Monteleone di Puglia: abuso d'ufficio, il sindaco Carmelo Morra rinviato a giudizio

Il processo avrà inizio il 4 novembre. Il senatore dovrà rispondere di abuso d’ufficio insieme ad un assessore e un consigliere della stessa giunta. Al centro della questione la gestione “familiare” della cooperativa “Futura”

Carmelo Morra

Il sindaco di Monteleone di Puglia ed ex senatore, Carmelo Morra, l’assessore ai lavori pubblici Antonio Taggio e il consigliere Salvatore Pucillo sono stati rinviati a giudizio per abuso d’ufficio. Il Processo avrà inizio il 4 novembre. I tre amministratori del piccolo comune dauno rischiano da 6 mesi a 3 anni di reclusione.

Le indagini erano state avviate in seguito alla denuncia dell’opposizione. “Chiediamo le immediate dimissioni. Questa maggioranza è ormai giunta al capolinea – afferma Antonietta Colangelo, capogruppo della Primavera di Monteleone – Chiediamo che si dimettano subito per affrontare un delicato processo penale lasciando così in pace i monteleonesi che, altrimenti, potrebbero ritrovarsi a subire azioni dall’odor di ritorsione. E pretendiamo che il Comune si costituisca parte civile in questo processo”.

I fatti risalgono al 27 febbraio 2011 quando i tre esponenti della maggioranza, in Consiglio comunale, su un accapo all’ordine del giorno, votarono a favore della già chiacchierata cooperativa Futura per la gestione dell’unica casa alloggio anziani del piccolo centro dei Monti Dauni. Nella compagine societaria, all’epoca dei fatti, comparivano: la moglie, la figlia, il figlio, alcune nipoti, la nuora, il genero e un cognato del sindaco Morra; due sorelle, svariati nipoti e la suocera del consigliere Pucillo; lo stesso assessore Taggio, sua moglie, suo fratello e sua cognata.

“La giustizia farà il suo corso. Per ora siamo solo all’inizio – commenta a caldo Antonietta Colangelo – Ma c’è un fatto certo. Un rinvio a giudizio per un reato commesso nell’esercizio della funzione di Sindaco, Assessore e Consigliere comunale, assume un significato politico rilevante".  Ma c’è un secondo filone d’indagini che interessa la stessa vicenda. "Abbiamo documenti che dimostrano che quasi tutti i consiglieri di maggioranza, all’epoca dei fatti, erano soci o avevano familiari soci della Futura – sottolinea Colangelo – e abbiamo denunciato nuovamente il tutto alle autorità competenti".

Rischiano di rispondere dello stesso reato anche Angelantonio Guerriero, vicesindaco di Monteleone e socio della Futura, il consigliere Antonio Volpe per la presenza della moglie nella Coop e Dario Liscio, assessore al bilancio e socio della cooperativa di cui fanno parte anche sua madre, suo padre e sua sorella. "Sembrerebbe una amministrazione comunale espressione della cooperativa Futura", ironizza l’esponente della Primavera sottolineando che "durante quell’Assise, la consigliera Tina Preziosi fu addirittura espulsa dall’Aula dal Sindaco solo perché chiedeva il rispetto della legge. Ma alle nostre rimostranze tutti i consiglieri di maggioranza fecero orecchie da mercante. Più volte avvisati – conclude la capogruppo della Primavera – omisero di astenersi pur in presenza di un chiaro interesse proprio o di un prossimo congiunto procurando intenzionalmente, a loro stessi o ad altri, quindi, un ingiusto vantaggio patrimoniale".

Un’altra tegola sulla testa di Carmelo Morra in un momento già delicato. Qualche giorno fa, infatti, è stata notificata alla cooperativa Futura e al Comune di Monteleone la determina dirigenziale del Servizio Politiche per il Benessere Sociale e le Pari Opportunità della Regione Puglia con cui si dispone “di revocare un finanziamento del 2005 pari a 93871,74 euro concesso alla coop. Futura per la realizzazione di una struttura di accoglienza per l’assistenza di soggetti con handicap grave in quanto i lavori non sono iniziati né risultano realizzabili e poiché le spese rendicontate non possono essere riconosciute in quanto non attinenti ai lavori previsti nel progetto che trattasi” e “di disporre il recupero nei confronti della società cooperativa Futura della somma di 46953,87 euro erogata a titolo di acconto del 50% sul contributo richiesto di 93871,74 per la realizzazione del progetto “dopo di noi…?...il sole” e non utilizzata per tale scopo, maggiorata degli interessi legali pari a 9168,40 euro”. Una situazione delicatissima per la cooperativa Futura, da sempre espressione di Carmelo Morra, già in difficoltà economica e in debito con i suoi dipendenti che attendono lo stipendio da ben 10 mesi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale: 20enne perde la vita in un terribile scontro frontale, nove persone ferite

  • Risucchiata dalle correnti bambina sprofonda giù, fratellino tenta di salvarla ma rischia di annegare. "Salvi per miracolo"

  • Dramma sfiorato a Peschici: rischia di soffocare al ristorante, salvato da un turista. "Maurizio, sei un eroe!"

  • Angelo non ce l'ha fatta: si è spento a 26 anni "un ragazzo fantastico". Due anni fa l'incontro con l'idolo Pippo Inzaghi

  • Rissa di Ferragosto in pieno centro: scoppia lite tra due uomini, uno si scaglia contro gli agenti. Arrestato

  • Grave incidente stradale tra Trinitapoli e Cerignola, scontro tra due auto: un morto

Torna su
FoggiaToday è in caricamento