Ex carcere sui Monti Dauni diventa residenza per detenuti psichiatrici: ospiterà 20 pazienti, investimento di 4,7 milioni

Sarà la terza 'Rems', ovvero struttura ricettiva a carattere sanitario per pazienti psichiatrici autori di reati. Dall'Asl Foggia un nuovo passo in avanti del programma per il superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Il programma per il superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (O.P.G.) promosso dalla Regione Puglia fa un ulteriore passo in avanti. Il progetto ha previsto la realizzazione delle cosiddette REMS, strutture ricettive a carattere sanitario per pazienti psichiatrici autori di reati.

Scopo principale delle REMS è l’avviamento di un percorso terapeutico-riabilitativo che permette, alla fine della pena, il reinserimento familiare e sociale dei detenuti. Le REMS consentono di dare una collocazione dignitosa a persone affette da disagio psichico e che, troppo spesso, vengono collocate in strutture non sempre idonee ai casi specifici, anche da un punto di vista organizzativo. Le REMS, infatti, permettono una gestione più appropriata e organizzata grazie alla specifica finalità e al personale appositamente formato.

“Si tratta anche di opportunità professionali per il territorio provinciale - afferma il Direttore Generale Vito Piazzolla - e di una occasione di crescita e di arricchimento per coloro che già operano all’intero del Dipartimento di Salute Mentale o che si aggiungeranno ai fini di una gestione più consona”. Obiettivo generale è, infatti, è quello di inserire un altro punto nella rete della presa in carico dei pazienti che, comprendendo anche le CRAP dedicate (Comunità Riabilitative Assistenziali Psichiatriche) e le attività ambulatoriali del CSM, si arricchisce sempre di più dal punto di vista della riabilitazione psichiatrica.

In Puglia, inizialmente, era prevista la realizzazione di due REMS, attivate rispettivamente a Spinazzola e a Carovigno. Le due strutture sono oggi perfettamente integrate nel contesto sociale e cittadino e registrano ottimi risultati. Il 2 maggio scorso la Regione Puglia, in considerazione delle necessità rilevate, ha deliberato la realizzazione di una terza struttura da 20 posti in provincia di Foggia.

La nuova REMS avrà sede ad Accadia. L’area individuata per la realizzazione della struttura è quella dell’ex carcere mandamentale. Al termine delle procedure autorizzative, l’Amministrazione comunale ne ha appena ceduto la proprietà, a titolo gratuito, alla ASL Foggia. Alla presenza del notaio, il Direttore Generale Vito Piazzolla e il sindaco Pasquale Murgante hanno firmato l’atto notarile presso la sede della ASL Foggia. Il progetto per la realizzazione della REMS di Accadia, per un importo complessivo di 4,7 milioni di euro, offrirà anche un’importante opportunità di riqualificazione urbana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La struttura dell’ex carcere mandamentale attualmente, infatti, versa in uno stato di deterioramento che ne esclude la possibilità di recupero e di conversione. Lo studio di fattibilità già realizzato ha evidenziato la necessità di rilevanti interventi di ristrutturazione strutturale, dal punto di vista sismico e della riqualificazione energetica, con costi altamente onerosi. L’ex carcere, pertanto, sarà demolito. Al suo posto sarà realizzato un nuovo complesso edilizio in grado di sfruttare appieno le potenzialità dei nuovi materiali e delle attuali tecniche di costruzione. La nuova struttura, sviluppata su due livelli, sarà dotata di un’area abitativa, ambienti comuni, locali dedicati alle visite dei familiari e spazi verdi esterni. Secondo il modello pugliese, la REMS sarà gestita dal Dipartimento di Salute Mentale, a garanzia dell’assistenza e dell’attivazione di adeguati programmi terapeutici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

  • Chiudono le pompe di benzina e gasolio: si comincia da mercoledì: "Da soli non ce la facciamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento