A Cerignola “reparti chiusi e organico ridotto al lumicino”. Gentile: “Così Emiliano intona il de profundis”

L'europarlamentare ed esponente del Partito Democratico, Elena Gentile, descrive la situazione in cui versa l'ospedale Tatarella di Cerignola, non risparmiando critiche all'indirizzo di Michele Emiliano e Vito Piazzolla

Elena Gentile

L’europarlamentare del PD, Elena Gentile, sferra un nuovo attacco all’indirizzo di Michele Emiliano, che oltre a ricoprire il ruolo di governatore della Regione Puglia, detiene anche la delega alla Sanità. Sull’argomento la Gentile descrive la situazione in cui versa l’ospedale Tatarella di Cerignola, appunto, “reparti chiusi e organico ridotto al lumicino”. In più, evidenzia, “uno dei dirigenti medici più apprezzati, il dottor Giovanni Deceglie, responsabile del reparto di urologia, ha rassegnato le dimissioni”

Sottolinea Elena Gentile: “Da mesi è in atto uno strisciante de potenziamento della struttura. Dalla chiusura del reparto di Ortopedia che oramai è ridotto a poco più di un ambulatorio con il continuo trasferimento dei pazienti affetti da patologie più complesse. La Cardiologia "amputata" della sua unità di terapia intensiva. L'emorragia continua di professionisti rende sempre più difficoltosa la gestione anche della attività di routine di un presidio ospedaliero che per la sua collocazione è riferimento non solo del basso tavoliere, dell'area Nord della BAT ma anche di città lucane vicine alla nostra”

Ed evidenzia: “Sembra dunque prendere corpo l'annunciata ma solo formalmente sconfessata idea che l'Ospedale di Cerignola dovesse essere declassato ad Ospedale di base. I cittadini di Cerignola che avevano visto fino al 2014 crescere ed ampliarsi la loro struttura di riferimento rimarranno sempre di più "orfani" di cure specialistiche. Entro la fine del 2017 i conti del nostro nosocomio diventeranno "sorvegliati speciali". Diminuita e non poco la produttività, accertato il disavanzo gestionale la mannaia dei tagli e della riduzione dei servizi, diventerà così profonda da decretare di fatto la chiusura del plesso ospedaliero. La giustificazione ufficiale sarà appunto quella della scarsa produttività che però è stata di fatto determinata dalla lucida scelta di chiudere lentamente ma progressivamente le attività più rilevanti di una organizzazione complessa come quella di una struttura ospedaliera. Dal Centro trasfusionale, alle attività delle sale operatorie ormai ridotte al lumicino, fino ad arrivare alle difficoltà organizzative dei reparti di pediatria e del centro di Fibrosi cistica”.

Continua l’europarlamentare dem: “Non si fanno le "nozze con i fichi secchi" senza operatori le sale operatorie rimangono praticamente sottoutilizzate con liste di attesa insostenibili anche per interventi a bassa complessità. Quotidiana è la fuga di medici costretti ad una indecorosa inattività. Cancellato il Reparto di Nefrologia i pazienti nefropatici in trattamento emodialitico sono costretti ad un costoso pendolarismo verso altre strutture. Eppure negli anni passati, prima del cambio di guardia in Regione Puglia, l'ospedale era stato oggetto di interventi importanti che ne avevano potenziato le attività soprattutto con l'attivazione di reparti come quello di oculistica, di Urologia, di Otorinolaringoiatria riferimento di pazienti provenienti anche da altre città e da altre provincie. Tecnologie all'avanguardia per assicurare servizi di diagnosi e cura all'altezza di un territorio che andava ben oltre i confini cittadini e che cominciava, appunto, ad essere attrattivo anche per una utenza proveniente da altre regioni confinanti.

Incalza Elena Gentile: “Tra qualche mese scatteranno i provvedimenti di "pareggio di bilancio" e l'ulteriore ridimensionamento delle attività del Presidio sarà l'ultimo atto per giungere al definitivo declassamento della struttura. Nel più assordante dei silenzi da parte del presidente Emiliano al quale ovviamente interessano maggiormente i suoi ambiziosi progetti di scala nazionale che non la salute dei suoi corregionali. Una struttura allo sbando così come oggi è ridotta non può non essere condannata al ridimensionamento e alla estinzione. Viviamo dunque di annunci ripetuti in attesa che i concorsi che pur previsti dal lontano 2014 offrano la possibilità con l'acquisizione di nuovo personale di riprendere le attività programmate”.

Accuse rivolte anche al direttore Piazzolla, che secondo la cerignolana Gentile, “con il suo ‘aplomb barlettano’ conferma la ingloriosa fine dell'ospedale Tatarella intonando appunto con il presidente Emiliano il de profundis della nostra struttura. Qualcuno risponderà dando la responsabilità alle norme nazionali. Così non è! Il precedente piano ospedaliero aveva messo in equilibrio l'intera rete ospedaliera della provincia e oggi, i nosocomi da San Severo a Manfredonia avrebbero conservato per intero la loro potenzialità”.

E conclude: “Di questo, e non solo chiederemo conto al presidente Emiliano a cui rivolgiamo l'invito a rimanere in Puglia riconoscendo ai cittadini il loro diritto ad avere, dopo due anni di distrazioni, un capo di Governo che si prenda cura del suo territorio!”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Fagli un bel sorriso Elena.... con i tuoi denti fracidi al tuo amico Emiliano... ke vid ke saggiust tutt cos .

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Vieta l’accesso al cimitero e viene aggredito: dipendente comunale finisce in ospedale

  • Cronaca

    Assaltano il bancomat di via Antonio da Olivadi, ma arriva la polizia: malviventi fuggono a mani vuote

  • Cronaca

    Beccati dai Carabinieri con pistola e passamontagna a bordo di un’auto rubata: arrestati tre ragazzi

  • Eventi

    J-Ax "a Foggia con amore": il rapper gira il video di 'Senza pagare' con Pio e Amedeo

I più letti della settimana

  • Dopo 'Le Iene', esplode il caso Giardinetto. M5S: “Inaccettabile che Emiliano dica di non saperne nulla”

  • Shock ad Apricena: una busta contente un proiettile arriva al sindaco, Antonio Potenza

  • Fallimento Baia dei Faraglioni: “Fare chiarezza su assegnazione locazione della struttura”

  • Iaia Calvio shock, la donna simbolo della Legalità delusa dal Pd di Matteo Renzi: "Non più nel mio nome"

  • Il Comune perde i fondi sulla sicurezza e la 'Pascoli' chiude, “ma per Landella non ci sono responsabilità”

  • Provincia, firmate le deleghe: Cusmai vice, fuori Riccardi. Ma c'è Sgarro

Torna su
FoggiaToday è in caricamento