Maltempo a Rodi Garganico: il Consiglio regionale approvata la mozione del PD

I nubifragi hanno interessato i comuni di Ruvo di Puglia, Corato, Molfetta, Terlizzi, Bisceglie, Barletta e Rodi Garganico. Richiesto il riconoscimento dello stato di emergenza e di calamità naturale

Immagine di repertorio

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità una mozione per il riconoscimento dello stato di emergenza e di calamità naturale nelle province di Bari, Barletta-Andria- Trani e Foggia, colpite da nubifragi tra il 14 e il 17 luglio. A presentarla sono stati i consiglieri regionali del Pd, Ruggiero Mennea (primo firmatario), Michele Mazzarano, Marco Lacarra, Paolo Campo e l’assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese.

I nubifragi hanno interessato i comuni di Ruvo di Puglia, Corato, Molfetta, Terlizzi, Bisceglie, Barletta e Rodi Garganico. Mennea, durante la relazione in Consiglio regionale, ha fatto riferimento, in particolare, ai gravi danni registrati a Molfetta, dove il problema è legato al fatto che negli anni scorsi si è costruito in una lama.

Nella mozione, in particolare, si fa riferimento alla conformazione orografica ed idrogeologica dei territori “che ha determinato l’afflusso di una ingente quantità di acqua” e ai “fenomeni diffusi di allagamenti non solo nelle campagne, ma anche nelle zone industriali” con invasione di depositi e locali di lavorazione di molte aziende, deterioramento delle merci presenti, gravi danni economici e blocco delle attività produttive, nonché danni alle infrastrutture (in particolare quelle viarie, rese in alcuni tratti impraticabili o comunque pericolose al transito di persone e mezzi), per finire con i danni alle produzioni agricole di ciliegie e uva da tavola, in un periodo prossimo alla vendemmia.

RODI GARGANICO, EVACUATI 225 TURISTI

Mennea, che è anche presidente del comitato permanente di Protezione civile regionale, rispondendo ai rilievi mossi da alcuni esponenti di opposizione, ha rimarcato come “la celerità dei provvedimenti dipende innanzitutto dai comuni che devono attivare i COC (Centri Operativi Comunali)” e che “quando queste procedure non vengono attivate è difficile andare avanti con la dichiarazione di stato di calamità e dimostrare l’entità dei danni”.

CAMPING 'SERENELLA', ORA SI RIPARTE

Per questo l’esponente del Pd ha rimarcato l’importanza del progetto Smart Protezione civile Puglia “che intende gestire il settore della protezione civile partendo dall'analisi del territorio per conoscere su quali rischi intervenire preventivamente". “Per questo da ora il motore della Protezione civile pugliese dovrà essere la prevenzione”.

Potrebbe interessarti

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento