Villa confiscata, Mongelli: “Toni polemici potevano essere evitati”

Il primo cittadino si difende dalle accuse lanciate da "Libera" e fissa un incontro previsto per martedì 12 luglio. "Il bene confiscato ci è stato consegnato dopo la scadenza del bando 'Libera il bene"

Dopo la denuncia di “Libera”, l’associazione contro tutte le mafie, sulla gestione della consegna della villa confiscata nel 2010 a una famiglia mafiosa, il sindaco Gianni Mongelli è intervenuto per difendersi dalle accuse circa l’episodio legato al bando “Libera Bene” e ha fissato un incontro con l’associazione NOOS in programma giovedì pomeriggio a Palazzo di Città.

Dopo che il Comune ha perso la possibilità, l'anno scorso, di partecipare al progetto "Libera il bene", che avrebbe consentito di usufruire di un finanziamento regionale di 750.000 € per la ristrutturazione del bene, ormai in uno stato di abbandono e progressiva decadenza, ci chiediamo a questo punto quali sono realmente le intenzioni del comune? Cosa impedisce al sindaco di firmare e portare a termine la procedura di assegnazione? A che punto siamo?” avevano dichiarato i componenti di “Libera” in una nota inoltrata agli organi di stampa nella giornata del 7 luglio.

"E' del tutto priva di fondamento l'affermazione che il Comune abbia perso, per propria negligenza o inerzia, la possibilità di ottenere un finanziamento regionale di 750.000 euro per la sua ristrutturazione - afferma il sindaco, Gianni Mongelli - giacché l'immobile ci è stato materialmente consegnato dall'Agenzia del Demanio dopo la scadenza del termine per la partecipazione al bando ‘Libera il bene'”.

I toni aspramente polemici potevano essere evitati a vantaggio della più costruttiva richiesta di confronto su un tema particolarmente complesso sotto il profilo tecnico amministrativo - conclude Mongelli - e mi auguro che il prossimo incontro sia utile a trovare una soluzione operativa che contemperi tutte le esigenze e ci consenta di mettere a disposizione della città questa struttura".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento