Candidature al fotofinish: spallate, veti e prove di forza sul ring che può valere il Parlamento

L’uninominale Foggia-Gargano a Michaela Di Donna. Cera ci prova nel collegio San Severo-Lucera. Per Forza Italia ipotesi Fabio Verile. Scontro Fanelli-Splendido, Gentile in campo? C’è Sisbarra per LeU

Alcuni volti

E' la settimana cruciale in tema di candidature. Il 29 gennaio è ormai alle porte e a Roma si susseguono tavoli difficili per i nomi da inserire nei collegi. Il puzzle è a difficile incastro. L'album delle foto, tuttavia, comincia a comporsi.

CENTRODESTRA. Secondo i rumors che giungono a Foggia - quando Landella è a Roma, a presidiare costantemente l'uscio del tavolo di coalizione -, la candidata del collegio uninominale Foggia-Gargano sarà la cognata del sindaco di Foggia, l'azzurra Michaela Di Donna, già misuratasi con la scorsa competizione regionale. Di Donna, che dalla sua ha la quota rosa ma anche un sostegno esclusivo quasi del segretario regionale Luigi Vitali (sempre che i segretari abbiano contato qualcosa in questa partita, di appannaggio romano), avrebbe fatto fuori tutti i competitors: fuori a quanto pare Luigi Miranda, il presidente del consiglio comunale che pure dalla sua aveva parecchie carte da giocare, compreso un rapporto personale con Silvio Berlusconi (filtra un Miranda furibondo); fuori da quel collegio il vicepresidente del consiglio regionale Giandiego Gatta, che pure di preferenze ne ha sempre portate a tonnellate al partito sul territorio, uomo fedele soprattutto nei momenti più bui di Forza Italia, e interlocutore col quale Landella/Di Donna avevano stretto accordi per Foggia (dovrebbe giocarsi il Manfredonia-Cerignola, contro Michele Bordo); fuori finanche il “mastino” del Gargano Angelo Cera, deputato uscente, che in queste ore sta cercando spazi nel collegio San Severo-Lucera facendo rivoltare i locali, che vogliono il posto per loro. Su quel collegio pare ci siano le mire anche di Giannicola De Leonardis che, a differenza di Cera, non imbarazza la coalizione col sostegno in Regione a Michele Emiliano (cosa che l'Udc, invece, fa e rispetto alla quale Fitto ha chiesto esplicitamente a Totò Ruggieri, assessore di Emiliano e tesoriere Udc, di mollare la poltrona). Le mire esterne su quel collegio, che fino a qualche giorno fa sembrava una landa deserta, per niente attenzionata, hanno portato alla rottura a Roma qualche ora fa Udc e Cdu.

CESA? UN DUCETTO. “Un ducetto col quale non vogliamo avere più niente a che ci fare” si sfoga a Foggiatoday il già parlamentare di San Nicandro Nicandro Marinacci. Che preannuncia una discesa in campo in solitaria. Decideranno oggi con Tassone, segretario del partito. “Non ci siamo posti fuori dal centrodestra, ci siamo posti lontani dal ducetto Cesa. Un omino piccolo che con me non potrà mai più incontrarsi, neanche se fosse il presidente della Repubblica. Ha rubato lo scudocrociato e se lo tiene come un salvagente per difendere lui e la sua cricchetta. Oggi decideremo cosa fare”. Potrebbero correre da soli; il Cdu chiedeva spazi per Enzo Marinacci, figlio di Nicandro, “che, sia chiaro, non è mio figlio ma una persona che si è fatta con le sue mani, che lavoro sodo e che ha dato a questo territorio più di quanto danno questi politici di professione”. Pare certo invece il fittiano Lucio Tarquinio al Senato.

FDI COSA FARA'? Tornando alla candidatura Di Donna, a nulla sarebbe valso neanche il vero dei Fratelli d'Italia: Giuseppe Mainiero, acerrimo oppositore di Landella e di questa candidatura, cosa farà? Cosa farà il partito, che ufficialmente aveva messo il veto sulla cognata del sindaco con un documento (evidentemente ritenuto carta straccia) inviato a Roma? Una cosa è certa: la campagna elettorale si preannuncia un vero e proprio test sull'amministrazione Landella, con numerosi sassolini dalle scarpe che in tanti, nell'ambito del centrodestra, potrebbe togliersi, approfittando del momento.

CAPOLISTA FABIO VERILE? Indiscrezioni notevoli anche per ciò che concerne il capolista di Forza Italia: tavoli romani avrebbero avanzato la proposta al già presidente del Foggia Calcio e avvocato affermato Fabio Verile. Potrebbe essere lui il capolista, un nome che scompaginerebbe tanti calcoli già fatti, soprattutto in casa centrosinistra e civici, vista la trasversalità della figura. “Ci sto pensando” conferma l'avvocato che ha studi a Foggia, Bari e soprattutto a Roma.

LEGA. Caos in casa Lega, dove ci si starebbe giocando la staffetta Fanelli-Splendido a colpi di minacce e lotte intestine micidiali. Dopo il 29 potrebbe non essere più lo stesso partito, con le stesse facce. La battaglia tra “vecchi” e “nuovi” sarebbe all'ultimo sangue.

CENTROSINISTRA. Orlando strepita e chiede la mediazione di Gentiloni, Emiliano vuole tre capilista su sei e gliene vogliono dare due, le quote di genere potrebbero favorire le donne ma di donne ce ne sono poche; ci sono da piazzare i civici vicini al presidente della Regione Puglia: in una parola è caos ancora sulle liste in casa centrosinistra. Che devono fronteggiare un'Italia pare ostile, divisa nei grafici di queste ore tra il blu del centrodestra e il giallo dei 5 stelle. I collegi rischiano di essere un bagno di sangue. Domani ci dovrebbe essere la direzione nazionale, entro sera qualcosa di più definito dovrebbe essere messo nero su bianco. L'unico nome certo resterebbe quello dell'uscente Michele Bordo, che verrebbe riproposto nel listino proporzionale. A San Severo pare regga l'idea dell'avvocato Guido De Rossi ma lo stesso collegio camerale lo vorrebbe il civico Rosario Cusmai in quota Lorenzin. C'è chi vocifera sul Senato la deputata uscente e già senatrice Colomba Mongiello, sulla quale, tuttavia, pende la seconda opzione: il collegio camerale più disperato, il Foggia-Gargano. Quello sul quale si è alla ricerca disperata di un nome femminile (Valentina Lucianetti, contattata, pare abbia rifiutato). Mongiello appare la personalità più in bilico di tutti in questo momento, alla quale sarebbe stato chiesto di sacrificarsi per la causa senza paracadute. Ma dalla sua ha la quota rosa. Spunta in queste ore anche l'indiscrezione secondo la quale nel collegio camerale Manfredonia-Cerignola potrebbe essere spesa l'europarlamentare Elena Gentile, renziana. Potrebbe essere lei (nome sul quale sarebbe stato opposto in prima battuta il veto del partito provinciale) a doversi sacrificare per la causa e a mettersi in corsa per racimolare consenso.

“INSIEME”. Il cartello che tiene dentro Psi, Verdi e Uniti nell'Ulivo (che correrà col Pd) dovrebbe invece schierare la presidente della Camera minorile di Capitanata, Maria Emilia de Martinis, capolista al Senato; il dirigente Psi Luigi Iorio capolista alla Camera. Restano fuori dal listino i Verdi di Fabrizio Cangelli, completamente fatti fuori (a riprova che anche i piccoli hanno le loro rogne).

LIBERI E UGUALI. Starebbe chiudendo il cerchio invece Liberi e Uguali, la formazione di sinistra neonata ma alle prese già con forti dissapori interni rispetto ai pochi posti messi a disposizione di cui usufruiranno in larga parte uscente e vecchia nomenclatura. Anche a Foggia, dove tuttavia si riesce ad ottenere qualche iniezione in più dai territori. La direttrice d'orchestra Gianna Fratta, ad esempio, sarebbe tornata al primo posto del listino camerale: non più, dunque, il Senato, come aveva “preteso” Massimo D'Alema in una recente intervista a Foggiatoday, preannunciando anche un nazionale alla Camera e così sparigliando i giochi ad incastro che con difficoltà stava mettendo a punto il partito sul territorio. Sinistra Italiana rimette le carte a posto e rimpiazza Fratta alla Camera. Mentre l'uscente SEL, quindi Sinistra Italiana, Annalisa Pannarale sarà capolista al Senato. Il collegio senatoriale di Foggia dovrebbe invece giocarselo Michele Sisbarra, architetto, ex consigliere comunale nel capoluogo in quota SEL, poi MDP, quindi Liberi e Uguali. Punto interrogativo, invece, ancora per ciò che concerne il collegio uninominale Foggia – Gargano dove pare si stia sondando una figura femminile del mondo della scuola foggiana, ancora incerta; in alternativa potrebbe correre anche lì la stessa Fratta. Dovrebbero essere confermate le indiscrezioni della vigilia per il collegio camerale Lucera – San Severo, dove dovrebbe correre la consigliera comunale sanseverese Arcangela De Vivo, pediatra; mentre su Manfredonia circola il nome di Michela D'Onofrio, avvocato.

M5S. Le parlamentarie hanno formato i listini plurinominali; i nomi da spendere nei collegi li sta decidendo il vertice pentastellato. I curricula sono al vaglio di Di Maio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (30)

  • PD, FI, LeU, Lega, FDI= TUTTA UN UNICA FE-CCIA!!! Solo il M5S è l'unica soluzione possibile per un VERO CAMBIAMENTO!!!

  • Caro miranda se vuoi arrivare da qualche parte e scenn mizz a gent povr a gent che ten abbsugn tra il popolo ti devi fare "normale" so lor che ti fanno arrivare in alto no i quatt o cinq dottur e cumpagnij bell che tratt tu !!

  • E siamo così giunti questa sera a 24 commenti : ce ne fosse stato uno solo per la " prescelta " di Silvio .....! Se questo fosse un sondaggio.....

  • Non è ke faccia tanta differenza tra di donna e nartra donna...a noi non cambia niente a loro si...era dopotutto scontato essendo la cognatina di Franck... anche perché andrà ad alimentare il bunga-bunga di silvio

  • Siamo tutti nauseati nel vedere queste facce Lerce. La soluzione per cambiare è votare M5S.

    • Giusto!!! Solo M5S, gli altri sono solo FE-CCI-A!!!

  • Mi verrebbe da dire tanto. Ma poi il moderatore non mi pubblica il commento. Perchè dobbiamo essere tutti asserviti al padrone ed al palazzo anche nel parlare. Qualcuno ha scritto che non è possibile leggere sempre gli stessi nomi di gente che non ha fatto niente per il territorio. OK d'accordo. Ma i nomi e le facce di coloro che si vogliono/pretendono la candidatura le avete viste? Gente presa così dalla strada e mandata al parlamento a fare solo i propri interessi. Un lauto stipendio sicuro ogni mese, una pensione assicurata per il resto della loro vita, prestigio, privilegi ecc. ecc.-Cosa volete mai che si interessino delle famiglie e delle imprese che non possono pagare la bolletta Enel o F24 ogni 16 del mese?
    Li dovrebbe andare chi ci è passato per queste problematiche e che sa cosa significa, con la giusta incazzatura. Con un tetto massimo di 2.000/3.000 euro al mese max di rimborso se ti va bene e sennò ti stai a casa. E poi vedi se tanti che si propongono ancora lo farebberero. Basta non ci credo più, in NESSUNO.

    • Parole sante!!

  • Allora il mio commento era che il movimento populista 5 stelle come lo descrivono i ricchi vinca a livello nazionale per questi personaggi foggiani non me ne frega niente è solo gente che a pensato ai fatti loro e a sistemare i propri famigliari.

  • La Didonna che volete che rappresenti per Foggia? Nulla se non i propri interessi, suoi e del cognato Frankucc.

  • M5S a parte che fa scegliere ai cittadini chi mandare in parlamento e chi no(sempre vagliando dei curricula adatti, altrimenti casa)e che vuole interessarsi del territorio con un programma incentrato sul futuro, gli altri sono solo le-ta-me che vuole occupare la poltrona romana solo per rubarsi 20 mila euro al mese, fre-ga-ndo-sene di Foggia e del territorio.
    Solo ladri e aspiranti tali.

    • Già.....però il placet finale non è del popolo ma del "cerchio magico", ossia: DiMaio, Casaleggio, Grillo; i veri "padroni" del partito. Comunque, pare che si debba scegliere tra un incompetente di FI ed un/una incompetente di M5S .....povera italia

      • Si......solo che nel M5S si scelgono i curricula migliori, gente che è davvero del territorio(cioè che è nata, o comunque è li da tanto di quel tempo da conoscerlo sufficientemente bene)e soprattutto con una certa etica, a differenza di FI e PD dove basta che si le-cca il cu-lo a Berlusconi o a Renzi(a seconda dei casi), poi se sei condannato e/o inquisito per reati contro il patrimonio pubblico(es. peculato, corruzione, appropriazione indebita di danaro pubblico, associazione a delinquere ecc.), poco gli importa. Nel M5S chi ha rubato soldi pubblici non entra, stesso dicasi per chi insulta sul web, è stato candidato con altri partiti oppure ha un passato discutibile(es. ex massone).
        Dunque c'è una bella differenza a par mio.

  • Tutta gente che per foggia non a fatto niente anzi una cosa l'anno fatta i propri interessi.votate movimento 5 stelle almeno questi non rubano.

    • Esatto!!!

  • Ho notato decine di commenti su Sannella e quindi il Foggia Calcio, di tutti i tipi, Calunniatori, Feroni, Disinformati, Arroganti, ecc...ecc..., sulle prossime Politiche e quindi sulle Candidature, poco o niente.
    Sulle Guerre dei Partiti in atto ci ha pensato appunto il Giornale, ma i Cittadini !!!
    Come Mai non hanno fatto NESSUNA RIFLESSIONE, su questi Parlamentari Uscenti, sopra TUTTI il Senatore TARQUINIO, cosa abbia fatto tale "signore", Mai per il Suo Territorio e quindi per la Gente che ha da sempre Rappresentato, in una Vita in Polititica : NULLA.
    Ma il Partito che di volta in volta rappresenta, lo Ripropone sempre, e sempre viene rieletto, questo è quello sul quale si dovrebbe riflettere.
    I Cittadino, Dovrebbe Votare, non solo per l'Orientamento Politico Personale, ma dovrebbe dare il Suo Voto, ARMA MICIDIALE se si sapesse Usare, per Promuovere o Bocciare il Candidato che avesse o meno i giusti Requisiti.
    Invece tutto è normale, tutto si accetta, in nome di quell'antico e Meraviglioso Monologo del Grande Totò che diceva : VOTA ANTONIO, VOTA ANTONIO CHE IL POPOLO E' IGNORANTE.
    C.saluti.

  • Perchè non posso dire la mia ?

    • Ebbene, voglio solo far notare che, da quanto vedo qui sotto, vi sono percentuali altissime di " niet ", sulla candidatura di colei su cui Silvio pose la sua mano per la invest itura... !

      • in che senso Silvio "posò la mano...." sulla donzella di cui dicasi .....?

        • La donzella è andata con il cognato e la sorella ad Arcore da Silvietto

        • Lo disse proprio la donzella, come tu dici, all'epoca in cui iniziò la politica attiva, che aveva avuto modo di conoscere personalmente il Silvio nazional-popolare, in occasione della sua " cerimonia di in-vestitura ", e che lui, nel darle il suo " personale imprimatur ", le aveva detto di averla molto apprezzata per la sua " profonda preparazione e competenza " specifica nel campo : io non ero presente, quindi altro non posso aggiungere, ma proverò a chiedere a Miranda, se lui dovesse avere altri particolari ! D'altro canto, le foto nei giorni scorsi con Silvio ad Arcore, le hai viste ?

          • Non le ho viste. Però, i parametri di giudizio di Silvio sono storicamente molto "personali" e variabili, tant'è che la famosa Minetti (famosa per le cene eleganti nonché formosa) fu eletta al Consiglio Regionale della Lombardia pur no avendo alcuna preparazione "specifica" .

            • si deve aggiungere che, pur cercando nel grande serbatoio della rete, non si trova alcun curriculum della prescelta. La pagina facebook della signora è narcisticamente piena di foto ma priva di contenuti da cui dedurre questa preparazione "specifica"

  • Family landella, di donna è gente che fai uscire dalla porta e ti rientrano dalla finestra.

    • Porta, finestra...: questa volta, troveranno le grate di ferro !

  • Che delusione, Di donna proprio no.

  • Di Donna? Che Dio ci aiuti

    • Organizziamo una pro cessione con i ceri...!

      • non si sprecano le processioni ...

  • andate a %censored% tutti insieme

Notizie di oggi

  • Politica

    Caos playout, il Comune sostiene il Foggia calcio e chiama in causa i legali

  • Cronaca

    Portano via un cane con la forza, volontaria aggredita e minacciata: "Sgozzo te e la Melfitani, poi incendio il locale"

  • Cronaca

    Vandali imbrattano le fioriere del centro di Foggia. L'ira di Landella: "Balordi che si credono artisti"

  • Cronaca

    Prima notte di nozze turbolenta tra Macari e Kragl, litigano e arriva la polizia. Poi il bacio: "Non abbiamo sfondato la stanza"

I più letti della settimana

  • Arrestati i 'fannulloni' dell'ospedale di San Severo: c'è anche un primario, andavano al bar o al mare invece di lavorare

  • Furbetti e assenteisti, arrestati noto primario e dipendenti. La Asl di Foggia: "Sarà dato corso ai licenziamenti"

  • Violenza inaudita a Stornara: aggredisce ragazza a morsi, le stacca parte del labbro e le procura gravi lesioni al volto

  • Assenteismo, blitz nelle strutture dell'Asl: otto arresti della guardia di finanza, sospeso un dirigente

  • Vasta operazione anticrimine dei carabinieri su San Severo: alba di perquisizioni e sequestri

  • Scandalo in ospedale, assenze non giustificate e "forzature" del sistema informatico: ecco i motivi dell'arresto di Pennacchia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento