Mieloma Multiplo: le nuove opportunità terapeutiche nel seminario dell'Ail pazienti medici

Sabato 7 luglio presso l'IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza- Sala Monsignor Riccardo Ruotolo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Al centro dell’incontro le novità nei percorsi diagnostico-terapeutici elaborati anche grazie al contributo della Rete Ematologica Pugliese (REP). Diffondere una maggiore conoscenza del mieloma multiplo e tenere aggiornati i pazienti sulle nuove opportunità terapeutiche, oggi in grado di migliorare la qualità di vita e la risposta alle cure. Sono questi gli obiettivi del seminario AIL pazienti medici dedicato al Mieloma Multiplo, che sarà anche l’occasione per sottolineare l’importante contribuito della Rete Ematologica Pugliese (REP) nel miglioramento dei servizi offerti ai pazienti sul territorio.

Il mieloma multiplo colpisce una componente importante del sistema immunitario, le plasmacellule, che si trovano soprattutto nel midollo osseo e che producono e liberano anticorpi per combattere le infezioni. In alcuni casi la loro crescita procede in maniera incontrollata dando origine al tumore. Il Mieloma è un tumore tipico dell'età avanzata e interessa 4-5 persone su 100.000, con circa 5.700 nuovi casi ogni anno in Italia. Di qui l’importanza di diffondere informazioni corrette e scientificamente accurate sulle opportunità terapeutiche, ma anche di dare voce alle testimonianze di pazienti e familiari.

Il deminario si terrà sabato 7 luglio a San Giovanni Rotondo a partire dalle ore 9.15, presso la Sala Monsignor Riccardo Ruotolo (4º piano) dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza (Viale Cappuccini). L’incontro è promosso da AIL, Associazione Italiana contro le Leucemie, i Linfomi Mieloma, con il patrocinio della Fondazione GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell’Adulto) e il supporto non condizionato dell’International Myeloma Foundation, Bristol-Myers Squibb e Celgene.

All’appuntamento parteciperanno Nicola Cascavilla, Direttore Unità Operativa di Ematologia della Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo; Giorgina Specchia Direttrice Unità Operativa di Ematologia con Trapianto Università degli Studi di Bari; Silvana Capalbo, Direttrice della struttura complessa di Ematologia, Ospedali Riuniti AOU Foggia; Patrizio Mazza, Direttore S.C. di Ematologia Ospedale S.G Moscati e altri specialisti provenienti dai più importanti Centri di Ematologia pugliesi. Ad aprire l’incontro Celestino Ferrandina, Presidente AIL Foggia e Felice Bombaci, Coordinatore Gruppi AIL Pazienti. Tra gli argomenti affrontati nel corso del Seminario ci saranno le novità terapeutiche disponibili in Puglia, il percorso del paziente dalla diagnosi, alla cura fino alle attività di assistenza e l’importanza degli studi clinici e del supporto psicologico. Al termine di ogni sessione ampio spazio sarà dedicato al confronto tra pazienti e medici al fine di favorire lo scambio di informazioni corrette e aggiornate e chiarire dubbi e perplessità.

A spiegare l’importanza dell’appuntamento e i numerosi vantaggi che vengono da uno scambio costante di dati e notizie sulla patologia è la Prof.ssa Specchia. “Nella regione Puglia – spiega l’Ematologa - già dal 2010 è attiva la Rete Ematologica Pugliese (REP) che ha l’obiettivo di organizzare periodici incontri di aggiornamento, scambio di informazioni, definizione di comuni percorsi diagnostico-terapeutici e raccolta ed elaborazione dati sulla qualità degli iter di diagnosi e di cura. La Rete in Puglia coinvolge i più importanti centri di Ematologia e contribuisce a ottimizzare sempre di più la Qualità della Vita dei pazienti per dare risposte ai diversi quesiti che i pazienti ci pongono quotidianamente”. L'AIL è impegnata da 45 anni nel promuovere e sostenere la ricerca scientifica nel campo delle leucemie, mettere in atto l’assistenza sanitaria necessaria a migliorare la qualità della vita dei malati e dei loro familiari, e nel sensibilizzare l’opinione pubblica alla lotta contro le malattie ematologiche. Attualmente l'AIL si articola in 81 sezioni provinciali distribuite su tutto il territorio nazionale. La partecipazione al seminario è gratuita ma occorre registrarsi inviando una e-mail ad ailpazienti@ail.it o telefonando al numero 06/70386007 www.ail.it

Torna su
FoggiaToday è in caricamento