Napoleone Cera lancia l’allarme: “La Statale 272 è pericolosa per i viaggiatori”

Il consigliere regionale dei 'Popolari' evidenzia le pessime condizioni della strada che collega San Severo, San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo e Monte Sant'Angelo

Immagine di repertorio

La strada statale 272 che collega San  Severo a Monte Sant’Angelo, e attraversa San Marco in Lamis e San Giovanni Rotondo, è pericolosa per i viaggiatori. E’ quanto afferma il consigliere regionale Napoleone Cera. Riaperta dopo l’ennesimo nubifragio che tre settimane fa si è abbattuto sul Gargano e la zona del Tavoliere, in alcuni tratti versa in pessime condizioni: le cunette e i lati della strada sono piene di detriti, i segni di frane e smottamenti sono ben visibili ai passanti soprattutto all’altezza del convento di Stignano.


Il presidente dei ‘Popolari’ in Consiglio regionale, sottolinea che la statale 272 è da tempo al centro del dibattito sull’ammodernamento della rete stradale,” tanto che nel 2006 la Provincia di Foggia ne chiedeva l’adeguamento e in un successivo documento del 2008 veniva inserita nel servizio integrato di gestione e valorizzazione del patrimonio stradale elaborato dalla giunta provinciale. Temi e obiettivi completamente dimenticati dall’attuale amministrazione della Provincia di Foggia” sottolinea Napoleone Cera, che evidenzia come nella stessa programmazione di Capitanata 2020 l’arteria stradale trovava nobiltà di trattazione e interesse, sia per la sua strategicità nei collegamenti, sia per la sua ‘funzione’ turistica e sanitaria (vista la presenza dell’importante polo ospedaliero di Casa Sollievo della Sofferenza). 

PAURA SULLA STATALE 272: IL VIDEO

Ricorda il consigliere regionale che “l’Anas nell’ambito dell’operazione #bastabuche aveva destinato alla viabilità in Provincia di Foggia ben 5 milioni di euro per la manutenzione della pavimentazione stradale e della relativa segnaletica orizzontale sulla strada statale 17/Var ‘Variante di Volturara’, strada statale 17 ‘dell'Appennino Abruzzese ed Appulo Sannitico’, strada statale 692 ‘Tangenziale Ovest di Lucera’, strada statale 655 ‘Bradanica’, strada statale 90 ‘delle Puglie’, strade statali 673 ‘Tangenziale di Foggia’ e 673/dir ‘Tangenziale est di Foggia’, strada statale 16 ‘Adriatica’, strada statale 89/dir B ‘Garganica’, strada statale 688 di ‘Mattinata’, strada statale 89 ‘Garganica’ e strada statale 693 ‘dei Laghi di Lesina e Varano’.

E appunto – aggiunge Cera – la SS 272, “dove tuttavia esiste ora una situazione di grave emergenza, così come avviene per la provinciale che collega San Marco in Lamis a San Nicandro Garganico, dove le calamità naturali hanno aggravato una situazione causata da scelte sbagliate di amministrazioni comunali poco attente al consumo del territorio e di uno sviluppo responsabile”.


Il consigliere regionale di San Marco in Lamis conclude: “Da tempo ho chiesto all’assessore regionale Giannini di farsi promotore di una conferenza sulla viabilità in provincia di Foggia, in modo da ascoltare direttamente dai sindaci e dai rappresentanti territoriali le esigenze più immediate per garantire strade sicure e infrastrutture funzionali alle necessità delle popolazioni della Capitanata”. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento