Salva Enti, il Consiglio Comunale compatto a favore della rimodulazione del Piano di rientro

La soddisfazione del sindaco Landella: “Convergenza testimonia l’attenzione costruita attorno al tema del risanamento”. Tucci: “Allungamento dei termini non necessario”

“Desidero esprimere un sincero ringraziamento a tutti i consiglieri comunali che, questa mattina, hanno espresso il loro voto favorevole alla deliberazione con la quale il Comune di Foggia si candida a beneficiare delle opportunità legate alla rimodulazione del Piano di Riequilibrio Pluriennale, facoltà prevista all'interno dell’ultima Legge Finanziaria approvata dal Parlamento. Un atteggiamento politicamente ed amministrativamente responsabile, orientato al bene della città, indipendentemente dalle appartenenze di ciascuno. Sono rammaricato, invece, per le assenze ingiustificate che si sono registrate e che dimostrano un atteggiamento francamente incomprensibile vista l’importanza dell’argomento all’Ordine del Giorno”. È il commento del sindaco di Foggia, Franco Landella, all’esito della seduta odierna del Consiglio comunale.

“La convergenza larga maturata su questa ipotesi testimonia l’attenzione trasversale costruita attorno al tema del risanamento finanziario – dichiara il primo cittadino –. Un fattore estremamente importante, al netto delle fisiologiche polemiche politiche. Con la deliberazione licenziata oggi dall’Assemblea consiliare, dunque, l’Amministrazione comunale può attivare la procedura utile a sfruttare i benefici della norma contenuta nella Legge di Stabilità e destinata ai Comuni in regime di predissesto finanziario”.

“Dopo l’approvazione della deliberazione di oggi, l’Amministrazione trasmetterà la sua richiesta al Ministero dell’Interno e alla Corte dei Conti. Da adesso avremo quindi 45 giorni per predisporre il merito della rimodulazione e trasferirla al vaglio dei nostri interlocutori – spiega l’assessore con delega al Bilancio, Annarita Tucci –. Ciò che possiamo dire in questo momento è che la condizione finanziaria del Comune di Foggia non rende necessario un allungamento dei termini del Piano di Riequilibrio Pluriennale stabiliti al momento dell’adesione al cosiddetto Decreto Salva Enti. In definitiva non abbiamo bisogno di più tempo per restituire il prestito che ci è stato concesso dallo Stato per scongiurare il dissesto finanziario. Un dato che va considerato positivo ed incoraggiante”.

“Così come ci è stato comunicato dall’ANCI, tra le opportunità da attivare con l’adesione alla rimodulazione non c’è solo la dilatazione dei tempi di chiusura del Piano di Riequilibrio Pluriennale, ma anche la possibilità di lavorare sulla spesa del personale incrementando la pianta organica, provando a compensare le difficoltà generate dal divieto di assunzioni e dai sempre più numerosi pensionamenti – sottolinea il sindaco di Foggia –. Chiaramente questo riferimento non è presente nella deliberazione approvata dal Consiglio comunale, perché il percorso comincia oggi ed è tutto ancora da definire nei suoi aspetti di carattere tecnico. Da questo momento, quindi, intensificheremo i nostri contatti con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani, nell’ambito della quale, assieme al presidente Antonio Decaro ed al sindaco di Messina, mi sono battuto affinché fosse avanzata al Governo ed al Parlamento una specifica richiesta in questo senso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In coerenza con quanto dichiarato alla vigilia del Consiglio comunale, ribadisco la mia volontà di coinvolgere concretamente ed attivamente tutti i gruppi consiliari nell’elaborazione della proposta di rimodulazione da sottoporre alla valutazione del Ministero e della Corte di Conti, in modo da realizzare la più ampia partecipazione possibile – conclude il primo cittadino –. Circostanza opportuna e doverosa in relazione ad una questione che travalica gli schieramenti politici ed investe il senso di responsabilità di ogni componente del Consiglio comunale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • In arrivo un nuovo decreto, filtra una bozza: restrizioni fino al 31 luglio e multe fino a 4mila euro per i trasgressori

  • Capitanata sotto choc, medico muore nell'inferno del Coronavirus. "Unica colpa è di aver fatto il suo dovere"

  • Coronavirus: due città diventano 'zona rossa' con almeno 51 casi positivi, quattro sono amaranto e tre lilla

  • "Mai visto nulla di simile". Dentro l'ospedale Covid di Casa Sollievo. Il dr Del Gaudio: "Il lavoro è duro e complesso"

  • Chiudono le pompe di benzina e gasolio: si comincia da mercoledì: "Da soli non ce la facciamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento