Protesta disoccupati, Cambiamo San Severo: “Offrire posti di lavoro”

“Siamo convinti che stipulando opportune convenzioni, o altre forme di intesa, sarà possibile dare risposte concrete a chi ha bisogno e che vuole lavorare”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Occorre avviare accordi e ove possibile convenzioni con le aziende che si occuperanno della rigenerazione urbana e con le cooperative e le società esterne che gestiscono i servizi comunali. L’obiettivo è di offrire posti di lavoro ai disoccupati della città. Nei giorni scorsi un gruppo di cittadini disoccupati sanseveresi si è presentato nella sala dove si stava svolgendo il consiglio comunale per protestare legittimamente e avere un confronto con gli amministratori.

A noi sembra che sindaco, assessori e diversi consiglieri comunali vivano su altro pianeta, prendendo in poca considerazione quella che è la situazione critica che molti cittadini stanno vivendo. Non c'è lavoro, e quel poco che un'amministrazione comunale riesce a creare attraverso le cantierizzazioni di opere pubbliche, gli appalti delle cooperative, le gestioni esterne sembra riservato a pochi eletti, che hanno già un reddito familiare, e ancora più spesso sono parenti e amici di consiglieri e assessori.

Riteniamo che quando c'è la volontà politica di affrontare i problemi, molti non tutti, possono essere risolti. Perciò quindi chiediamo al sindaco ed ai consiglieri e assessori il massimo impegno concreto e non a chiacchiere per creare nuovi posti di lavoro, anche temporaneo, per i disoccupati di San Severo.

Siamo convinti che stipulando opportune convenzioni, o altre forme di intesa, sarà possibile dare risposte concrete a chi ha bisogno e che vuole lavorare. Speriamo che il sindaco Savino dia ascolto, almeno una volta, alle nostre proposte, e dia risposte ai cittadini invece di concentrarsi solo sulle nomine e cambi degli assessori della sua Giunta.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento