Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Si infiamma lo scontro sul Teatro Giordano. Mainiero accusa Landella: "Per colpa tua pagheremo altri milioni"

Il consigliere comunale sulla spinosa faccenda del Teatro comunale, la cui documentazione è stata acquisita di recente da Procura e Guardia di Finanza

 

"La proposta di delibera, così com'è, è perfetta. Presenta tutti i pareri di regolarità ai sensi del Tuel. La responsabilità, politica ed erariale, di non averla adottatata è tutta in capo alla giunta Landella, oltre che all'Avvocatura, nella persona del dirigente Domenico Dragonetti". Così il consigliere comunale Giuseppe Mainiero nella conferenza stampa convocata all'indomani delle rivelazioni di Foggiatoday sull'acquisizione degli atti inerenti il Teatro e la proposta di transazione da 1,7milioni di euro tentata dal Comune di Foggia (ma non discussa né approvata dai consiglieri), e dopo le dichiarazioni, rilasciate sempre a questa testata, del consigliere di maggioranza Bruno Longo.

Per quest'ultimo le responsabilità di non aver adottato la proposta di deliberazione dell'allora dirigente dei Lavori Pubblici, ing.Potito Belgioioso, favorevole al Comune di Foggia, sarebbe tutta in capo alla tecnostruttura, specificatamente all'Avvocatura. Per Mainiero le responsabilità sarebbero del sindaco, che, ove avesse voluto far valere le ragioni del Comune contenute in quella relazione, avrebbe avuto tre strade: sollecitare formalmente il dirigente con tanto di provvedimento disciplinare, procedere  comunque attesa la regolarità dell'atto, chiedere un parere ad avvocati esterni ("come questa amministrazione ha fatto su tantissime questioni).

"Non so se vi sia stato dolo o altro, di certo c'è che la mancata approvazione della delibera di Belgioioso consente oggi a Raco l'unico collaudo giuridicamente valido, ovvero quello favorevole alla ditta, che ci chiede altri soldi. Ed è pazzesco quando sono agli atti gli inadempimenti dell'impresa in quei lavori" tuona il consigliere.

Che respinge anche un'altra ricostruzione: quella secondo cui Raco avrebbe impugnato la rescissione del contratto intervenuta nel 2013. "Non mi risulta e non è contenuta nella documentazione in mio possesso. A giugno vi sarà l'udienza conclusiva della vertenza Comune-Raco su lavori effettuati quasi dieci anni or sono ormai e che rischiano di costare altri soldi pubblici ai foggiani. 

Potrebbe Interessarti

  • Bagno di folla (e fischi) a Peschici per Salvini, che la prende male e risponde: "Voi, fastidiosi come le zanzare"

  • VIDEO | Foggia stregata da Massimo Ranieri: è festa grande in Piazza Cavour

  • VIDEO | Cerignola 'rastrellata' dai carabinieri: stanati nascondigli di armi e droga, scattano arresti e sequestri

  • "Quell'uomo mi ha trascinata nel suo degrado": la terribile storia di Incoronata, una donna ed un sogno distrutti da cinque anni di violenze

Torna su
FoggiaToday è in caricamento