Il disegno di Landella per continuare a guidare Foggia: l'aiuto da tre consiglieri d'opposizione?

Leonardo Iaccarino, Saverio Cassitti e Sergio Clemente: questi i consiglieri comunali con i quali il sindaco avrebbe trovato l'intesa per un "governo di responsabilità"

Iaccarino, Clemente e Cassitti

Il sindaco Franco Landella torna in sella e domani dovrebbe comunicarlo alla città. E non dovrebbero mancare i colpi di scena. Stante il muro contro muro con la Lega, il rebus dei numeri necessari per proseguire la consiliatura “in serenità” sarebbe stato sciolto, infatti, dall'opposizione. O meglio, da parte di essa. Tre i voti necessari a Landella per avere una maggioranza (17 consiglieri, lui compreso). A darglieli dovrebbero essere Leonardo Iaccarino (Udc – Noi con L'Italia), Saverio Cassitti (ex Psi), Sergio Clemente (ex Pd).

L'incontro per il 'Governo di responsabilità"

Questo secondo le informazioni sussurrate, raccolte in queste ore da Foggiatoday, che raccontano anche di un incontro avuto ieri dal sindaco Landella con i tre in un bar della città, alla presenza anche del centrista Eugenio Iorio e di Massimo Di Donna. E c'è chi parla anche di “dichiarazioni ufficiali” che domani potrebbero esser fatte dai tre, di sostegno all'amministrazione, utilizzando la formula del “governo di responsabilità”.

L'assessorato al centro dell'intesa

Ovviamente il condizionale è d'obbligo. Se così sarà, lo diranno le prossime ore. Beninformati aggiungono che dietro il placet di Iaccarino e Cassitti ci sarebbe il benestare dei rispettivi “padrini politici” (Angelo Cera e Lello Di Gioia). Clemente gioca, invece, da battitore libero ma già nei mesi scorsi si era fatto fotografare in un incontro tra Landella e il forzista barese Massimo Cassano. Sul piatto il sindaco avrebbe messo sicuramente un assessorato (il più in bilico resta quello della forzista Annarita Tucci, delegata attualmente al Bilancio, anche se non mancano mire su quello alla Cultura guidato da Anna Paola Giuliani), alcune deleghe (Cassitti è da sempre interessato e detiene, oggi informalmente, la delega alla Casa) e varie postazioni di sottogoverno (presidenza Ataf e cda che andrebbero a scadenza).

Lega in forte imbarazzo

Finestre si aprirebbero anche nel bilancio di previsione (attesi emendamenti). Va da sé che un siffatto accordo cambierebbe la geografia di consiglio uscita dalla urne ed il tentativo di recuperare quel centrodestra potrà dirsi definitivamente fallito. Con la chiusura di Fdi, tarquiniani e Lega (che ha sempre chiesto l'azzeramento di giunta, a cui Landella si è sempre detto indisponibile), questa sarebbe l'unica strada per per recuperare i numeri, sempre che, i tre salviniani Vigiano, Fiore e Splendido, non siano costretti a capitolare.

La Lega consiliare, infatti, è in una posizione di forte imbarazzo e difficoltà: questa mattina ci sarebbe stato un incontro tra Landella e i vertici provinciale e cittadino (Contini e Fariello) presso lo studio dell'ex sindaco Agostinacchio (che ha assunto in questa fase il ruolo di mediatore tra le parti), terminato con un appoggio politico del partito all'amministrazione (tanto più che il sindaco avrebbe minacciato che una eventuale rottura dell'alleanza oggi significherà rottura anche per il 2019).

Caroppo - neo segretario regionale - interpellato telefonicamente avrebbe dato il suo assenso, promesso un comunicato stampa ufficiale e annunciato la sua presenza a Foggia nel pomeriggio per incontrare i tre. Se così stanno le cose, il cerino passerebbe tutto nelle mani dei consiglieri leghisti, che rischierebbero di ritrovarsi beffati, costretti ad appoggiare comunque la maggioranza Landella senza ottenere in cambio nulla di ciò che avevano chiesto (sarà rottura?).

Le dichiarazioni di Landella

Intanto il sindaco dimissionario gioca d'anticipo e, alla vigilia, in una nota stampa scrive: "Foggia merita serietà, torno indietro solo se vi sono consiglieri comunali disposti a proseguire il cammino con l’approdo condiviso di servire i bisogni della città e le aspettative dei foggiani, non quelle personali" (continua...)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • VIDEO - Brumotti irrompe nel quartiere 'Fort Apache' di Cerignola: non solo droga, "qui si preparano gli assalti ai blindati"

  • Si sfiora la rissa in Chiesa, zuffa tra parrocchiani e neocatecumenali (che vogliono la corona misterica): "Giù le mani dal crocifisso"

  • Ultima ora - Arresti all'alba nel Foggiano: scoperti rifiuti interrati nel Parco del Gargano

  • Come in un film, in tre tentano di assaltare negozio ma sulla scena irrompono i carabinieri: immobilizzati e ammanettati

  • Referendum Costituzionale, il 29 marzo si vota sul taglio dei parlamentari: tutto quello che c'è da sapere

  • Figlio va a trovare il padre (boss di Foggia), introduce droga e micro-cellulari nel carcere di massima sicurezza: arrestato

Torna su
FoggiaToday è in caricamento