All'Istituto Comprensivo di Carapelle il 'Benessere vien mangiando'

Il progetto PON 'Crescere bene' con i moduli di 'Il benessere vien mangiando…1, 2 ,3 e abbasso l’obesità', sono stati attivati dall’Istituto Comprensivo di Carapelle per merito della dirigente prof.ssa Antonia Cavallone

Anna Tancredi e gli alunni dell'Istituto Comprensivo di Carapelle

“Siamo ciò che mangiamo” scriveva, alla metà dell’Ottocento, il filosofo tedesco Feuerbach. Oggi, in tempi di fast food, “pranzi al volo” e spesso fuori casa, questa frase rispecchia uno dei temi più dibattuti, poiché una sana e corretta alimentazione insieme ad uno stile di vita attivo rappresenta il primo intervento a tutela della salute e dell’armonia psico-fisica dei ragazzi.

Il progetto PON 'Crescere bene' con i moduli di 'Il benessere vien mangiando…1, 2 ,3 e abbasso l’obesità', sono stati attivati dall’Istituto Comprensivo di Carapelle per merito della dirigente prof.ssa Antonia Cavallone che si è prodigata affinchè anche tra i banchi della scuola di Carapelle gli alunni potessero sperimentare e apprendere nozioni di comportamenti alimentari sani.

I moduli intendono perseguire obiettivi quali incentivare la consapevolezza del rapporto cibo-salute; promuovere uno stile di vita salutistico; promuovere cambiamenti di stili di vita personali, familiari e scolastici per favorire la crescita di un ambiente salutare; conoscere i principi fondamentali di una sana alimentazione ai fini di una crescita armonica ed equilibrata; esplorare il territorio che ci circonda e conoscere le tradizioni alimentari che lo caratterizzano; sviluppare concetti di salute, qualità e consumo consapevole.

L’esperta insegnante Anna Carla Lucia e Tancredi e la tutor insegnante Schiavulli Monica del modulo ”Il benessere vien mangiando…1” stanno realizzando laboratori dove gli alunni delle classi I e II sono impegnati nella costruzione della Piramide Alimentare, impastare la pasta per focaccia o pasta fresca, l’albero delle vitamine con tanta buona frutta, macedonia di frutta fresca…. tanto che la Preside e la docente esperta hanno chiesto all’Istituto I.P.S.S.E.O.A. (Istituto Professionale Statale Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera) di Margherita di Savoia, scuola con oltre mille studenti e ben 44 classi funzionanti, caratterizzata per una generale base culturale di carattere umanistico, linguistico e tecnico-laboratoriale, che collega i saperi al saper fare, in un’ottica di scuola delle competenze, con servizi di sala e vendita; enogastronomia; accoglienza turistica e pasticceria, la disponibilità ad accogliere gli alunni frequentanti il sopracitato modulo, le loro famiglie e docenti accompagnatori per una visita laboratoriale e degustazione dei prodotti locali preparati dai loro studenti e Chef dell’Istituto.

La loro ospitalità è stata eccellente sia per l’accoglienza che per la loro grande professionalità che li contraddistingue nel settore della cucina. Erano presenti il Dirigente Prof. Sgaramella Pasquale; il Prof. Tarantino Antonio- funzione strumentale al Piano dell’Offerta Formativa Area tecnico pratica; Prof.ssa Amoroso Lucia per accoglienza turistica; Prof. Ciavarella Samuele per la cucina. Dirigente, Insegnanti, famiglie e alunni ringraziano l’Istituto di Margherita di Savoia e sperano tanto di ritornarci nel 2020 con altri progetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Tentato omicidio davanti a un bar, estrae pistola e apre il fuoco per un debito di droga: fermato pregiudicato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento