Amorese replica agli “allarmismi” di Russo: “5 richieste di pass ricevute e sono in fase di lavorazione”

L’assessore comunale risponde alle critiche del consigliere tirando fuori i numeri: “Abbiamo portato gli stalli per disabili a 400, e garantito sosta gratuita di 15’ sulle strisce blu”

Sosta tariffata e pass disabili. Arriva la replica dell’assessore comunale Claudio Amorese dopo le accuse mosse dal consigliere di maggioranza Nicola Russo: “Il consigliere comunale Nicola Russo affronta in modo un po’ superficiale un tema delicato come quello dell’applicazione del nuovo regolamento della sosta tariffata rispetto alle esigenze dei cittadini diversamente abili. Al netto delle accuse vaghe e poco chiare mosse nei confronti dell’Amministrazione comunale, con il suo riferimento a contravvenzioni senza specificare né la loro collocazione temporale né il motivo per il quale sarebbero state elevate, il rischio è quello di ingenerare nuovamente confusione in una materia estremamente particolarmente importante. Vale dunque la pena ricapitolare in via generale il quadro della situazione”.

“La regolamentazione della sosta tariffata approvata dal Consiglio comunale nell’ottobre del 2016 è stata compiuta nel rispetto delle norme europee e nell’interesse del diritto alla mobilità dei cittadini diversamente abili. In particolare, il nuovo regolamento si è posto l’obiettivo di combattere la spregevole pratica di un utilizzo disinvolto del pass in precedenza assegnato ai cittadini con disabilità e che consentiva il parcheggio gratuito alle auto che lo esponessero sul cruscotto. Basti pensare che in precedenza i pass rilasciati erano addirittura superiori al numero complessivo dei tutti gli stalli disponibili, a dimostrazione dell’urgente necessità di intervenire sulla materia”.

Amorese prosegue: “Il nuovo regolamento ha portato gli stalli dedicati ai cittadini diversamente abili a circa 400 su un numero complessivo di 5000 stalli, quindi quattro volte superiore al limite minimo stabilito dalla legge, offrendo così una più vasta disponibilità di parcheggio rispetto al passato e rendendo decisamente improbabile che tutte le cosiddette “strisce gialle” potessero risultare occupate. Un modo per affermare la cultura dei diritti e coniugarla con quella dei doveri, come tra l’altro accade nella maggioranza dei Comuni italiani, e per migliorare le tutele per i cittadini diversamente abili. Una decisione assunta, come detto, da un lato per combattere i ‘furbetti del pass’ e dall’altro per salvaguardare i conti di Ataf SpA ed i posti di lavoro degli operatori della sosta, senza per questo arrecare un danno ai cittadini diversamente abili.

Il nuovo regolamento ha inoltre allargato il campo delle tutele, garantendo la gratuità del parcheggio sulle strisce blu ai possessori di automobili ‘speciali’ e alle soste di una durata di 15 minuti per i cittadini diversamente abili. Entrambe le agevolazioni assicurano infatti un diritto ed impediscono l’ignobile sopruso dell’utilizzo fraudolento del pass riservato ai portatori di handicap. Al momento agli uffici comunali sono pervenute cinque richieste da parte dei possessori di automobili ‘speciali’. Richieste che sono in fase di lavorazione, al termine della quale Ataf SpA sarà in grado di rilasciare il relativo contrassegno”.

Secondo l’assessore “non si capisce, dunque, quale sarebbe la penalizzazione cui fa riferimento il consigliere Russo, dal momento che la gratuità del parcheggio sulle ‘strisce blu’ non è più consentita dall’entrata in vigore del regolamento e che sono soltanto cinque le richieste di contrassegno per auto speciali avanzate all’Amministrazione comunale. In quest’ultimo caso è appena evidente che non è possibile rilasciare contrassegni che non sono stati richiesti”.

Per Amorese si tratta di allarmismo infondato. “Soprattutto dopo che obiettivi, finalità e modalità del nuovo regolamento della sosta tariffata sono stati illustrati con dovizia di particolari e dibattuti in modo largo e pubblico. Il consigliere Russo in occasione dell’approvazione del regolamento decise di astenersi, non di esprimere il suo voto contrario. Una scelta che va rispettata ma che non può essere il viatico né per avanzare nuovamente e strumentalmente, peraltro a distanza di anni da quella discussione in Consiglio comunale, proposte di cui si è già ampiamente discusso in sede di approvazione del regolamento né per ingenerare confusione negli utenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ad ogni modo – conclude l’assessore – restiamo a disposizione del consigliere Russo per confrontarci ed eventualmente risolvere questioni più puntuali, nell’ottica di un miglioramento del servizio nell’interesse della nostra comunità”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Incendio sulla 'pista', vigili del fuoco accerchiati e derubati delle attrezzature: notte di follia a Borgo Mezzanone

  • Tragedia ad Alberona, c'è una vittima: estratto dalle macerie il corpo di una donna: nel crollo 6 persone tratte in salvo

  • Il Coronavirus fa paura davvero: 15 vittime in Puglia di cui 10 nel Foggiano, 22 nuovi contagi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento