Calcio a 5 femminile: Foveadonia-Zafferana, finale per la promozione in serie A

Domenica al PalaScaloria di Manfredonia, la finale d'andata per l'accesso in Serie A

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Finalmente l'ultimo atto della stagione di calcio a cinque femminile. Le ragazze della FoveaDonia si giocheranno l'accesso al Campionato Nazionale di Serie A in un doppio confronto contro l'Olympia Zafferana, squadra catanese che in semifinale ha avuto ragione del CUS Cosenza (5-4 e 5-5 i risultati delle due tiratissime partite).

Annarita Morrone e compagne arrivano alla sfida più importante dell'intera annata col vento in poppa: i tifosi del PalaScaloria hanno ancora negli occhi lo spettacolo offerto due settimane fa, allorquando la compagine di casa ha stracciato in semifinale il Lions Potenza con un umiliante 9-0, che ha fatto seguito alla vittoria per 2-0 ottenuta in terra lucana sei giorni prima.

I numeri e gli obiettivi raggiunti in questa stagione raccontano di un gruppo vincente: dalla quasi imbattibilità al PalaScaloria, dove tra regular season, playoff e Coppa Puglia la formazione della presidente Annalena La Salandra ha vinto 12 partite su 13, ai 176 gol fatti nei 29 match disputati dal 26 ottobre ad oggi (che in media fa più di 6 reti a gara), dal primo posto nel girone di regular season alla finale di Coppa Puglia giocata lo scorso autunno.

Non si possono poi non sottolineare le convocazioni ricevute da tante giocatrici ai raduni di selezione della rappresentativa pugliese maggiore e under 15 di categoria (la scorsa settimana la 24enne Claudia Di Iasio figurava tra le dodici calciatrici pugliesi vincitrici del prestigioso "Torneo nazionale delle regioni" tenutosi in Lombardia).

I numeri però sono il passato e il passato serve solo a dare consapevolezza nei propri mezzi. Domenica al PalaScaloria (il fischio d'inizio è fissato per le ore 11.30) serviranno grinta e determinazione, doti che per la verità non sono mai mancate alle ragazze guidate da mister Rino Maccione. In gioco c'è un'intera stagione, bisogna vincere e vincere bene, tenendo conto delle difficoltà che si andranno poi a fronteggiare nella calda trasferta in terra di Sicilia in programma il 21 giugno.

Lo spettacolo è garantito, si spera in una partecipazione massiccia dei tifosi. C'è assoluto bisogno di un palazzetto all'altezza delle atlete in campo, perché in ogni partita, e a maggior ragione in questa che è una gara (quasi) senza appello, il supporto del pubblico può essere un fattore determinante per il successo finale.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento