Rosa Barone torna alla guida dell'antimafia in Regione

Mandato bis per la consigliera pentastellata. "Ho l'onore di essere stata rieletta alla presidenza della commissione regionale. Buon lavoro a tutti noi"

Rosa Barone

"Ho l'onore di essere stata rieletta alla presidenza della commissione regionale d'inchiesta e studio del fenomeno criminale in Puglia. Buon lavoro a tutti noi". Così Rosa Barone, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, annuncia l'inizio del mandato bis alla guida della commissione regionale. Una decisione subito rilanciata dall'onorevole Marco Pellegrini che attraverso i suoi canali FB commenta: "Ottima notizia!"

La fumata bianca oggi. Confermato altresì il vicepresidente Mario Pendinelli (gruppo misto). Alla votazione presieduta dal presidente del Consiglio, Mario Loizzo, si è astenuta la consigliere di Forza Italia Francesca Franzoso, che avrebbe “preferito il rispetto dell’alternanza fra le minoranze”. Rosa Barone ha espresso il suo ringraziamento alla Commissione con l’impegno di proseguire il suo lavoro con l’interesse e la passione di sempre.

"Sono felice della fiducia che mi è stata nuovamente accordata dai colleghi della Commissione e siamo pronti per metterci al lavoro. Ho accettato l’incarico, anche senza il voto all’unanimità, perché ritengo fondamentale proseguire il lavoro iniziato in questi anni dalla Commissione che ha prodotto risultati importanti e riconosciuti anche dalle altre Regioni", ha dichiarato la rieletta presidentessa.

"Andiamo avanti con l’impegno e la passione di sempre nell’interesse della Puglia. Sono diversi i fenomeni che dobbiamo analizzare per fare tutto quanto in nostro potere per poterli contrastare. Penso alla piaga delle ecomafie o agli atti intimidatori nei confronti di sindaci e amministratori locali, che chiederemo di audire per testimoniare loro tutta la nostra vicinanza. Grazie alla Commissione sono stati stanziati nella legge di stabilità 2018, 100mila euro per finanziare borse di studio per neolaureati pugliesi da destinare allo studio del fenomeno della corruzione, in tema di agromafie, della gestione dei rifiuti e della sanità, per le quali sono già partiti i bandi". 

"I risultati di questi studi permetteranno di legiferare in modo consapevole per ridurre la corruzione, uno degli obiettivi che la commissione si prefigge. La continuità è fondamentale, soprattutto per proseguire in modo proficuo il lavoro avviato. Per questo auspico che ci sia la collaborazione di tutti in modo da poter lavorare in modo serio per il bene della nostra Regione.”

Potrebbe interessarti

  • Zanzare: perché pungono solo alcune persone

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

I più letti della settimana

  • Incidente mortale a Foggia, scontro tra un'auto e un motorino: la vittima ha 15 anni

  • Foggia sotto shock, immenso dolore per la morte di Gianluca: "Dio dacci la forza". La prof. "Come lui davvero pochi"

  • Maxi concorso per infermieri, come per gli Oss a Foggia: 1000 i posti disponibili in Puglia

  • Frontale auto-moto nei pressi del Comune, la due-ruote scivola e investe due persone: tre feriti

  • Roberta non è morta strangolata: i funerali forse venerdì, a San Severo sarà lutto cittadino

  • Il Foggia fa gola a molti: pioggia di proposte (eccole). Follieri: "Metto 15 milioni". Ci sono anche Di Matteo e Nember

Torna su
FoggiaToday è in caricamento