Manfredonia Vetro, Bordo: “No allo ‘spezzatino’. Il Governo garantisca gli ammortizzatori sociali”

Secondo presidente della Commissione Politiche Ue alla Camera evitare il rischio di “una vendita a pezzi” è fondamentale per rilanciare l’azienda. “Bisogna insistere per individuare un acquirente serio”

"Il Governo deve intervenire subito per evitare il rischio di una vendita a pezzi della Manfredonia Vetro: l'unica soluzione capace di garantire i lavoratori è quella di insistere nell'individuazione di un acquirente serio che voglia investire per far ripartire tutto l’impianto".

Così l'on. Michele Bordo, presidente della Commissione Politiche UE della Camera, dopo aver incontrato, durante il question time alla Camera, il ministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda ed aver parlato al telefono con la viceministra Teresa Bellenova: "A entrambi ho chiesto di intervenire immediatamente sul curatore fallimentare del gruppo Sangalli per ribadire che il Governo lavora ad una soluzione che preveda l’acquisizione dell’intero stabilimento e consenta di far ripartire la produzione".

A motivare l’iniziativa dell'on. Bordo l'avvio, nei giorni scorsi, della procedura di vendita dello stagno, fondamentale per la riaccensione del forno, ancora stoccato presso il sito di Monte Sant'Angelo. "Un atto diverso dagli indirizzi sulla vendita dell’impianto dati dal Governo e che rischia di provocare la reazione dei lavoratori, sui quali tra l’altro già grava la spada di Damocle dell'imminente scadenza della cassintegrazione in deroga. Anche su questo specifico tema ho chiesto l'intervento dei vertici politici del Ministero del Lavoro, pur sapendo quanto sia ristretto il margine di manovra offerto dalla normativa sugli ammortizzatori sociali.

Per tutte queste ragioni - continua l'esponente del Pd - ho suggerito, tanto a Calenda che alla Bellanova, di riconvocare quanto prima il tavolo ministeriale con le parti sociali, gli enti territoriali e il curatore fallimentare, anche al fine di approfondire meglio alcune delle proposte di acquisto dello stabilimento già presentate.

I lavoratori e le rappresentanze sindacali sanno quanto impegno io abbia riversato fino ad oggi nella ricerca di una soluzione a questa difficile vertenza - conclude Michele Bordo – Non ho nessuna intenzione di assistere passivamente allo spezzatino dell'azienda che pregiudicherebbe ogni ipotesi di rilancio dello stabilimento".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Clamoroso nella Lega foggiana, commissariata pure la segreteria provinciale. Cusmai al veleno: "Non sono un burattino"

  • Cronaca

    Imprenditrice muore nel Foggiano: schiacciata da un muletto in "circostanze anomale"

  • Cronaca

    'Ladro per fame', preso con due scatole di tonno e un uovo Kinder: "Lo ha fatto per necessità"

  • Cronaca

    Prima gli fanno l'indeterminato, poi lo licenziano "senza pietà": "Aiutatemi, la mia situazione è molto grave"

I più letti della settimana

  • Piovono filamenti a Foggia: ecco cosa sono

  • Auto si schianta per evitare scontro, autista dell'Ataf presta soccorso ma viene pestato a sangue

  • Arrestato l'uomo che ha picchiato l'autista dell'Ataf: è Carella, personaggio di spicco vicino alla criminalità locale

  • Fuga pericolosa in scooter, via Natola contromano e poi la caduta. Genitore alla polizia: "Ve la faccio pagare"

  • Guida Michelin 2019: l'omino che si lecca i baffi premia quattro ristoranti foggiani

  • Imprenditrice muore nel Foggiano: schiacciata da un muletto in "circostanze anomale"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento