Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Caro liceo, mi manchi". Emozionante videolettera degli studenti foggiani del 'Perugini'. Applausi dal ministro: "Bravi tutti"

I sentimenti e la condizione degli alunni lontani da scuola racchiusi in un filmato apprezzato anche da Lucia Azzolina

 

"Se paragono le due finestre, e i due panorami, preferisco guardare un albero che cambia le sue foglie e non la folla che cambia i suoi guanti". È la metafora della condizione che stanno vivendo gli studenti del Liceo Artistico Perugini di Foggia, che hanno affidato ad una videolettera i sentimenti che contraddistinguono questi giorni senza scuola. Il testo è firmato da Desirèe Ruggiero, Antonio Lo Greco, Angelo Monaco e Veronica Piserchia, alunni dell'istituto che hanno curato il filmato. Le parole scorrono su un album dei ricordi. Dalla loro classe osservavano un albero che muta a seconda delle stagioni, da casa oggi vedono una realtà da cui è difficile estraniarsi per fantasticare.

"Caro liceo, è un po' che non ci vediamo - recita il video - e non avrei mai pensato di sentire la tua mancanza. Quando ancora ci frequentavamo, durante le lezioni mi fermavo a guardare fuori dalla finestra e cercavo qualcosa che potesse distrarmi, che semplicemente mi facesse staccare da cinque ore che risultavano troppo pesanti per degli adolescenti. Oggi invece sono seduta sul divano di casa e guardo fuori, cerco qualcosa che possa farmi staccare da giorni, non da ore, che però risultano ugualmente pesanti". A loro manca realizzare un gioiello o "disegnare con le squadre una linea perfetta, simbolo di un orizzonte che non veda mai il sole tramontare, perché per noi studenti esistono solo albe". Vogliono tornare a riempire il cassetto di sogni dipingendo una tela e a "prendere una boccata d'arte, non di aria, forse perché per ogni studente di questo liceo l'arte è più efficace dell'ossigeno".

Per quanto entusiasmante possa essere l'esperienza della didattica a distanza, la scuola in presenza, o meglio, in carne e ossa, fatta di persone, insegnanti, compagni, è un'altra cosa. "Ci mancano gli occhi e i sorrisi dei nostri amici che possiamo vedere solo attraverso uno schermo e ci rendiamo conto che non hanno più la stessa luce". L'omaggio dei quattro studenti si conclude con la speranza di rivedersi a settembre, "per tornare a respirare arte". Ad applaudire alla videolettera pubblicata sul canale social dell'Istituto Lanza Perugini è il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina: "Bravi tutti". Si associa al commento anche l'europarlamentare Mario Furore (peraltro ex studente del Liceo Lanza): "Sono proprio bravi i ragazzi del Liceo Lanza Perugini". E ne approfitta per un invito: "Ti aspettiamo a Foggia".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento