Castelnuovo della Daunia, il piccolo borgo delle sorgenti d'acqua sulfuree che domina indisturbato la Valle del Fortore

Un paesaggio straordinariamente ricco di natura, storia, arte e sorgenti termali, questo e molto di più è Castelnuovo della Daunia

Situato a soli 40 km da Foggia, Castelnuovo della Daunia con i suoi 560 metri di altitudine, domina la Valle del Fortore.

In passato, precisamente intorno al X secolo, il paese fu abitato da popolazioni di origine greca; mentre, tra il 1468 ed il 1476 ci fu un'ondata di profughi albanesi, che si rifugiarono qui per sfuggire ai massacri compiuti nella loro terra da parte degli invasori Turchi.

Fu, purtroppo, una convivenza difficile con la comunità locale, che portò il popolo straniero ad abbandonare Castelnuovo della Daunia.

Ciò che particolareggia il territorio sono le sorgenti di acque sulfuree e oligominerali, dalle quali ha avuto origine un moderno stabilimento termale, con tanto di impianti sportivi.

Il viaggiatore che giunge a Castelnuovo della Daunia rimarrà colpito dalle viuzze ripide del centro storico, dagli ampi slarghi che danno un senso di vastità e respiro, e dai i tre principali quartieri del borgo, ossia la Villa, Piano della Maddalena e Piazza Plebiscito.

Dal punto di vista naturalistico si rimarrà affascinati dall'immensa vegetazione; infatti, il paese è circondato da querce, ginestre e vaste pinete, che riempiono e addolciscono il panorama.

Dal punto di vista architettonico, invece, segnaliamo da vedere la Chiesa Matrice intitolata a Maria SS. della Murgia, Protettrice del paese, la Chiesa di San Nicola Vescovo, la Chiesa della Maddalena e il Convento dei Frati Minori, risalenti al 1579.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

  • Tragedia ad Alberona, c'è una vittima: estratto dalle macerie il corpo di una donna: nel crollo 6 persone tratte in salvo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento