Apre Iemmello, chiude Gerbo. Il Foggia batte il Messina, e si avvicina alla vetta

Quarto successo consecutivo per i ragazzi di De Zerbi che sbloccano subito il risultato con il "Re" al sesto centro stagionale. Nella ripresa, il raddoppio dell'ex Siena con uno spettacolare pallonetto

Lo splendido pallonetto con cui Gerbo sigla la rete del raddoppio (Ph. Roberto D'Agostino)

Per il primato c'è tempo. Importante era vincere, per continuare la risalita e dare un segnale alle altre grandi. Perché battere il Messina non era un compito così agevole: lo diceva la classifica (i siciliani erano al primo posto) e lo score dei giallorossi di Arturo Di Napoli, ancora imbattuti dopo otto gare di campionato. Una vittoria ancora una volta nel segno di Pietro Iemmello, che sblocca subito il risultato da consumato rapinatore d'area, e di Alberto Gerbo, subentrato a Maza e autore una spettacolare rete. Eroi di un'altra grande giornata allo Zaccheria, che proietta i rossoneri a un solo punto dal primo posto. 

LE PAGELLE DEI ROSSONERI

PRIMO TEMPO - E' l'ennesima gara in cui lo Zaccheria indossa il vestito bello. C'è la capolista, a sorpresa Messina, che arriva a Foggia con l'intenzione di mantenere il suo attuale status. De Zerbi risponde con una scelta piuttosto coraggiosa, quella che vede Sainz Maza titolare al posto di Gerbo. Lo spagnolo in fase passiva parte come terzo centrocampista a sinistra, per poi staccarsi da Agnelli e Coletti e appoggiare Iemmello in un 4-2-3-1 simile a quello vistosi nel finale del derby contro la Fidelis. Ma se nella sfida con l'Andria, il Foggia aveva impiegato novantatre minuti per trovare il gol vittoria, con il Messina basta un minuto e mezzo per gonfiare la rete. Ci pensa ancora una volta Pietro Iemmello, in un'azione velocissima costruita sulla destra dalla solita accoppiata Sarno-Angelo. Rete preziosa, perché consente ai rossoneri di tenere palla, controllare il gioco senza dover affannosamente cercare il vantaggio. Anche perché il Messina è squadra vera. Un 4-3-3 speculare, in cui i tre attaccanti si muovono molto e la palla scorre velocemente. Serve un grande Narciso al 10' per dire no alla conclusione di Gustavo, perfettamente pescato in area sul centrodestra. E' un buon Foggia, che dà l'idea di poter far male quando il pallone viaggia nella metà campo avversaria, anche perché i siciliani non badano a non prenderle come la Fidelis, atteggiamento determinato senz'altro anche dal gol di Iemmello. Tuttavia il gioco del Foggia sarebbe più incisivo se si coinvolgesse maggiormente anche la corsia mancina, senza appoggiarsi solo sul versante destro.

SECONDO TEMPO - Cinquanta minuti per l'esperimento delle tre punte più Maza sono sufficienti per De Zerbi, che richiama lo spagnolo e inserisce Gerbo. Il centrocampo guadagna in equilibrio e copertura degli spazi, ma anche in qualità degli inserimenti senza palla. Il centrocampista scuola Inter disegna calcio, con quel tocco di quantità che non guasta mai. E poi c'è la gemma al 22', un gol da cineteca, un pallonetto tanto dolce quanto preciso, che chiude il match e fa impazzire lo Zaccheria. Il Messina si ammoscia, nonostante l'innesto di Tavares, e rischia di capitolare ulteriormente in almeno due occasioni con Floriano e Coletti (tiro centrale al termine di un eccellente fraseggio con Agnelli e Agostinone - subentrato a Di Chiara - e tiro dalla distanza largo di poco). De Zerbi chiude con la difesa a tre, inserendo De Giosa per Floriano, per congelare definitivamente il risultato. Il Messina vede infrangersi la propria imbattibilità allo Zaccheria. Per i satanelli è la quarta vittoria consecutiva, il sesto risultato utile consecutivo. Chissà se Baranca lo aveva previsto...

FOGGIA-MESSINA 2-0

FOGGIA (4-2-3-1) Narciso; Angelo, Loiacono, Gigliotti, Di Chiara (28'st Agostinone); Agnelli, Coletti; Sarno, Sainz Maza (5'st Gerbo), Floriano (38'st De Giosa); Iemmello. A disposizione: Micale, Bencivenga, D'Allocco, Riverola, Lodesani, Bollino, Viola, Tarolli, Sicurella. All. De Zerbi

MESSINA (4-4-2) Berardi; Palumbo, Martinelli, Burzigotti, De Vito; Giorgione (28'st Biondo), Baccolo, Fornito; Salvemini, Gustavo (12'st Tavares), Barraco. A disposizione: Addario, Zanini, Bramati, Russo, Barilaro, Frabotta, Parisi, Cocuzza. All. Di Napoli

Arbitro: Perotti di Legnano

Marcatori: 2' pt Iemmello (F), 22'st Gerbo (F)

Ammoniti: Martinelli (M), Angelo (F), Giorgione (M)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale, auto esce fuori strada e si schianta contro un albero: muore 44enne

  • Tenta il suicidio, sospeso nel vuoto tra il balcone e l'asfalto perde i sensi: figlio, vicino, carabinieri e 115 gli salvano la vita

  • Terremoti, la Capitanata zona a rischio. Gargano fu devastato da uno tsunami. "A Foggia due edifici su tre non sono a norma"

  • Grave incidente stradale sulla Statale 16: tenta inversione a 'U' e prende in pieno un'auto, 4 feriti

  • Grave incidente stradale in A14: sei feriti in tre tamponamenti, grave un uomo di Manfredonia

  • Si torna a sparare a Manfredonia: agguato (fallito) in zona Asi, nel mirino il fratello del boss Miucci

Torna su
FoggiaToday è in caricamento