Chiusa la 'Ginecologia' di San Severo. Miglio trema e batte i pugni: "Vita delle gestanti messa a repentaglio"

Il reparto sarà accorpato all'ospedale Tatarella di Cerignola e il personale trasferito, senza alcun preavviso. A motivare la decisione, la potenziale necessità di ulteriori posti letto per l'emergenza Coronavirus

Francesco Miglio

"In tutta questa situazione emergenziale, siccome di problemi ce ne abbiamo pochi, la direzione generale dell'Asl Foggia fa questo provvedimento di accorpamento del Reparto di Ginecologia e Ostretricia del presidio di San Severo al presidio di Cerignola". Sbatte i pugni sul tavolo il sindaco Francesco Miglio in una diretta fiume da Palazzo Celestini e annuncia alla cittadinanza la chiusura immediata del reparto del Masselli Mascia.

"Questo provvedimento mi ha molto disturbato", ha detto senza mezzi termini. “Con motivazioni basate sul nulla e con una delibera non comunicata ad alcuno, senza neppure uno straccio di preavviso a medici ed operatori sanitari, né tantomeno (secondo un mai mancato atto di cortesia istituzionale) al sottoscritto – massima autorità sanitaria della Città – da quest’oggi San Severo assiste attonita ad un gravissimo atto che depaupera il nostro Ospedale. Una decisione assunta – risulta dall’atto deliberativo - perché in maniera del tutto teorica potrebbe esserci in futuro necessità di altri posti letto per l’emergenza Covid19, senza che ad oggi il nostro presidio sia ospedale Covid.

In questo modo il Dg Piazzolla mette seriamente a rischio la vita delle pazienti e dei nascituri, qualora dovesse esserci una situazione di emergenza, come per esempio un’emorragia in una paziente in attesa, oppure un’urgenza – come spesso accade - che richiede un tempestivo intervento dei sanitari. Tali immotivate decisioni sono ancora più rilevanti perché l’Ospedale di San Severo è indispensabile punto di riferimento per un vasto comprensorio e bacino d’utenza, che abbraccia il Pre-Appennino Dauno, il Nord Tavoliere e parte del Gargano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ancora più grave è la decisione di dirottare - addirittura all’Ospedale Tatarella di Cerignola -, ad oltre 70 chilometri di distanza da San Severo, tutto il personale medico e paramedico e tutte le pazienti che possano avere necessità di ricovero o consulenza. Una decisione di gravità assoluta che amplifica a dismisura – senza reale bisogno - lo stato di emergenza che stiamo vivendo. Posso sin d’ora garantire che, in caso di insorgenza per la mia comunità e di quella dei paesi viciniori di complicanze imputabili al trasferimento a 70 chilometri di distanza o alla chiusura del Reparto delle pazienti, tutti noi sapremo di chi è la responsabilità - afferma il sindaco Miglio - Auspichiamo che il Dg Piazzolla, con molto buon senso, che in passato non è mancato, possa rivedere con ogni urgenza tale decisione, annullando quanto deliberato in maniera inopinata ed inopportuna, magari dialogando anche con il Sindaco della Città di San Severo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Foggia: trovato cadavere in un'auto

  • Coronavirus: le persone con il gruppo sanguigno A sviluppano sintomatologie più gravi, gruppo 0 è più protetto

  • Palpeggia, solleva e stringe a sè ragazza in via Sabotino. Interviene la polizia. Cittadino denuncia: "Siamo stanchi"

  • "Il botto è stato tremendo". Carabinieri evitano il linciaggio di due giovani, nel tamponamento ferito un bambino

  • Violenza sessuale su ragazza di 20 anni. Il racconto tra le lacrime: "Mi teneva così stretta che non riuscivo a liberarmi"

  • Uomo scomparso a Foggia, da 24 ore non si hanno più notizie. I familiari: "Aiutateci a ritrovarlo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento