Diabete, cure per migliaia di utenti con "competenza e professionalità": riconoscimento per l'unità di Endocrinologia di Casa Sollievo

Centro di 2 livello per la gestione delle tecnologie del diabete. Le parole del diabetologo e direttore del dipartimento di Scienze Mediche Salvatore De Cosmo

Salvatore De Cosmo e il team (foto pagina Facebook Casa Sollievo della Sofferenza)

L'unità di Endocrinologia di Casa Sollievo della Sofferenza è stata riconosciuta dalla Regione Puglia centro di 2° livello per la gestione delle tecnologie del diabete. «Si tratta di un riconoscimento – spiega Salvatore De Cosmo, diabetologo e direttore del Dipartimento di Scienze Mediche – che deriva dall'impegno dei nostri diabetologi, che in questi anni hanno assicurato assistenza competente e professionale a migliaia di utenti affetti da diabete, in particolare a quelli affetti da diabete di tipo 1, cioè insulino-dipendente». I nuovi dispositivi, microinfusori di insulina e dispositivi per il monitoraggio migliorano il controllo glicemico, prevengono le complicanze e migliorano la qualità della vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Coronavirus: zero contagi e zero morti in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento