Coppa Italia di Lega Pro, la corsa del Foggia continua. Akragas superato ai rigori

Rossoneri subito sotto grazie al gol di Aveni in apertura. Nel finale il pareggio di Iemmello su assist del giovane Lauriola, che poi realizzerà il penalty decisivo. Ritorna in campo Quinto dopo l'infortunio di settembre. Espulsi Coletti e Riverola

Lauriola si appresta a trasformare il penalty decisivo

Un rigore dell'ultimo arrivato, Alessandro Lauriola regala al Foggia l'accesso alle semifinali di Coppa Italia di Lega Pro. Proprio i penalty, che allo Zaccheria avevano visto i rossoneri fallire 4 volte su 6 occasioni, decidono l'estenuante sfida con l'Akragas. Una partita in cui i satanelli hanno dovuto rincorrere fin dalle prime battute, da quando Aveni al 4' perfeziona un perfetto contropiede beffando Micale con un preciso pallonetto.

Il Foggia B schierato da De Zerbi vede in campo numerosi titolari, da Floriano a Iemmello, passando per Coletti e Sainz Maza. Senza dimenticare Lanzaro e Riverola. Ma i fari sono puntati su Marcello Quinto, al rientro dopo l'infortunio al crociato rimediato a settembre nella sfida con il Catanzaro. Per il regista foggiano, una buona prestazione nell'ora scarsa di gioco concessagli dal tecnico rossonero. Ritmi non ancora elevati (elemento che ha caratterizzato un po' tutti i giocatori) ma costante presenza nel gioco rossonero, e nessuna paura di andare a contrasto con gli avversari. Meno buone le prestazioni di Coletti, profondamente a disagio nel ruolo di difensore, e di Floriano. I due chiuderanno la gara come peggio: il primo facendosi espellere per doppia ammonizione un minuto dopo il pareggio di Iemmello, arrivato allo scadere dell'incontro, il secondo sbagliando il rigore che avrebbe potuto condannare i rossoneri all'eliminazione. Fortuna che Micale prima su Aloi, e Dyulgerov poi (ciabattata in curva) hanno consentito agli ospiti di ribaltare la situazione e conquistare il pass per le semifinali. Il giovane Lauriola, proveniente dallo Spezia, ha trasformato il quinto e decisivo penalty, dopo le trasformazioni impeccabili di Vacca, Iemmello e Maza. Lauriola è stato anche protagonista in occasione del gol del Foggia con l'assist decisivo a Iemmello.

Tante recriminazioni per Rigoli e i suoi per le diverse occasioni non sfruttate (Micale strepitoso in almeno due occasioni), tra le quali la superiorità numerica nei supplementari, diventata doppia quando anche Riverola ha guadagnato anzitempo gli spogliatoi per doppi ammonizione a dieci minuti dalla fine. Anche il Foggia avrebbe avuto di che rammaricarsi per le due clamorose occasioni sotto porta sciupate da Iemmello. L'attaccante calabrese ha poi rimediato andando a segno in spaccata.

Tabellino

AKRAGAS (4-3-3) Maurantonio; Salandria, Muscat, Vicente, Cappello; Mauri, Candiano (6'pts Di Grazia), Aloi; Leonetti (40'st Dyulgerov), Cristaldi, Aveni (33'pt Fiore). A disposizione: Lo Monaco, Grassadonia, Alba, De Rossi, Greco, Roghi, Madonia, Vono, Di Piazza. All. Rigoli

FOGGIA (4-3-3) Micale; Bencivenga (24'st Vacca), Lanzaro, Coletti, Agostinone (17'st Lauriola); Riverola, Quinto (7'st Loiacono), Lodesani; Sainz Maza, Iemmello, Floriano. A disposizione: Narciso, Angelo, Gigliotti, Gerbo, Di Chiara, Adamo, Sarno, Agnelli, De Gennaro. All. De Zerbi

Arbitro: Candeo di Este

Marcatori: 4'pt Aveni, 45'st Iemmello

Ammoniti: Aloi (A), Candiano (A), Fiore (A), Riverola (F), Lanzaro (F), Mauri (A), Coletti (F), Dyulgerov (A), Iemmello (F)

Espulsi: 45'st Coletti (F) per doppia ammonizione, 5'sts Riverola (F) per doppia ammonizione

Sequenza rigori: Cristaldi (A) gol, Vacca (F) gol, Mauri (A) gol, Floriano (F) parato, Di Grazia (A) gol, Iemmello (F) gol, Aloi (A) parato, Sainz Maza (F) gol, Dyulgerov (A) alto, Lauriola (F)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    Oss, manca poco al "concorsone": 30 (+3) quesiti in 45 minuti, prevista anche una "nursery" per le neomamme

  • Cronaca

    Paura in mare, si sente male su un peschereccio ma sulla sua rotta trova gli angeli della Guardia Costiera: salvato

  • Sport

    Mazzeo chiede una reazione: "Resettiamo tutto. Fischi ad Agnelli? Ha dato tutto per la maglia, merita più rispetto"

  • Economia

    Dopo 14 anni chiude Unieuro a Foggia, persi 20 posti di lavoro: "Ce l'abbiamo messa davvero tutta"

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia: esce fuori strada e si schianta contro il pilone del ponte di via Manfredonia

  • Clamoroso ma vero: diventa papà a 93 anni, la neo mamma ne ha 42 (il parto al Tatarella di Cerignola)

  • Escogita un trucco per superare il quiz della patente, ma viene scoperto e finisce al pronto soccorso

  • Angelica, la studentessa bullizzata "perché femminista e di sinistra". Odio, "puttana" e svastiche. In 52 dicono "Basta!"

  • La lente della DIA sulla Società, che esporta strategie mafiose fuori città: batterie in guerra ma situazione di stallo

  • 'Garganoland', oltre 1500 posti di lavoro e 115 milioni di euro: fermo il mega parco che fa sognare la Capitanata

Torna su
FoggiaToday è in caricamento