicare ulteriormente la situazione c'è poi l'infortunio occorso a Quinto, che dopo mezz'ora deve lasciare il posto ad Agnelli. Alla fine della fiera, eccezion fatta per la acrobatica deviazione d'esterno di Iemmello al 3', ben respinta da Scuffia, e una girata di testa di Gigliotti sugli sviluppi di un corner in chiusura di frazione, la difesa del Catanzaro se la passa bene. 

SECONDO TEMPO - Basta poco ai rossoneri per dare una scossa al match. Basta velocizzare il fraseggio, cercare con più insistenza le combinazioni sulle corsie. E' da un ottimo lavoro sulla fascia sinistra che si origina il gol di Iemmello, bravo a inserirsi su un pallone che corre lungo il lato corto dell'area, e ad anticipare Scuffia in uscita. Esplode lo Zaccheria, che si aspetterebbe un forcing dei propri beniamini per mettere al sicuro il risultato. Così non è. L'innesto di Viola per Sainz Maza, con spostamento di Iemmello a sinistra, serve a far mostra della straordinaria predisposizione al sacrifico di Re Pietro, che si rende protagonista di un paio di ripiegamenti strepitosi. D'Urso decide che il finto 3-5-2 (ma vero 5-4-1) non serve più, quindi getta nella mischia Taddei e Agodirin. I due sfiorano subito il gol, evidenziando ancora una volta la tenerezza della fase difensiva dei rossoneri. Tenera, come la marcatura di Angelo che si fa anticipare da Ricci sugli sviluppi di un corner beffando Narciso. Il gol sciocca lo Zaccheria, e appesantisce le gambe dei rossoneri che dicono grazie a Narciso, bravo a dire no ad Agodirin. Il finale è da fiera dei rimpianti: Scuffia si oppone tre volte a Viola e una a Iemmello, e viene graziato dal palo su una precisa volee mancina di Sarno. Foggia anche sfortunato, ma non devono essere i minuti finali quelli in cui cercare di vincere. 

Tabellino

FOGGIA (4-3-3) Narciso; Angelo, Coletti, Gigliotti, Agostinone; Gerbo, Quinto (34'pt Agnelli), Riverola (36'st Loiacono); Sarno, Iemmello, Sainz Maza (18'st Viola). A disposizione: Micale, Bencivenga, De Giosa, Di Chiara, D'Allocco, Lodesani, Bollino, Viola, Tarolli. All. De Zerbi

CATANZARO (3-5-2) Scuffia; Priola, Orchi, Ricci; Bernardi (13'st Agodirin), Agnello, Selvatico (13'st Taddei), Foresta, Squillace; Mancuso (30'st Maita), Razziti. A disposizione: Grandi, Sirigu, Caselli, Giampà, Calvarese, Ingretolli. All. D'Urso 

Arbitro: Massimi di Termini

Marcatori: 8'st Iemmello (F), 38'st Ricci (C) 

Ammoniti: Bernardi (C), Selvatico (C), Agnelli (F), Agnello (C) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Checco Zalone ospite da Fiorello, cita Foggia e divide: "Delinquenza e povertà, ma almeno c'è il bidet"

  • Corsa contro il tempo per Domenico, il 37enne e padre di due bambini colpito da una rara malattia: "Aiutateci a salvarlo"

  • Presa la banda foggiana che assaltava i bancomat: tre colpi in 20 giorni, quattro arresti

  • Ultim'ora | Operazione 'Nettuno', 4 arresti nella Capitaneria di Porto di Manfredonia

  • 400 ulivi tagliati 'con le mani', amaro risveglio nei campi di Stornarella. La vittima: "Buon miserabile Natale anche a voi!"

  • Da cinque anni alimentava casa e ristorante con l'elettricità rubata all'Enel: furto da 85mila euro

Torna su
FoggiaToday è in caricamento