Rignano Garganico, l’unico comune foggiano che ha detto ‘sì alla Riforma

Al referendum del 4 dicembre 2016 a Rignano Garganico il 55% ha detto si. A Roseto Valfortore il sì ha perso per appena due voti, 233 a 231,

Il centro di Rignano Garganico

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rignano Garganico da oggi, oltre ad essere il comune più piccolo della Montagna del Sole, è anche l’unico centro della provincia di Foggia in cui il sì ha battuto il no: 526 a 428, il 55,14% contro 44,86%. Un risultato sorprendente che contrasta con la netta affermazione del ‘no’ in Capitanata (I RISULTATI DEFINITIVI). A Roseto Valfortore il sì ha perso per appena due voti, 233 a 231,

ECCO I RISULTATI COMUNE PER COMUNE

Ancora una volta il paese di Grotta Paglicci si conferma cittadina sui generis di una tornata elettorale, per la precisione referendaria. In tanti ricorderanno il clamoroso 531 pari delle ultime elezioni tra Resta e Di Carlo, quest’ultimo attuale sindaco che si impose poi nel successivo turno di ballottaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento