Dagli States a Foggia per inaugurare il nuovo corso in "Fisiologia applicata": torna in 'patria' Eleanna De Filippis

L’incontro è stato organizzato dal prof. Giovanni Messina e si terrà martedì 12 marzo, dalle ore 9.00 alle 11.00, nell’Aula Turtur, presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Foggia

Phoenix – Foggia A/R. Parte proprio dall’Arizona la prof. Eleanna De Filippis e precisamente dalla Mayo Clinic College of Medicine and Science, dove insegna, per arrivare all'Ateneo foggiano a inaugurare le lezioni di “Fisiologia applicata con elementi di nutrizione umana” del Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, presieduto dalla prof.ssa Chiara Porro.

L’incontro è stato organizzato dal prof. Giovanni Messina, delegato del Rettore alla “Ricerca Scientifica e Tecnologica, Terza Missione” e si terrà martedì 12 marzo, dalle ore 9.00 alle 11.00, nell’Aula Turtur, presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Foggia (viale Pinto Luigi n. 1, Foggia).

Il prof. Messina ha voluto affidare l’inizio delle lezioni del suo Corso alla prof.ssa De Filippis che, per l’occasione, terrà una Lectio magistralis dal titolo “Scorretto stile vita e insulino-resistenza: una fitta al cuore”. Eleanna De Filippis è legata al capoluogo dauno perché foggiane sono le sue origini e la sua famiglia e, perché, qui è cresciuta e ha iniziato a coltivare passioni e ambizioni. Dopo aver concluso il percorso universitario in Italia, si è lasciata, però, “rapire” subito dagli States, dove ha perfezionato e ampliato il suo bagaglio professionale nel settore della nutrizione, dell’esercizio fisico, dell’endocrinologia, del diabete e del metabolismo. Tante le attività di ricerca svolte che la giovane studiosa potrà raccontare agli studenti Unifg.

«Sono molto contento di riportare a casa, anche se solo per una giornata, una grande collega che in America tiene alto il nome del nostro Paese e della Ricerca italiana – ha dichiarato il prof. Giovanni Messina -. Ho voluto che la prof.ssa. Eleanna De Filippis incontrasse gli studenti dell’Università di Foggia perché il confronto e il respiro internazionale è importate e per dimostrare come, a volte, partire è indispensabile e “fisiologico” per decidere se restare o ritornare. La prof.ssa De Filippis certamente ci regalerà un grande contributo e un importante spunto di riflessione sotto l’aspetto professionale e umano».

Eleanna De Filippis, biografia 

La professoressa De Filippis è nata ed è cresciuta a Foggia. Dopo aver conseguito la maturità presso il Liceo Scientifico “A. Volta”, si è laureata in Medicina e Chirurgia con summa cum laude presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi "Gabriele d'Annunzio". A conclusione del percorso universitario, scelse la ricerca, invece, della specializzazione clinica.

Sin dai tempi dell’Università rimase affascinata dalla endocrinologia, partecipò e vinse, infatti, il concorso per il dottorato di ricerca di fisiologia del metabolismo presso dell’Università degli Studi "Gabriele d'Annunzio" di Chieti. Iniziato il dottorato, fece immediatamente le valigie e, come ricorda spesso oggi, partì con 2 valigie e 2000 dollari in tasca, alla scoperta della ricerca negli USA.

Prima tappa l’University of Health Science Center in San Antonio, Texas. Qui, dopo aver superato l’iniziale ed enorme differenza culturale, si ambientò e fu subito ben accolta nella divisione di Diabetologia, diretta dal Professor Ralph De Fronzo. Nel laboratorio dei Proff. De Fronzo e Mandarino ha completato il suo primo progetto di ricerca e ha discusso la tesi di dottorato nel 2005.

Mentre era a San Antonio, ha ottenuto un Master di Ricerca Clinica, consolidando, così, il sogno di diventare un endocrinologo, medico ricercatore nel campo dell’obesità e insulino resistenza, di cui oggi ci presenterà alcuni dei suoi studi. Nel 2007, dopo aver completato gli esami di licenza medica americana (USMLE Step 1-3), è entrata in specializzazione di Medicina Interna all’University Health Science Center di San Antonio, dove si è specializzata e ha superato l’esame per l’iscrizione all’albo dei medici interni nel 2010.

Dopo più di un quinquennio nel Texas, con una breve pausa di 2 anni in Arizona per un post-dottorato, ha deciso di spostarsi sulla costa Est degli USA, trasferendosi nel 2010 a Boston dove è stata selezionata per entrare nella seconda specializzazione di endocrinologia, diabete e malattie del metabolismo ad Harvard, presso l’ospedale Beth Israel Medical Deaconess Center e per metà del suo tempo era medico specializzando anche del centro per la cura del diabete Joslin Center, famoso in tutto il mondo come centro d’eccellenza per la cura del diabete di tipo 1 e 2.

Conclusa la seconda specializzazione con l’iscrizione all’albo degli endocrinologi è stata scelta alla Mayo Clinic in Scottsdale, Arizona, dove si è trasferita nell’agosto del 2013 per stabilire il suo laboratorio di ricerca indipendente. Da allora, ad oggi, continua la sua attività clinica e ha un laboratorio di ricerca dove congiunge l’aspetto clinico a quello di ricerca di base, come dicono gli americani: “from bench to bedside, and viceversa”.

I suoi grants si incentrano sulla relazione che esiste nel fisiologico e nella patologia dell’obesità, tra il sistema immunitario e il tessuto adiposo e come questo scambio di informazioni influisce sul metabolismo di tutto il corpo umano. Ultimamente si sta occupando anche di sistema immunitario e fegato, in casi di cirrosi non alcoolica (NASH).

La professoressa in questi anni ha pubblicato più di 30 articoli, ottenendo anche la copertina di una prestigiosa rivista Americana chiamata: Journal Clinical Endocrinology and Metabolism (JCEM). Ha presentato i suoi lavori a molti congressi internazionali e si accinge a moderare una sessione del congresso Americano della società di endocrinologia (Endocrine Society). Ha ricevuto grants da diverse fondazioni e dallo Stato dell’Arizona. Nel suo laboratorio ci sono: 2 tecnici, un post-doc, 2 studenti.

Nella vita privata, la professoressa è mamma di due bambini: uno di 5 anni, Davide ed uno di 3 anni Gianluca. Con suo marito, il dottor James Hernandez, amano cucinare, assaggiare vini, viaggiare, e crescere i loro due maschietti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla Statale 16: violento impatto tra un'auto e un tir, c'è una vittima

  • Musica d'estate in Capitanata: tutti i concerti a Foggia e in provincia

  • Terribile incidente: morti imprenditore e il nipote 15enne, dimesso autista di Cerignola ma una ragazza è gravissima

  • Maxi rissa a Foggia, paura e sangue in via Bagnante: il bilancio è di sette arresti e due persone in ospedale

  • Neonato morto a Foggia, famiglia chiede 1,7 milioni ai Riuniti. Gli avvocati: "Cause non ascrivibili ai sanitari dell'ospedale"

  • Autobus si schianta contro un albero: amputata la gamba della 17enne ferita nel terribile incidente

Torna su
FoggiaToday è in caricamento